giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Parte il 7 gennaio l'Arkea Ultim Challenge, giro del mondo in solitario per multiscafi

parte il gennaio arkea ultim challenge giro del mondo in solitario per multiscafi
Roberto Imbastaro

Sta per partire la “corsa del secolo”, l'ARKÉA ULTIM CHALLENGE che prenderà il via il 7 gennaio da Brest  per circumnavigare il globo. Una Vendée Globe per solitari, si, ma non in monoscafo bensì in multiscafo. Una corsa pericolosissima, perché i margini di errore con questi mostri del mare sono davvero esigui. Quello che un monoscafo può perdonarti, su questi maxi-tri segna con ogni probabilità la fine dei sogni…se non peggio.

Gli skipper sono il top della vela: Charles Caudrelier, sul Maxi Edmond de Rothschild, Thomas Coville, su Sodebo Ultim 3,  Anthony Marchand, su Actual Ultim 3, Eric Péron, su Trimaran Adagio, Armel Le Clèac’h, su Maxi Banque Populaire XI e Tom Laperche, Trimaran SVR-Lazartigue.

Abbiamo ascoltato Thomas Coville che, a 55 anni, sa certamente cosa lo aspetta. Ha fatto il giro del mondo in barca a vela otto volte, cinque volte su un multiscafo e nel 2016 ha battuto il record di giro del mondo in solitario stabilendo un nuovo record di 49 giorni, superando di otto giorni il record esistente di Francis Joyon. Filosofo appassionato, Coville è sempre stato aperto e generoso nel raccontare la vita ad alta velocità sui multiscafi Sodebo. Da circa 25 anni è sostenuto dal gigante vandeano degli alimenti e degli snack. A quattro giorni dalla prima regata in solitario di multiscafi intorno al mondo ecco le sue impressioni.

 

Ci riassume cosa rende questa gara, questa sfida così speciale?

È una gara che farà la storia. In questa gara siamo dei pionieri. Quasi 15 anni fa ho immaginato questa gara e allora mi sembrava così lontana. Ma non ho mai pensato che avremmo potuto farlo su barche così veloci e che avremmo volato. E la cosa più incredibile è che la prima domanda che ci poniamo non è tanto "Chi vincerà?", ma "È possibile?", considerando gli aspetti tecnici che devono funzionare e l'impegno richiesto.

 

Perché nelle regate oceaniche non c'è niente di più difficile?

A bordo di un monoscafo, se si commette un errore si viene sbattuti sull'acqua, ci si può far male ma per lo più si continua la regata. A bordo di un multiscafo, ci si capovolge ma la sanzione finale è la morte. È come essere un alpinista che si arrampica da solo su una grande parete. È un po' come le esplorazioni dell'Everest, non sappiamo se possiamo farcela. Andremo in zone di mare dove non c'è molto traffico a bordo di imbarcazioni altamente tecnologiche. È un mix inebriante di innovazione, aspetti tecnologici, purezza della velocità e tutto questo si riflette sulla fragilità di essere completamente soli.

 

Lei ha tentato cinque record del giro del mondo in multiscafo, concludendone tre prima di stabilire il record. Qual è il suo rapporto attuale con questo giro del mondo?

Mi interessa. Mi affascina. Apprezzo il fatto che nel tempo rimanga un appuntamento fisso e l'idea che il tempo scorra sempre sull'acqua. Lo sforzo costante durante il giro del mondo mi incuriosisce. Quello che mi interessa è resistere, far funzionare le cose come nelle relazioni in generale. E poi c'è il passaggio intorno all'Antartico, dove non c'è una scala di valori, dove ti senti solo, tollerato come essere, ti senti molto piccolo. E poi il passaggio di Capo Horn, dove ci viene donata una nuova vita. Tutto sommato è affascinante!

 

 

Ma in sostanza, perché il giro del mondo è così difficile?

Mi hanno spesso chiesto perché ci vado e se mi sono divertito. Ma credo che vada oltre: il desiderio deve venire dalle viscere. C'è questa dimensione aggiuntiva nel bisogno di superare se stessi. Sono tutte parti diverse del dolore, della negazione di sé, del non dormire, dell'essere frustrati, dell'ansia e dello stress che ci fanno toccare il ghiaccio e ci fanno capovolgere, dell'avere freddo. Ma come specie, l'uomo è un po' strano e sembra magicamente in grado di adattarsi a tutte le diverse situazioni. E a me piace sentirmi un buon marinaio, una persona vera e non un impostore. In un certo senso è una spedizione.

Il giro del mondo in solitaria cambia un marinaio?

Sì, non si torna mai completamente uguali. Ci sono tutte quelle sensazioni diverse, le emozioni, la sfida dell'anima. E averne fatti diversi ci permette di mettere le cose in prospettiva, ma soprattutto di renderci conto di quanto siamo fortunati. Mi piacciono i tempi in cui viviamo. Anche se le notizie sono stressanti, rimango un'eterno ottimista. Siamo una generazione benedetta dagli dei, stiamo vivendo una vera, enorme trasformazione del nostro sport e siamo quelli che possono fare il giro del mondo in solitario su barche di 32 metri.

 

 

Come si fa a fare il giro del mondo, come si fa a non impazzire?

Noi impazziamo. Ci sono giorni in cui scoppiamo in un fiume di lacrime, in cui urliamo, in cui nulla va bene. Non ho un mantello da supereroe, torno sempre a casa sentendomi come un vecchio soldato che porta sul viso e nella mente le cicatrici della battaglia. A volte penso che assomigliamo a dei legni alla deriva come quelli che si vedono sulla spiaggia, consumati e laminati in modo che non rimanga altro che il bianco.

 

Perché è così difficile per noi sulla terraferma apprezzare la durezza di questa sfida?

Ricordo che Ellen MacArthur (detentrice del record nel 2005 con 71 giorni e 14 ore e 18 minuti) mi disse, dopo il mio record: "Ora so che tu sai quello che so io". Purtroppo sulla terraferma bisogna accettare il fatto che non si è in grado di apprezzarlo veramente. Ne ho parlato a lungo con Thomas Pesquet (astronauta francese) che mi ha raccontato dei suoi viaggi nello spazio, che "devi accettare di non capire" e che dovevo lasciarmi apprezzare usando l'immaginazione. Ma condividiamo l'esperienza di vedere la Terra in modo diverso, di apprezzarne meglio le dimensioni, di apprezzare lo spazio temporale.

 

E dopo, quando hai finito, tutto ciò che è sulla terraferma ti sembra insipido, è difficile tornare alla vita di tutti i giorni?

Ho fatto viaggi dolorosi in giro per il mondo perché prima mi sentivo molto più solo a terra che in barca. Non c'è nessuno da incolpare per questo, non do la colpa a nessuno, non è perché non piaccio o non mi capisco, ma perché quello che facciamo è difficile da capire. Un marinaio diventa un isolano. Si parte con la paura segreta che la gente si dimentichi di te, poi ci si pente di essere partiti e dopo aver finito si vuole rientrare ed essere amati. Partire è in fondo molto egoistico. Ma ho già sperimentato le contraddizioni che mi hanno fatto molto male e che, a poco a poco, mi hanno permesso di sentire meno questo stato d'animo. Nel complesso mi ha avvicinato a mia moglie, ai miei due figli e a tutti coloro che amo. Forse come marinaio e concorrente il mio amore era condizionato. Mi hanno insegnato a capire cos'è l'amore incondizionato.  E tutto questo mi permette di avere un umore più leggero e di essere più sereno al pensiero del mio ritorno.


03/01/2024 21:04:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci