mercoledí, 12 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

persico 69f    circoli velici    mini 6.50    optimist    trasporto marittimo    fiv    porti    benetti    press    salone nautico di genova    altura   

MINI TRANSAT

Mini Transat: il vincitore, François Jambou, impressionato da Ambrogio Beccaria

mini transat il vincitore fran 231 ois jambou impressionato da ambrogio beccaria
Roberto Imbastaro

Alle 17:00 UTC di giovedì, François Jambou ha vinto nella categoria proto completando la seconda tappa del Mini-Transat La Boulangère a Le Marin (Martinica) dopo 12 giorni, 2 ore, 27 minuti e 7 secondi di gara. Il 35enne francese ha preso il controllo della flotta dopo due giorni di regata e non ha mai lasciato la posizione da quel momento in poi. François è il campione assoluto di questa 22a edizione. Ecco le sue primissime reazioni al suo arrivo in banchina, permeate come sempre di modestia ma anche di emozione.

"Tanti sacrifici oggi sembrano avere un senso. Mi sento molto commosso e non riesco a capire quello che ho raggiunto. Ho fatto un sacco di sacrifici che sembrano avere senso con questa vittoria. Tutta la mia vita è stata incentrata su questo, per arrivare fino a questo punto. Non ho avuto uno stipendio da un anno e mezzo perché ho smesso di lavorare. Non sono stato neanche molto con mio figlio di 3 anni ultimamente. La mia compagna mi è stata sempre vicino e la ringrazio per questo, perché senza di lei non sarei mai stato in grado di farlo. Questa vittoria cambierà la mia vita. Ci sarà un prima e un dopo".

 

Conservare la barca

"Ero in una modalità in cui era importante non rompere la barca. Avevo il piede sul freno all'inizio. Forse gli altri volevano andare troppo forte troppo presto e hanno rotto. Ero davvero in modalità velocità media. Ci sono state molte volte in cui avrei potuto spingere la barca più forte, ma non appena ha iniziato a sbattere, non appena c'era uno strano rumore sulla barca, ho calmato un po' la situazione, tenendo d'occhio la classifica. Non avevo voglia di correre pericoli , non è nella mia natura. Sul GPS, quando vedi che ci sono ancora 1.500 miglia da percorrere, non vuoi farle sotto la supervisione di una giuria. Siamo marinai prima di tutto e soprattutto velisti".

 

Una vela fantastica

"Le condizioni erano divertenti e sempre sottovento. Ho sollevato il mio spinnaker all'inizio e l'ho semplicemente ammainato qui. Ho fatto solo 1 miglio di bolina. E’ stata una vela fantastica. La barca ha planato tutto il tempo. C'erano dei paesaggi marini superbi, il sole con tramonti mozzafiato...... non si poteva desiderare di meglio. Mentalmente è stato più complicato e ho trovato difficile gestire lo stress della competizione. E' un'esperienza infernale. Mi sento come se avessi fatto un'enorme quantità di progressi e avessi una buona conoscenza di un sacco di cose e anche questo è gratificante. Non potevo pretendere di avere la certezza della vittoria, perché c'erano dei marinai fantastici, delle barche favolose e nella prima tappa sono stato un po' sfortunato alla fine".

 

Un po' di fortuna

"Dovevi entrare in partita fin dall'inizio, il che non è stato facile, visto che subito siamo stati raggiunti da una forte brezza. Ero appena dietro Marie Gendron quando ha rotto la sua barca e ho visto altri che hanno rotto. Hai bisogno di un po' di fortuna dalla tua parte perché possono succedere a tutti noi cose idiote: l'oggetto in cui ti colpiscie il salto di vento che non è previsto. Ci possono essere un mucchio di problemi e questo è lo stesso per tutti".

 

La Mini-Transat, la corsa della mia vita

"La Mini-Transat è la corsa della mia vita. Non ho mai sognato di fare la Route du Rhum o il Vendée Globe. Ho iniziato a navigare relativamente tardi, intorno ai 16 anni. Per me, la Mini-Transat è stata la regata più alla portata e ho pensato che un giorno avrei potuto accedervi. Vincere questa gara è semplicemente straordinario".

 

Impressionato da Ambrogio Beccaria

"Un marinaio che mi ha colpito è Ambrogio. Penso che sia il miglior marinaio che abbia mai visto. È impressionante. Tentare di conquistare il primo posto con le barche di produzione come se fossero i migliori prototipi, è stato il fatto più eclatante della regata. Sono rimasto completamente sorpreso. Inevitabilmente, quando il vento ha alleggerito un po', sono riuscito a fare bene la mia fuga con la mia barca più potente e leggera, ma comunque c'è uno standard magnifico nella Mini e questo fa bene alla classe ed è un bene per lo sport".

 


15/11/2019 20:52:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50, Les Sables: Cuciuc e Mengucci nel gruppo di testa

Al momento hanno iniziato bene questa prima tappa della Les Sables –Les Açores i due romani Federico Cuciuc e Giovanni Mengucci, rispettivamente quinti nei Proto e nei Serie

Tre settimane all'Italiano d'Altura di Gaeta

YC Gaeta e Base Nautica Flavio Gioia con grande determinazione hanno affrontato le problematiche legate all’emergenza Covid 19 per onorare gli accordi presi con la FIV e con l’UVAI

Mini 6.50: Tanguy Bouroullec vince la prima tappa a Les Sables d'Olonne

Il migliore degli italiani è stato Federico Cuciuc, che solo in un finale al rallentatore ha perso posizioni finendo 7° tra i Proto e 15°assoluto. Giovanni Mengucci ha tagliato il traguardo al 25° posto (18° tra i Serie)

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

YC Italiano e e SV Barcola e Grignano insieme sul Persico 69F

Yacht Club Italiano e Società Velica di Barcola e Grignano armano insieme un equipaggio alla Persico 69F Revolution Cup, la sfida di nuova generazione su Foil. 20 gli equipaggi al via a Gargnano dal 14 al 19 agosto

Salone Nautico di Genova: appuntamento al 1° ottobre 2020

Il ticketing online, a partire da giovedì 6 agosto attraverso il sito www.salonenautico.com, è lo strumento unico per l’acquisto dei biglietti del Salone Nautico

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci