sabato, 13 aprile 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    ocean globe race    barcolana    regate    ilca 4    cambusa    scuola    normative    iqfoil    ambiente    circoli velici    mini 6.50    niji 40    fincantieri    este 24   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: quarto posto per Anthony Marchand

arkea ultim challenge quarto posto per anthony marchand
Roberto Imbastaro

Lo skipper francese Anthony Marchand si è classificato al quarto posto nell'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest tagliando il traguardo di Brest ieri pomeriggio alle ore 14:08:21 UTC sul suo ULTIM Actual Ultim 3.

Marchand, che ha compiuto 39 anni durante la regata, ha dovuto fermarsi due volte per fare riparazioni tecniche: una volta a Città del Capo dopo aver perso il suo foil di dritta, poi a Dunedin, in Nuova Zelanda, a causa di problemi con il meccanismo del suo foil di sinistra. Anthony  ha praticamente corso senza i foil e quindi la sua prestazione è stata veramente notevole, completando il giorno del mondo in poco più di due mesi.

Hai appena completato una gara intorno al mondo in 64 giorni, come ti senti?

Ho sognato di concludere questa gara ma ho anche temuto questo momento. È sempre strano rivedere i volti, la mia famiglia, il team, i partner, il pubblico. So che mi hanno sostenuto durante tutta questa gara e sono felice di essere qui. Non è stato facile. Dopo Città del Capo, non ho potuto usare i miei due foil e queste barche non sono proprio fatte per navigare senza un foil. Ci si abitua a tutto. E ce ne rendiamo davvero conto solo quando attraversiamo la linea del traguardo qui a Brest e realizziamo che abbiamo dovuto mettere così tanta energia per tornare qui al traguardo.

È una gara in solitario ma si tratta di lavoro di squadra?

Sì, questi progetti sono completamente basati sul lavoro di squadra, e sappiamo bene che ci sono persone là fuori che ci sostengono. Per ogni piccolo problema, il team è lì sempre, giorno e notte. Ogni cosa che viene riparata è il risultato del lavoro di squadra collettivo ed è fantastico. Gareggiamo in solitario intorno al mondo, ma questo risultato è davvero raggiunto come squadra. Queste sono grandi avventure. Non si può che crescere da questa esperienza, che includa tutti alla Actual, il team e me. Ci è voluto più tempo del previsto ma per me sono stati 64 giorni di preparazione per il prossimo.

Ti sei divertito durante questa gara?

Inevitabilmente si prova molto piacere perché queste sono davvero barche favolose. La vela a volte può essere uno sport ingrato e doloroso, ma è per questo che veniamo. Non è mai facile, sempre difficile, ma è per questo che navighiamo, per essere spinti ai nostri limiti e vedere quanto lontano possiamo arrivare.

Sei riuscito a seguire il resto della gara?

Ho guardato tutte le loro trasmissioni in diretta, erano i miei piccoli momenti. Sono orgoglioso per tutti i ragazzi che hanno finito, sono tre grandi progetti, tre macchine magnifiche. Penso che non sia stato facile per loro ma questa è stata una vera gara intorno al mondo per tutti e complimenti a tutti. Ognuno ha viaggiato per il mondo a modo suo e c'è ancora Eric che arriva mercoledì. Sono grandi storie!

Come ti sei sentito alla linea del traguardo?

Non mi aspettavo di piangere, ma quando ho visto che tagliavo la linea, non riuscivo a controllare nulla, ho cominciato a piangere, quasi per scaricare i nervi. Penso che sia un sollievo. Non perché sia un sollievo, ma perché ci si sforza molto per gareggiare intorno al mondo. Passiamo due mesi su una barca con allarmi che suonano ogni cinque minuti, sempre, sempre, sempre in ascolto in allerta costante; è uno stress continuo. Sai quando attraversi la linea del traguardo che tutto è finito, è fatto. Ti rilassi e ti godi il momento.

Ti ha sorpreso la tua capacità di rimanere sempre in corsa?

Sì e no, avevo già imparato quanto sia duro alla Solitaire du Figaro

Quali sono le immagini più forti della tua gara intorno al mondo?

Ce ne sono due. La partenza e subito dopo la linea di partenza. Sono stati momenti magnifici in cui tutti stavamo spingendo forte ed è stato magico. E poi il traguardo. Ci sono state molte immagini importanti durante il passaggio, tra tutte sicuramente Capo Horn. ph. Alexis Courcoux

 


12/03/2024 08:45:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Palermo: conclusa la decima edizione della regata "Una Vela Senza Esclusi"

Si è conclusa oggi, Domenica 7 Aprile, la decima edizione della regata velica Una Vela Senza Esclusi, tappa del Campionato Regionale Vela Paralimpica Hansa 303 organizzato dalla Lega Navale Italiana - Sezione Palermo

Caorle: terminata una combattutissima "Ottanta"

Oryx Line Honour X2, Irina Xtutti. In ORC vittoria assoluta di Demon-X X2 e Farraway Xtutti

Ocean Globe Race: Translated 9 si ritira

Si sono riaperte le crepe nello scafo riparate a seguito di un urto con un oggetto sommerso e la barca si dirige verso il Portogallo pronta, se necessario, all'abbandono della nave

Circuito Nazionale Este24, il primo acuto è di Milù4 di Andrea Pietrolucci

Dopo una serie di weekend impegnativi dal punto di vista meteorologico, la flotta degli Este24 si è ritrovata a Santa Marinella per la nuova stagione, come sempre ricca di eventi e di novità

Niji40: partono in testa Alberto Riva e Andrea Fornaro

I due italiani sono ai primi due posti, con Acrobatica di Alberto Riva che precede di poco Influence 2 di Andrea Fornaro

Niji 40 finita per Matteo Sericano

Infortunio a bordo, Sericano e Tyrolit si ritirano dalla Niji 40 e puntano alle prossime regate. Matteo Sericano e Luca Rosetti hanno condotto la barca in porto a Gijon per consentire le cure a Giovanni Licursi che è stato trasferito in Ospedale

A Palma è l'Italia la "Princesa"

Vola la vela italiana a Palma di Maiorca con due ori e due argenti conquistati nel Trofeo Princesa Sofia

Garda: gran finale dell’OpenSkiff Eurochallenge #1e della regata Internazionale RS Aero

Nell'OpenSkiff under 15 la spunta il francese Ganivet, secondo Gianluca Pilia; il polacco Staron ha la meglio negli under 17. Francesca Ramazzotti, Elias Nonnis e Nick Craig sul gradino più alto del podio assoluto RS Aero 5, 6 e 7

Adriatica torna in Mediterraneo con un "occhio" all'ambiente

Adriatica, l’iconica barca rossa che ha dato vita a “Velisti per Caso”, di Patrizio Roversi e Syusy Blady, torna a navigare nel Mediterraneo e lo fa con “Le Vele del Panda”, progetto di WWF e Sailsquare, per la tutela e salvaguardia della fauna marina

Open Skiff Eurochallenge - RS Aero: primi due giorni favolosi con bel vento e sole

Prime posizioni internazionali con Italia, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Polonia, Irlanda leader nelle varie classi e categorie

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci