giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: l'importanza della gestione del sonno

arkea ultim challenge importanza della gestione del sonno
Roberto Imbastaro

La scorsa settimana si è parlato di cibo, questa settimana è il sonno il tema della discussione. "Per resistere in questo lunghissime regate è necessario mangiare bene e dormire bene - ribadisce Charles Caudrelier - ed è impossibile dormire otto ore di fila ogni notte".

Dormire bene è una battaglia in sé. Come molte altre cose, richiede preparazione sia dal punto di vista tecnico che psicologico. Ciò può includere attrezzature specifiche, allarmi, collaborazione con esperti di apnea. La gestione del sonno è da tempo diventata una questione di prestazione.

Queste informazioni potrebbero essere utili anche a tutti gli insonni là fuori, coloro che si svegliano di notte e non riescono a tornare a dormire, tutti coloro che faticano a passare una notte intera d'un fiato. I navigatori solitari non hanno scelta. Quando sono partiti due domeniche fa, il 7 gennaio, hanno iniziato a dormire con brevi pisolini della durata che va da pochi minuti a 90 minuti."

Armel Le Cléac’h spiega: "Quello che cerchiamo di fare è dormire il più regolarmente possibile cinque, sei, forse sette volte complessivamente nelle 24 ore, in incrementi da 30 minuti a 1 ora e 30 minuti".

La regola d'oro è non aspettare, cogliere ogni opportunità. "Appena le condizioni sono buone, devi dormire".

"All'inizio, sei in ottima forma forse per 48 ore, ma inevitabilmente, consumando le tue energie, entri in un deficit di sonno", spiega Sébastien Josse, membro del team a terra di Banque Populaire e co-skipper di Armel nella Transat Jacques Vabre. "Poi fai il tuo piccolo pisolino, ti svegli per controllare tutto e, se possibile, puoi tornare a dormire". In questo modo è possibile accumulare fino a 6-8 ore di sonno.

Dal punto di vista tecnico, la maggior parte dei navigatori ha testato attrezzature per trovare le soluzioni più adatte. Armel Le Cléac'h ha un materasso su misura installato nella sua area abitativa. Su Sodebo, ci dicono che Thomas Coville ha effettuato molti test per trovare i cuscini più adatti e ha un cuscino gigante per il corpo, un cuscino per il collo e un altro per le ginocchia. Coville utilizza anche una mascherina durante i suoi sonnellini.


Apnea (la sospensione della respirazione) per spingere i tuoi limiti e raggiungere un nuovo traguardo

Quindi ci sono i benefici ma anche un aspetto psicologico legato al sonno. Dall'inizio di questa gara, i navigatori hanno generalmente confermato di aver dormito bene, anche se hanno trovato difficile stabilizzarsi durante i primi giorni e le prime notti. Ma attraverso messaggi e conversazioni, tutti hanno confermato di essere in un buon ritmo. Ma per entrare in un sonno profondo e riposante è importante raggiungere uno stato di rilascio, di rilassamento, lasciarsi andare, essere il più rilassati possibile. Per raggiungere questo stato, Thomas Coville ha lavorato con un apneista, Alice Modolo. E lo ha fatto anche Charles Caudrelier, che ha collaborato con Arnaud Jerald, detentore del record di apnea (122 metri).

Jerald racconta: “Charles voleva staccare quando poteva dalla barca, dai numeri e dallo stress, da tutte le informazioni di cui deve essere al corrente. Voleva avere una scelta. Tuttavia, nell'apnea, si tratta solo di sensazioni. Iniziamo lavorando sulla respirazione per abbassare la frequenza cardiaca e iniziare a rilassarsi.”

Soprattutto, l'esperienza dell'apnea aiuta a progredire mentalmente. Alla fine del lavoro congiunto con Jerald, Caudrelier voleva raggiungere i 30 metri: ha dovuto lavorare duramente, addirittura rallentando a 25 metri prima di arrivare al limite. “È un modo per spingere i propri limiti, superare un traguardo come un punto di svolta” assicura l'apneista. “Raggiungendo questo obiettivo, guadagna esperienza, apre una nuova strada."


"L'esperienza aiuta...

Tuttavia, nei momenti di stress ci affidiamo all'esperienza. Tutto ciò che i navigatori hanno imparato in precedenza sul loro sonno, gestendo giorni e notti da soli, combattendo contro se stessi nella Solitaire du Figaro, durante le transatlantiche, tutto aiuta. “Ogni navigatore ha il suo modo di addormentarsi - afferma Anthony Marchand – ed è molto importante conoscersi bene!”

Ma quando il corpo è davvero stressato e stanco, quando il serbatoio segna profondo rosso, questo è proprio il momento in cui devono essere particolarmente vigili. Perché dopo diversi giorni di manovre e dopo aver affrontato condizioni difficili, come durante il passaggio di un fronte a metà della prima settimana, non è raro avere una caduta o ferirsi a causa della mancanza di energia. Oppure, dormire troppo a lungo.

Quindi, tutti prendono precauzioni, incluso impostare una sveglia. “La mia è molto potente, molto stridente - spiega Sébastien Josse – ma il problema è che a volte sei così stanco che finisci per integrare il suono nel tuo sogno e finisci per aspettare 5-10 minuti prima di rispondere.”

I navigatori sanno che una gara può essere persa a causa di un risveglio tardivo. Tutti ricordano ancora la sfortunata avventura di Alex Thomson nella Route du Rhum 2018: a poche miglia dal traguardo, non fu svegliato dal suo orologio a impulsi elettrici (la cui batteria si era rotta) e colpì una scogliera.

Ma il corpo ha una grande capacità di adattamento e la gestione del sonno a bordo ne è la prova. “Naturalmente, a volte ti svegli e hai bisogno di alcuni secondi per ricordare dove sei, a bordo, in gara, con tali configurazioni di vele e tale velocità - continua Sébastien Josse - ma nella maggior parte dei casi, ti svegli poco prima della sveglia. Questo significa che non sei troppo esausto quando ti svegli. Ed è la magia dell'esperienza, di conoscersi e conoscere i propri limiti."

 

 

 


21/01/2024 20:15:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci