giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

CAMBUSA

Cantine sottomarine: il vino al profumo di mare piace sempre di più

cantine sottomarine il vino al profumo di mare piace sempre di pi 249
redazione

Sono sempre più numerose le “cantine sottomarine” per affinare il vino nei fondali del mare. Affinare il vino nelle acque del mare sta diventando un trend sempre più diffuso sia in Italia che all’estero, facendo innamorare della metodica enologi, sommelier e chef stellati. E proprio in questa cornice si inserisce il progetto sperimentale “Cantine sommerse“, ideato dall’azienda vinicola Cantine PaoloLeo di San Donaci (Brindisi), che troverà posto nelle acque dell’Area Marina Protetta sulla scorta della prativa già adottata già adottata in diverse regioni italiane (Emilia-Romagna, Sardegna, Liguria, Toscana) e paesi esteri (Grecia, Croazia) che interessa anche parchi marini e siti di interesse comunitario. 

Vino al profumo di mare: le radici

Anche se appare fantascienza, le radici di questo approccio sono molto antiche. I primi furono i Greci. 2.500 anni fa, gli isolani di Chio, un’isola greca dell’Egeo orientale, lasciavano per qualche giorno gli acini raccolti a mollo in mare, così da eliminare quel velo sottile che ricopre la buccia detto Pruina, così da rendere il successivo appassimento delle uve più veloce. Inoltre, si riteneva che questa tecnica aiutasse l’uva a esaltare profumi e sapore. Dunque, il loro approccio non riguardava l’affinamento ma comunque avevano capito l’immenso potere del mare sul vino. In tempi più moderni, poi, si sono diffuse leggende su bottiglie intatte recuperate dai fondali. In particolare la scoperta del 2010 di 168 bottiglie di Champagne a bordo di un naufragio del XIX secolo nel Mar Baltico. Alcune di queste bottiglie di ben 170 anni erano effettivamente bevibili (la National academy of Sciences ha certificato la bevibilità a livello organolettico), pur conservando una leggera schiuma. Certo con prezzi più proibitivi: una bottiglia di Veuve Clicquot è stata venduta per ben 15.000 euro all’asta. 

Perché affinare il vino in mare?

Ma negli ultimi anni, questo tipo di affinamento ha attratto non solo per una politica di marketing. Pare infatti che il mare rappresenti un ambiente ideale per l’affinamento: grazie a temperature costanti, l’assenza di rumore e di luce -, i cui effetti sono stati già ampiamente validati da sperimentazioni, pubblicazioni e tasting. Dunque, il mare favorisce anche il risparmio energetico proprio perché crea un ambiente naturalmente refrigerato per il vino senza dover regolare la temperatura e l’umidità con climatizzatori, né creare cantine isolate termicamente. La profondità di immersione poi genera una pressione dall’esterno verso l’interno sul tappo della bottiglia: un fattore difficilmente riproducibile sulla terraferma che migliora il processo di affinamento. Infine, il processo osmotico e micro ossigenante dell’affinamento subacqueo favorisce la longevità del prodotto vinoso.

Come funziona il progetto “Cantine sommerse”?

La giunta municipale guidata dal sindaco di Porto Cesareo Silvia Tarantino ha deciso di dare il via al curioso progetto: la cantina del futuro sarà realizzata sul fondale e chiunque, produttori e viticoltori, potrà partecipare all’esperimento. Ma ad alcune condizioni:

  • Sui fondali saranno depositate in via sperimentale 2 ceste con ingombro massimo di 1,50×1,50×1,50 metri ognuna;

  • ogni cesta dovrà avere una targhetta con indicazione dell’azienda titolare;

  • la concessione demaniale, in via sperimentale, dovrà avere la durata di un anno;

  • le ceste potranno essere posizionate solo nella zona C dell’Area Marina Protetta e previo parere del consorzio.

Inoltre, le ceste potranno essere posizionate al di fuori delle aree destinate alle attività portuali e previo parere della Capitaneria di Porto di Gallipoli mentre le bottiglie dovranno contenere la dicitura “affinata nell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo”.

A maturazione avvenuta il vino sarà messo sul mercato e se la sperimentazione avrà successo si potrà iniziare a pensare in grande su come trasformare una parte del mare cesarino in una grande e prestigiosa cantina.

by firstonline https://www.firstonline.info/cantine-sottomarine-il-vino-al-profumo-di-mare-piace-sempre-di-piu/

 


17/08/2023 17:29:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci