lunedí, 22 aprile 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

swan    class 40    niji 40    regate    melges 24    america's cup    interviste    guardia costiera    turismo    trofeo princesa sofia    cnsm    la duecento    ufo22    foiling    il moro di venezia    vela paralimpica    confindustria nautica    tiliaventum   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

arkea ultim challenge armel le cl 233 ac riparte da rio
Roberto Imbastaro

Dopo poco più di 48 ore di sosta tecnica a Rio de Janeiro, lo skipper di ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest, Armel Le Cléac'h, e il suo ULTIM Maxi Banque Populaire XI sono tornati in pista. Ha lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in terza posizione alle 17:38 UTC.

Grazie alla grande cooperazione delle autorità in Francia e Brasile, il team tecnico del Banque Populaire XI è riuscito a sostituire i due timoni danneggiati nell'Atlantico meridionale. Al momento di lasciare il molo, Le Cléac’h ha dichiarato che la sua unica ambizione è arrivare al traguardo della gara.

"È stato un incredibile exploit logistico," ha spiegato Le Cléac'h, "È stata messa in atto un'importante catena di solidarietà che ci ha permesso di partire il più rapidamente possibile."

La sosta tecnica di Le Cléac'h è durata poco più di due giorni, iniziata venerdì nella baia di Rio de Janeiro alle 14:17 di venerdì. Sul posto c'erano cinque membri del team tecnico che stavano già aspettando Armel Le Cléac’h.

"Il team ha prima effettuato una valutazione tecnica per stimare tutti i danni," ha spiegato lo skipper. Hanno dovuto riparare due danni, uno che è avvenuto lo scorso martedì a seguito di una collisione con il timone di dritta, il secondo colpo è stato giovedì sul timone centrale. "

I due timoni di ricambio sono stati trasportati dalla Francia e sono stati ricevuti sul posto alle 3 del mattino di oggi.

"Siamo stati fortunati ad essere aiutati da molte persone, presso l'ambasciata francese in Brasile, presso il Ministero degli Esteri e persino dalle dogane brasiliane. Tutti loro ci hanno permesso di avere i timoni disponibili così rapidamente," spiega Le Cléac'h. "Desidero esprimere il mio più caloroso apprezzamento per coloro che ci hanno aiutato negli ultimi due giorni." Il montaggio dei timoni è stato completato questa mattina, domenica. "Il team è rimasto al 100% concentrato sull'ottimizzazione della riparazione il più possibile e mi ha permesso di tornare in mare."

Anche se ha aiutato dove poteva con le riparazioni, Armel ha anche colto l'occasione per riposarsi. "Sono più di 40 giorni che non riesco a dormire una notte intera o a fare una doccia. Sono riuscito a riposarmi bene." Tuttavia, non c'è alcuna domanda per Armel riguardo al sollievo dalla pressione. "Non ho avuto tempo per prendermi davvero una pausa, sono rimasto molto sulla barca e non mi sono mai staccato dalla modalità gara."

Avendo perso di nuovo la seconda posizione a Coville ieri sera, Le Cléac'h ha commentato così oggi: "Non voglio guardare avanti ma sappiamo assolutamente che tutto è ancora possibile in questa regata intorno al mondo. Tutte le barche sono stanche, i marinai sono stanchi e questa gara è straordinaria, il destino può cambiare in frazioni di secondo. Tutto ciò che voglio fare è arrivare al traguardo, voglio arrivare fino in fondo per poter terminare questa straordinaria avventura".


Ogni domenica la direzione di corsa sviluppa un tema da approfondire con gli skipper, e questa settimana si è parlato del rumore a bordo che è costante a bordo degli ULTIM. Ci sono le onde e gli spruzzi sui flottaggi e la carena, ci sono le derive che fischiando e ronzano, gli sforzi e le tensioni sull'attrezzatura. Da un lato i suoni servono spesso ai marinai per interpretare cosa succede con la loro barca, dall'umore soddisfatto di alte velocità e acque relativamente calme alla cacofonia di carichi pesanti e allarmi che suonano tutto il tempo. Vivere, lavorare, gestire questi giganti dove i suoni non smettono mai e sono di solito utili è stancante, anche se esauriente, specialmente dopo sei settimane in mare.

Le letture del rumore sono sorprendenti. A Sodebo hanno effettivamente misurato il rumore a bordo e i dati sono spesso a 100 decibel, equivalente al suono di una motosega o degli altoparlanti in una discoteca. E per capire appieno devi imparare e capire da dove provengono tutti questi suoni.

“Il rumore varia a seconda del ritmo e della velocità,” spiega Éric Péron (ULTIM ADAGIO). “Le derive fischiano, le pinne vibrano, le onde colpiscono la carena e le braccia di connessione. A volte la barca rimbalza, le scotte e le cime colpiscono la struttura... È solo rumore costante!”

“Il rumore a bordo? È proprio infernale,” ha ribadito Anthony Marchand (Actual Ultim 3) l'altro giorno. “Ma non puoi proprio dire che è l'inferno, altrimenti non dureresti neanche due mesi! Non abbiamo altra scelta se non adattarci. E ci rendiamo conto che col tempo il corpo umano è capace di adattarsi a molte cose, molto più di quanto si possa pensare.”

Detto questo, il corpo soffre, comprese le orecchie e l'udito. Armel Le Cléac’h indossa spesso cuffie che cancellano il rumore.

“Quando me le tolgo e torno al volume normale, è come essere su una pista d'aeroporto,” spiega Le Cléac'h, skipper del Maxi Banque Populaire XI. “In realtà il mio udito in un orecchio è meno buono a causa della navigazione con barche rumorose.” “È quasi un pericolo per la salute,” sottolinea Thomas Coville. “Finisce per irritare dentro il timpano, è quasi imbarazzante.” Eppure, nonostante tutto, è impossibile isolarsi da tutti questi suoni.

“La realtà è che dobbiamo ascoltarli, interpretarli per sapere se tutto va bene a bordo,” aggiunge Éric Péron.

“Non possiamo combattere questo suono,” spiega Thomas Coville. “I rumori di clic, gli allarmi, gli impatti sulla carena: tutto ciò richiede di essere ancora più all'erta, ancora più attenti. La più piccola vibrazione ha un significato, mi avverte, mi rassicura.” Per lo skipper di Sodebo Ultim 3, i rumori sono una necessità, “La molteplicità dei suoni che sentiamo costantemente ha finito per sintonizzare il nostro orecchio. Ci permette di regolare correttamente la barca e quindi si aggiunge alle competenze di essere un buon marinaio.”

E, naturalmente, allontanarsi dal rumore è una piccola motivazione per tornare a terra il più rapidamente possibile per godere dei suoni del silenzio come ricompensa di per sé.

“È una strana sfaccettatura della vita a bordo perché non appena metti piede a terra, in uno scalo o al termine, ti abitui rapidamente a tutti i comfort e la calma e il silenzio ne fanno parte,” sorride Anthony Merchant. E Coville conclude: “Il silenzio, insieme agli odori della vita a terra e semplicemente stare fermi, sono tra le cose che mi mancano di più su una barca, cose di cui ho più bisogno”. 

 

 


18/02/2024 21:07:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Caorle, La Duecento: già 90 barche a 15 giorni dalla partenza

A due settimane dal via de La Duecento, gli iscritti raggiungono quota 90 imbarcazioni, un record assoluto per la regata del Circolo Nautico Santa Margherita di Caorle che festeggia quest’anno la 30°edizione

America's Cup: anche Ineos Britannia è bellissima!!!

Rivelata la barca che tutti i fan britannici sperano abbia la migliore possibilità di vincere la 37ª America's Cup di Louis Vuitton in 173 anni di vani tentativi

Medaglia d’Oro al Valore Atletico per gli uomini del Moro di Venezia

Mercoledì 17 aprile alle ore 12.00, presso il Centro di Preparazione Olimpica Acquacetosa a Roma l’equipaggio de Il Moro di Venezia è stato insignito della Medaglia d’Oro al Valore Atletico alla presenza del Ministro dello Sport e i giovani Andrea Abodi

Gli Swan ripartono da Scarlino

ClubSwan Racing conferma le eccezionali sedi del 2024 per Swan One Design in giro per il Mediterraneo. La Rolex Swan Cup a Porto Cervo a settembre rappresenta il clou della stagione con l'atteso Swan One Design Worlds di ottobre

Alinghi Red Bull Racing: l'America's Cup è un lavoro di squadra

Alinghi Red Bull Racing ha presentato ufficialmente BoatOne, l’AC75 con il quale parteciperà alle regate di selezione per la 37ma America’s Cup. Si sono esibiti gli artisti acrobati Castellers che hanno realizzato una spettacolare torre umana

Marina Genova, dal 17 al 19 maggio 2024 il 2° Classic Boat Show

Dal 17 al 19 maggio il porto turistico internazionale Marina Genova ospiterà la seconda edizione del Classic Boat Show, il Salone dedicato alla marineria tradizionale che si svolgerà in contemporanea a Yacht & Garden

Cagliari: conclusa la 2a tappa della Coppa Italia iQFoil

Si è conclusa nel mare del Poetto di Cagliari dopo tre giornate di brezza leggera, la seconda tappa di coppa Italia organizzata dal Windsurfing Club Cagliari e dalla Fiv

Il J24, Marina di Carrara: La Superba vince la Regata Nazionale J24 - Trofeo Menchelli

Sette prove e diciotto equipaggi per la manche ben organizzata dal Club Nautico Marina di Carrara valida anche come Coppa Italia 2024 e Trofeo Fabio Apollonio. Il Circuito Nazionale J24 proseguirà nelle acque labroniche il 27 e il 28 aprile

2.4mR, Jesolo: con fatica ma la spunta Antonio Squizzato

Il campione italiano in carica Antonio Squizzato non ha avuto vita facile in acqua, incalzato dall’atleta svizzero Urs Infanger, conquistando alla fine la vittoria con quattro primi e due secondi posti

Viareggio: Bonanno e Serravalle vincono il Campionato di Flotte Star 2024

A Viareggio si è concluso dopo quattro tappe la manifestazione proposta dalla Società Velica Viareggina. Le prime due prove del Campionato di Primavera Finn sono invece state vinte da Stefano Giaconi e da Italo Bertacca

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci