sabato, 24 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

campionati invernali    manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: Thomas Coville, "qui l'uomo è tollerato"

arkea ultim challenge thomas coville quot qui uomo 232 tollerato quot
Roberto Imbastaro

Charles Caudrelier (Maxi Edmond de Rothschild) ha ora un vantaggio di 70 miglia sul secondo classificato Tom Laperche (SVR Lazartigue) mentre i due leader dell'ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest continuano la loro rapida discesa nell'Oceano Atlantico Meridionale, pronti a passare per Tristan de Cunha questa notte, navigando a una velocità compresa tra i 34 e i 36 nodi con ancora circa 1.400 miglia da percorrere per superare la longitudine del primo grande Capo, il Capo di Buona Speranza.

Mentre Laperche, a 26 anni, si prepara a vivere per la prima volta il 'grande sud', i mari infinitamente grigi e tempestosi sono uno scenario conosciuto per Charles Caudrelier, vincitore due volte dell'Ocean Race. Ma è il poeta Thomas Coville, poco più di 400 miglia dietro i due leader, che sta davvero godendo del suo ritorno a sud.

"Sodebo sta navigando a 35 nodi su mari molto calmi. Il sole sorge dall'acqua. Questo significa qualcosa di molto importante in una gara intorno al mondo. Significa che stiamo dirigendoci verso est. Ora abbiamo questa scena incredibile in cui il sole sorge proprio davanti a noi." Ha sorriso nel suo video del mattino presto.

Dopo aver scelto il lato ovest dell'alta pressione di Sant'Elena, l'ex detentore del record solitario intorno al mondo (49 giorni e 3 ore nel 2016) ha virato a sinistra. E questa sera, con la prua puntata più verso sud, ha detto: "Per coloro che cercano record, questo è il momento in cui vediamo la possibilità di farlo. Sono riuscito a tagliare il bordo dell'anticiclone (Sant'Elena) grazie a una depressione che è venuta da Sao Paulo. E così ora c’è la transizione dal caldo torrido e umido del Brasile a questo freddo che sta iniziando a farsi sentire. Passiamo dall'estate brasiliana all'autunno, e questo freddo si insinua rapidamente, e influenzerà molto velocemente l'atmosfera della barca. Ho già due strati di base addosso. C'è un po' di nebbia all'interno e passare per Sant'Elena ci porta verso il grande sud, verso i mari più maestosi del mondo, una terra che non appartiene all'uomo. Una terra di nessuno."

Ricordando i suoi sforzi di ieri, ha spiegato: "È stato un momento chiave nella gara e significa che posso rimanere con i due davanti. Ieri ho dovuto lavorare duramente per arrivare fin qui. Sono riuscito a percorrere 800 miglia in un giorno, ma era quello che serviva. Altrimenti, sarei stato lasciato indietro. La barca volava e la velocità era costante a 35 nodi per un lungo periodo. Devi solo resistere. Viaggi e viri sull'orlo delle appendici. Non è stato così difficile. Pensavo lo sarebbe stato di più, ma una volta che la barca è impostata correttamente, è veloce. A volte, l'acqua scorre dentro."

Coville, che ieri ha fatto 770 miglia nautiche in 24 ore, ha detto: "In ogni caso, eccoci qui, in un'area in cui l'uomo è tollerato, ma è davvero un deserto immenso con poche isole lungo il percorso. Isole dove gli scienziati sono gli unici abitanti. Siamo sottovento e non c'è via di ritorno. Puoi risalire fino al Sudafrica, ma quello segnerebbe la fine della gara. Quindi questo è il momento in cui ti impegni completamente. Siamo qui ora nell'Oceano Meridionale fino a Capo Horn."

 

Nella diretta odierna con la direzione di corsa Armel Le Cléac'h ha raccontato: "Siamo riusciti a riparare i due problemi, il pulpito e il guasto idraulico per cui non potevo più usare il foil. In questo momento il vento non è molto forte, le velocità non sono elevate, dovrebbe arrivare del vento durante la notte. La gara è lunga, abbiamo fatto appena una settimana e mezza, mancano almeno cinque settimane, molte cose possono succedere. Il tempo non è favorevole per recuperare al momento, le perturbazioni mi stanno precedendo. Ci saranno forse opportunità di recuperare quando sarò nell'Oceano Meridionale, nel frattempo cercherò di raggiungere Anthony che non è molto lontano.

Oggi c'è stato un commento della corsa anche da parte di François Gabart: "Questa è una gara intorno al mondo e c'è ancora molto da fare. Basta che il meteo rallenti i primi ragazzi in modo che Armel possa rimettersi in pista. Non vuoi mai, ma è meglio fermarsi presto che più tardi. Nel frattempo stanno andando veloci perché sono davanti a un fronte. È un salto nel vuoto, c'è una dinamica che li attira verso il grande sud. Puoi arrivarci molto velocemente, in condizioni favolose come queste. I venti possono essere tempestosi con onde grandi, ma ci sono anche momenti magnifici come questo."


17/01/2024 20:04:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

Arkea Ultim Challenge: Eric Peron passa Capo Horn

Per Eric Peron, che ha l'Ultim più vecchio della flotta e senza foil, la traversata del Pacifico è stata la più veloce di tutti i concorrenti, 1 ora e 14 minuti meno di Charles Caudrelier

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

Arkea Ultim Challenge: Biscaglia impraticabile, stop alle Azzorre per Caudrelier

Il team: "Una grande depressione sta bloccando la strada per Brest. Venti stabili di 40 nodi, con raffiche oltre i 50, e mari di 8 a 9 metri"

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Cambusa: “Cavolo che zuppa”, i benefici dell’orto e dei legumi nella ricetta della chef Alessandra Ingegnetti

La chef de La Locanda del Mulino a Valcasotto, propone un Piatto ricco di proprietà nutritive e salutari di facile realizzazione ma di grande sapore (grazie anche al formaggio di Valcasotto)

Al Salone del Vino di Torino 2024 torna la notte Rosso Barbera

14 piole incontrano 14 musicisti e 14 produttori di Barbera. Una serata tra note, vino e cucina dà il via al lungo weekend del Salone del Vino di Torino 2024

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci