lunedí, 11 dicembre 2023

MINI TRANSAT

Mini Transat: un gigantesco Luca Rosetti primo in Guadalupa

mini transat un gigantesco luca rosetti primo in guadalupa
roberto imbastaro

Luca Rosetti al timone del suo Mini 650 "Race=Care" ha vinto la seconda tappa della Minitransat 2023 in categoria "serie", transitando sul traguardo caraibico alle 1:26:30 (ora italiana), dopo aver navigato per 14 giorni 12 ore 6 minuti e 30 secondi.

 

Una prestazione che potrebbe conferire allo skipper romagnolo anche la vittoria assoluta. Per saperlo occorre attendere circa 15 ore e l'arrivo degli altri concorrenti, per fare la somma e confrontare i tempi delle due frazioni. Rosetti, nella prima tappa (Les Sables d’Olonne-Santa Crux), era giunto ottavo con un ritardo di 15 ore, 5 minuti e 30 secondi dal primo.

 

Hai vinto questa seconda tappa con coraggio. Che cosa hai provato?

 

"È davvero difficile per me descrivere questo momento. Quattro anni fa, quando ho partecipato alla gara per la prima volta, sono arrivato molto vicino a qui, in Martinica, e ho subito voluto rifare la gara. Per ricominciare un progetto, ma questa volta incentrato sulle prestazioni. Ho preso subito un Maxi 6.50 e mi sono trasferito in Francia per prepararmi e allenarmi meglio. Le mie ambizioni di vittoria sono state chiare fin dall'inizio di questa 24ª edizione. La prima tappa tra Les Sables d'Olonne e Santa Cruz de La Palma non è andata bene come speravo, ma l'ultima è stata davvero incredibile. Certo, ci sono stati momenti complicati, soprattutto nella calma della partenza, ma anche ieri. Pensavo di essere troppo a nord e quindi immaginavo che la fine della gara sarebbe stata un po' complicata per me. Tuttavia, quando ho sentito la classifica SSB, mi sono reso conto di avere un vantaggio di 60 miglia sulla seconda barca classificata. Non capivo bene la situazione, ma sono ovviamente contento del risultato!

 

E come hai gestito questa fase?

 

"È stato difficile perché ho dovuto fare una scelta importante fin dall'inizio. Prendendo una rotta verso nord, sapevo che non avrei avuto altra scelta se non quella di andare fino in fondo e che non sarei stato in grado di spostarmi a sud in seguito. Quindi il dado era tratto molto presto. Nel complesso, ero abbastanza sicuro della mia scelta, ma devo ammettere che ho avuto qualche dubbio, soprattutto dopo aver superato El Hierro, quando mi sono trovato nella calma e dietro l'itinerario. Poi, quando gli alisei hanno iniziato a crescere, ho capito subito che i miei rivali più a sud erano davvero molto veloci perché avevano più pressione di me. Il mio vantaggio si è sciolto, ma poi ho fatto un buon lavoro nel cambio e sono tornato in testa più o meno a metà gara. Ho commesso qualche errore, ma ovviamente meno degli altri!

 

In quale momento hai capito che avresti vinto questa seconda tappa?

 

"Oggi, dopo la sessione radiofonica e la ricezione della classifica. Il giorno prima avevo ceduto qualche chilometro ai miei avversari e questo mi ha fatto riflettere molto. Pensavo che avrei avuto un flusso da est, ma il vento era più da nord-est. In questo contesto, ho immaginato che la situazione fosse più favorevole per i miei avversari. Devo ammettere che non ho capito bene cosa sia successo davvero, ma sono contento di come sono andate le cose per me!

 

Hai concluso la prima tappa con un ritardo di 15:05 dal leader, ma oggi lo scenario di questa seconda tappa ti vede forse in procinto di salire sul podio della classifica generale, se non addirittura di vincere...

 

"Al momento non penso alla classifica finale. Le emozioni sono troppo forti. Sono soprattutto felice di aver portato a termine il mio progetto e di averlo fatto nel modo in cui l'ho fatto. Il mio primo obiettivo era finire. La prima tappa è stata un po' complicata perché, pur essendo stato a lungo in testa, il finale di gara non ha favorito la mia opzione. Vedremo cosa succederà domani. Quello che è certo è che ho fatto del mio meglio e non ho mollato. Ho sempre cercato di andare il più veloce possibile.

 

E le ore che ci aspettano? Terrai gli occhi incollati al cronometro mentre aspetti gli altri?


"Potrei avere difficoltà a fare altro. Me ne sono accorto ieri, quando ho perso qualche miglio. Non avevo voglia di dormire o di mangiare. Volevo solo spingere la barca al massimo per non avere rimpianti. Aspetterò. In ogni caso, sono del tutto impotente, in quanto dipendo da ciò che faranno gli altri.

 

In questo momento, qual è il sentimento dominante?

 

"È tutto un po' confuso. Vedremo cosa succederà domani. Al momento penso di aver fatto una bella gara. Sono contento perché ho sempre fatto le mie scelte e la maggior parte di esse ha pagato. Sono arrivato 8° nella prima tappa e ho vinto la seconda con un bel margine. Un margine che mi permette di sognare ancora un podio e persino la vittoria, e questo è fantastico!

 

Una impresa bellissima, che scrive la storia della vela italiana, secondo il Presidente FIV Francesco Ettorre: "Una bellissima performance e una grande felicità per me e per tutta la Federazione! Complimenti a Luca e al suo staff, che hanno portato a compimento nel migliore dei modi un bellissimo progetto. I velisti italiani iniziano a diventare competitivi anche nell’offshore, la navigazione oceanica sta entrando nella nostra cultura. Il livello dei Mini 650 in Italia è molto cresciuto in tempi recenti grazie a progettualità e partner importanti, che stanno mettendo in luce le qualità della vela azzurra anche sugli Oceani".

 


12/11/2023 10:23:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernali: poco vento per la terza prova di "Più Vela per Tutti"

Dopo due settimane di fermo a causa del maltempo, si è svolta ieri la terza regata della sedicesima edizione del campionato invernale ‘Più Vela per Tutti’

Assegnato a Matteo Bogliolo il premio "Daniele Bausani"

Per il piemontese un anno di regate al top sul Mini650 “Speedy Banzai” di WIP Boats, ideatore del Premio. Mini650 Academy FIV e Classe Mini650 plaudono all’iniziativa del cantiere laziale

Global Solo Challenge: settimana di dramma e passioni

È stata un’altra settimana fantastica di vela alla Global Solo Challenge, una settimana piena di traguardi da celebrare per molti skipper e di drammi per alcuni

Mauritius, te lo do io l'inverno!

Per fuggire dal freddo e dalle poche ore di luce, o per regalarsi una vacanza idilliaca in occasione delle festività di fine anno, non c’è niente di meglio che volare a Mauritius

Global Solo Challenge: Andrea Mura passa l'Equatore

Dopo quindici giorni dalla partenza da La Coruña, in Galizia, ieri mattina Andrea Mura ha passato l’equatore raggiungendo la latitudine 0°0′0″ che segna il passaggio dall’emisfero nord all’emisfero sud

La ricetta del Cavolo nero e pomodoro della chef Antonia Klugmann, benessere stellato in tavola

Un ortaggio dalle mille virtù apprezzato fin dai tempi antichi per le sue proprietà benefiche viene rivalutato in cucina dalla chef stellata Antonia Klugmann. Le preziose prosperità nutraceutiche

Lignano Sabbiadoro: si conclude senza regatare il 34^Campionato Autunnale della Laguna

Dopo tre fantastiche domeniche di sole e vento medio-leggero, sabato 2 dicembre ci si è arresi alle onde, troppo formate per uscire in sicurezza

Torna il Trofeo Telethon alla Lega Navale di Napoli

Appuntamento in mare il 9 dicembre a favore della ricerca sulle malattie genetiche

Barbara, cento anni di navigazione

3200 miglia percorse in 6 mesi, 18 tappe con eventi e regate in quattro nazioni, più di 150 appassionati amici velisti alternatisi a bordo, lo Yawl di 15 metri del fiorentino Roberto Olivieri ha festeggiato così i 100 anni dal varo

Nel 2023 è IBSA il miglior Class 40

Con 1077 punti in cinque regate, Alberto Bona e il Class40 IBSA chiudono con un eccezionale primo posto la classifica di stagione, seguiti da Ambrogio Beccaria (896 punti) e Erwan Le Draoulec (807 punti)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci