sabato, 13 luglio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

quebec saint malo    regate    optimist    carthago dilecta est    pesca    ambiente    wwf    reale yacht club canottieri savoia    rs21    swan    melges 32    rs aero   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h al terzo posto

arkea ultim challenge armel le cl 233 ac al terzo posto
redazione

Armel Le Cléac'h, vincitore della Vendée Globe 2016-17, ha mantenuto il suo record di finire sul podio in tutte e tre le sue gare in solitaria intorno al mondo fino ad ora quando ha tagliato il traguardo per completare la ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest, la gara in solitario su multiscafo intorno al mondo, alle 20:31:31 di questa domenica sera, conquistando il terzo posto a bordo dell'ULTIM Banque Populaire XI.

Il tempo impiegato da Le Cléac'h per completare il percorso è di 56 giorni, 08 ore, 01 minuti e 31 secondi. Ha terminato con un ritardo di 5 giorni, 12 ore, 53 minuti e 49 secondi rispetto al vincitore Charles Caudrelier.

Il terzo posto è una giusta ricompensa per la sua resilienza, la resistenza e la determinazione piuttosto che per le sue capacità, ampiamente comprovate, che sono state il suo marchio di fabbrica: mantenere alte velocità medie, strategie meteorologiche astute e sicure completate da un profondo desiderio di vincere.

Mentre tagliava il traguardo il suo volto si è aperto in un ampio sorriso alzando il pugno, rivelando l'immensa soddisfazione del navigatore francese per aver finalmente completato il percorso di 22.640 miglia nautiche.

Queste le sue dichiarazioni appena giunto in banchina.


Ci si potrebbe aspettare che l'aggettivo "complicato" riassuma la tua gara intorno al mondo?

Armel Le Cléac'h: "Esattamente; è stata una gara molto complicata per me. È iniziata con il primo grande danno che ho avuto nella prima tempesta, poi è continuata con problemi meteorologici e tecnici. Ogni volta che pensavamo di vedere una porta che si apriva, si chiudeva subito, o perché il tempo era brutto o perché c'era un danno. Penso in particolare al danno al timone (strappato dalla barca dopo aver colpito un tronco - ndr) mentre navigavamo lungo l'Argentina. Quando siamo partiti da Rio, pensavamo di finire il giro del mondo "safely", ma c'è stato questo problema piuttosto serio con questa grande falla che ha causato molti problemi negli ultimi giorni."

Deve essere stato bello finire, era arrivato il momento...

“Sono un po' stanco di tutto questo, è un po' difficile da sopportare. Non c'era tregua. Ho la sensazione che tutto sia andato storto. Non c'è mai stata un'opportunità da cogliere in questa gara intorno al mondo. È stata davvero piena di sfide e avventure. Non è da poco fare il giro del mondo su un Ultim, ed è stato complicato. Appena c'è un problema tecnico, appena il tempo non è buono, devi trovare altre soluzioni. Pesa sulla mente: sono venuto a gareggiare per vincere. A Recife (il suo primo scalo), la possibilità di vincere si è chiusa e abbiamo accumulato un grande gap rispetto ai primi due. Poi Charles che si è trovato tutto solo. Non c'era nulla che potessi fare per raggiungerlo. Eravamo riusciti a recuperare metà del nostro gap su di lui, ed è lì che si sono rotti il timone e la deriva principale. Mentalmente è dura perché ho davvero avuto 56 giorni così. C'è sempre stato l'obiettivo di finire, che era il primo obiettivo con il team e con questa barca. Ma diciamo che è stata un'esperienza stancante. Sono praticamente alla fine delle mie forze. Da sabato scorso, è stato davvero difficile navigare con un buco nella barca. Ho messo una vela sopra il buco, ma appena un'onda la superava, entra un sacco d'acqua nella barca. Non ho dormito. La barca stava volando di nuovo, il che facilitava il progresso, ma ero teso per questo guasto. Quando è successo ho pensato che sarei stato semplicemente felice di finire, e che non avrei bisogno di essere cullato per addormentarmi! Ho consumato molto le mie riserve di energia.

Hai gareggiato in tre Vendée Globe. È più difficile gareggiare intorno al mondo su un Ultim?

“È molto più intenso navigare su queste barche perché tutto è moltiplicato: la velocità, la gestione delle manovre, la pianificazione tecnica anche. Ci sono momenti di pausa, periodi di riposo in un Vendée Globe che non hai nell'ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest. È sempre a tutto gas, ed è davvero impegnativo per lo skipper. Ne ho parlato con Thomas: è una vera maratona. Ho navigato bene su questa barca, sapevo cosa aspettarmi, ma ero davvero esausto”.

La velocità che cercavi sempre essendo indietro, è quella la parte difficile? È quella che genera la vera grande pressione?

“Quello che davvero ti logora mentalmente, quando fai in un giorno 700 miglia, è che fai una media di 35 nodi. Stressa davvero e stanca il corpo e la mente. Siamo all'estremo di ciò che possiamo fare nella vela d'altura, nel più difficile. I due navigatori che sono arrivati prima di me hanno anche dettagliato la loro avventura, erano molto scossi da ciò che hanno vissuto. Non stiamo mentendo quando diciamo che è impegnativo. È duro e, quando le condizioni diventano difficili o abbiamo problemi tecnici, questo si aggiunge alla naturalecomplessità”.

Hai fatto la migliore distanza in 24 ore, hai avuto alcune grandi accelerazioni di velocità. Ci sono stati momenti davvero piacevoli?

“Ci sono state cose fantastiche, non tutto è stato difficile. Ho avuto delle grandi giornate di velocità in 24 ore. Avevo il record in tasca (Armel ha fatto 842 miglia il 31 gennaio, il record è detenuto da François Gabart, 850,68 miglia nel 2017), ma ho avuto un problema con il timone, si è svitato, il che significava che il timone era molto duro. Dovevo mettere il piede sul freno, ma ero pronto a fare 40 o 50 miglia in più del record. E queste fermate, anche se sono difficili da sopportare, generano grandi incontri. A Recife e a Rio, abbiamo incontrato persone che ci hanno dato aiuto logistico. Anche il Pacifico è stato un buon momento: è passato rapidamente, l'abbiamo attraversato in una settimana, il che mostra la capacità della barca quando tutto va bene. Ho superato Capo Horn di notte, ma vedere Staten Island all'alba è stata un'immagine bellissima”.

Qual è la tua valutazione della tua barca?

“Non sono deluso dalla barca. Abbiamo avuto problemi tecnici che non avevamo mai avuto prima, eppure abbiamo percorso molte miglia, soprattutto nella Transat Jacques Vabre. Qui abbiamo avuto problemi che non avremmo mai immaginato, e soprattutto, abbiamo avuto il colpo al timone. Il buco nel ponte è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Questa è la prima volta che abbiamo viaggiato intorno al mondo su un Ultim. Ci sono solo tante possibilità di controllare la barca, a differenza di un equipaggio. Abbiamo avuto problemi, ma anche le altre barche hanno sofferto. Eppure, abbiamo avuto successo nel concetto, la gara terminerà probabilmente con 5 barche su 6 al traguardo. Sarà un grande successo collettivo nonostante i problemi tecnici”.

Cosa hai imparato?

“Ho un po' la stessa sensazione della fine del Vendée Globe: ho la sensazione di aver controllato la barca con successo in tutte le condizioni immaginabili anche a 55 nodi di vento, a favore del vento. Quando si tratta di manovre, ce l'ho fatta. Conosco molto bene la barca, so come lavorarla e regolarla, ed è incredibilmente veloce. E poi c'è questa famosa "resilienza", questa capacità che non sappiamo di avere dentro di noi di superare le cose. Quando ho sentito che la barca era piena d'acqua, ho pensato che stavo per affondare. È stata un po' un'emergenza assoluta, il panico e, 12 ore dopo, l'acqua era svuotata, il buco bloccato, e stavamo andando di nuovo. Sono cose che scopriamo da soli, che ci aiutano a progredire e che non possiamo allenare. Ho imparato anche sul meteo, con Marcel van Triest e il team, che mi hanno guidato e dato risposte che non avevo".

 

 


04/03/2024 11:25:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint-Malo: naufragio (e salvataggio) per Alberto Riva e Acrobatica

L’equipaggio, composto da Alberto Riva, Jean Marre e Tommaso Stella, sta bene ed è al sicuro su una nave cargo che l’ha tratto in salvo

“Route to Barcelona”: Silvestri e Paliotto (RYCC Savoia) staccano il pass per assistere alla UniCredit Youth America’s Cup

Si è svolta venerdì scorso, 5 luglio, la terza delle sette regate previste dall’iniziativa promossa da UniCredit “Route to Barcelona”

Quebec Saint Malò: Alberto Riva, Tommaso Stella e Jean Marre sbarcheranno alle Azzorre

La direzione di corsa della Quebec Saint Malò ha comunicato che la petroliera liberiana Silver Ray con a bordo i tre velisti soccorsi ieri in pieno Atlantico, farà scalo nelle isole Azzorre, per consentire lo sbarco

Quebec Saint Malò: per Ambrogio non va "alla grande", lo scafo imbarca acqua

Regata finita anche per Ambrogio Beccaria che imbarca acqua nel suo Class 40 Alla Grande Pirelli

L'87% del Mar Mediterraneo è inquinato!

Con 1,9 milioni di frammenti per mq presenta la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità. L’inquinamento idrico provoca 1,4 milioni di morti premature al mondo ogni anno

Riva del Garda, Melges 32: parte benissimo il tedesco Wilma

Il team tedesco di Wilma con Nico Celon alla tattica mette da subito le cose in chiaro firmando con due vittorie le prime due prove della giornata

Moscioli in pericolo: Slow Food decide il fermo pesca

Innalzamento temperature marine: dovremo dire addio al saporito Mosciolo selvatico di Portonovo?

Prima giornata della 39a Salò Sail Meeting

Un vento debole e discontinuo ha caratterizzato la prima giornata della 39a edizione della Salò Sail Meeting, classica di metà estate per i monotipi gardesani organizzata dalla Canottieri Garda

Prima Tappa Club Swan 42 a Valencia per il Trofeo SM La Reina

Nei Club Swan 42 vince Nadir di Pedro Vaquer, mentre il podio è tutto Swan negli ORC 1

Calasetta, RS Aero: seconda giornata della 4a regata nazionale

Francesca Ramazzotti passa al comando nella classe RS Aero5 e FIlippo Vincis sta dominando negli RS Aero 6

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci