sabato, 13 aprile 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    ocean globe race    barcolana    regate    ilca 4    cambusa    scuola    normative    iqfoil    ambiente    circoli velici    mini 6.50    niji 40    fincantieri    este 24   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: Eric Peron, last but not least

arkea ultim challenge eric peron last but not least
Roberto Imbastaro

Éric Péron  e il suo ULTIM ADAGIO hanno attraversato la linea di arrivo dell'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest alle 14:44:27, posizionandosi al quinto posto; è l'ultimo skipper a completare il percorso di 22.460 miglia nautiche, iniziato domenica 7 gennaio. Il suo tempo finale è di 66 giorni, 01 ora, 14 minuti e 27 secondi, 15 giorni, 6 ore, 6 minuti e 45 secondi dopo il vincitore Charles Caudrelier.

Terminare il percorso è un grande trionfo per Péron, che ha lavorato molto duramente per mettere insieme le risorse necessarie per creare un piccolo team e affrontare l'Ultim, l'unico non foil tra i sei che hanno preso parte alla gara. Un ex regatante delle classi olimpiche trasformatosi in regatante Figaro, il 42enne, che vanta anche esperienze nell'Ocean Race, nell'Ocean Fifty e nell'IMOCA nel suo esteso curriculum, voleva mettersi alla prova e affrontare una nuova sfida ad alto livello.

"Ho sempre voluto affrontare sfide, e gareggiare in tutto il mondo a bordo di un Ultim è una di queste," ci ha detto prima della partenza. La scorsa estate, ha preso in consegna l'Ultim, l’ex  Actual che ha iniziato la sua vita nel 2001 come Geromino di Oliver de Kersauson, subendo sostanziali aggiornamenti da parte di Thomas Coville nel 2014. Da lì ha lavorato instancabilmente per trovare il finanziamento, ottenendo infine il patrocinio principale dalla catena di aparthotel francese Adagio.

Ha ottenuto la sua qualifica solo a novembre mentre i suoi rivali stavano tornando dalla Transat Jacques Vabre. Nei giorni precedenti alla partenza, il suo mantra era "Voglio solo finire la gara".

Il giorno della partenza è il primo a salire a bordo del suo ULTIM. Dopo settimane di lotta contro praticamente tutto, vivendo con poche ore di sonno e lo stress elevato nel gestire il suo progetto con un budget limitato, le emozioni erano molte mentre lasciava Brest.

A bordo della sua imbarcazione tradizionale, senza foil, sa che il suo viaggio intorno al mondo sarà molto diverso da quello degli altri skipper. Ma trova il suo ritmo, anche se perde costantemente miglia rispetto alle barche davanti già a Madeira e alle Canarie.

Poi ha subito un impatto sul suo timone di dritta. Come Tom Laperche e Anthony Marchand, ha dovuto fare una sosta tecnica a Città del Capo di poco più di 24 ore.

"Grazie al mio team per essere così dedicato, non avrei potuto sognare di meglio", dice, commosso, mentre parte.

Supera il Capo Leeuwin dopo 32 giorni in mare e fa un ottimo passaggio dell'Oceano Pacifico - una buona parte del quale è ottenuta sulla parte anteriore di un fronte caldo, che descrive come "un grande incoraggiamento". Poi c'è il passaggio iconico di Capo Horn. Ed è il più veloce nella traversata dell'Oceano Pacifico, 1 ora e 14 minuti più veloce di Charles Caudrelier. Péron prende il tempo per godersi tutto: "Il volo di un albatro, una bellissima luce, un grande sole – racconta da bordo - Ci si dimentica rapidamente che ci sono momenti duri, intensi, dolorosi ma si ricordano solo i belli".

A causa del suo rapido passaggio del Pacifico, recupera centinaia di miglia sul quarto classificato Anthony Marchand e i due ex rivali della classe Figaro si contendono il quarto posto nella risalita dell'Atlantico meridionale. Ma 'Antho', posizionato più vicino alla costa, riesce a scappare per primo. Péron aspetta pazientemente nelle leggere brezze, ma non è veramente felice quando esce dalla calma equatoriale, poiché i venti leggeri vengono sostituiti da forti venti e mari in tempesta.

Qualche giorno fa ha osservato: "Sono orgoglioso di essere uno di quelli che hanno osato". Durante tutta la sua gara non è stata solo la sua abilità come velista e la sua capacità di spingersi oltre che è stata più impressionante, ma anche la capacità di raccontare le sue storie vividamente e condividerne l'intensità.

"Sto per vivere il mio amore per il mare e ciò mi permetterà di apprezzare ancora di più il mio amore per la terra", ha sintetizzato quando è partito. E oggi ha realizzato entrambi.

 


13/03/2024 17:49:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Palermo: conclusa la decima edizione della regata "Una Vela Senza Esclusi"

Si è conclusa oggi, Domenica 7 Aprile, la decima edizione della regata velica Una Vela Senza Esclusi, tappa del Campionato Regionale Vela Paralimpica Hansa 303 organizzato dalla Lega Navale Italiana - Sezione Palermo

Caorle: terminata una combattutissima "Ottanta"

Oryx Line Honour X2, Irina Xtutti. In ORC vittoria assoluta di Demon-X X2 e Farraway Xtutti

Ocean Globe Race: Translated 9 si ritira

Si sono riaperte le crepe nello scafo riparate a seguito di un urto con un oggetto sommerso e la barca si dirige verso il Portogallo pronta, se necessario, all'abbandono della nave

Circuito Nazionale Este24, il primo acuto è di Milù4 di Andrea Pietrolucci

Dopo una serie di weekend impegnativi dal punto di vista meteorologico, la flotta degli Este24 si è ritrovata a Santa Marinella per la nuova stagione, come sempre ricca di eventi e di novità

Niji40: partono in testa Alberto Riva e Andrea Fornaro

I due italiani sono ai primi due posti, con Acrobatica di Alberto Riva che precede di poco Influence 2 di Andrea Fornaro

Niji 40 finita per Matteo Sericano

Infortunio a bordo, Sericano e Tyrolit si ritirano dalla Niji 40 e puntano alle prossime regate. Matteo Sericano e Luca Rosetti hanno condotto la barca in porto a Gijon per consentire le cure a Giovanni Licursi che è stato trasferito in Ospedale

A Palma è l'Italia la "Princesa"

Vola la vela italiana a Palma di Maiorca con due ori e due argenti conquistati nel Trofeo Princesa Sofia

Garda: gran finale dell’OpenSkiff Eurochallenge #1e della regata Internazionale RS Aero

Nell'OpenSkiff under 15 la spunta il francese Ganivet, secondo Gianluca Pilia; il polacco Staron ha la meglio negli under 17. Francesca Ramazzotti, Elias Nonnis e Nick Craig sul gradino più alto del podio assoluto RS Aero 5, 6 e 7

Adriatica torna in Mediterraneo con un "occhio" all'ambiente

Adriatica, l’iconica barca rossa che ha dato vita a “Velisti per Caso”, di Patrizio Roversi e Syusy Blady, torna a navigare nel Mediterraneo e lo fa con “Le Vele del Panda”, progetto di WWF e Sailsquare, per la tutela e salvaguardia della fauna marina

Open Skiff Eurochallenge - RS Aero: primi due giorni favolosi con bel vento e sole

Prime posizioni internazionali con Italia, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Polonia, Irlanda leader nelle varie classi e categorie

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci