giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge, domenica la partenza del giro del mondo

arkea ultim challenge domenica la partenza del giro del mondo
Roberto Imbastaro

Sei tra le più grandi e veloci imbarcazioni a vela oceaniche del mondo saranno impegnate per la prima volta in una regata in solitario intorno al mondo, con partenza domenica dal porto atlantico francese di Brest, lungo il classico percorso di 22.460 miglia nautiche che passa per i tre Grandi Capi.

 

La nuova ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest riunisce sei trimarani di 32 metri (105 piedi) dal design ULTIM, che saranno condotti in solitario intorno al mondo da sei dei migliori regatanti oceanici francesi. I moderni ULTIM giganti volano su foil a velocità sostenute superiori a 40kts e sono quindi in grado di percorrere 700-800 miglia al giorno. Se tutti i sistemi meteorologici stagionali che circondano il percorso si verificano come di consueto, si prevede che il vincitore completerà il percorso in circa 43-45 giorni. In equipaggio o in solitario, i trimarani ULTIM 32m x23m si sono evoluti come l'arma preferita dai velisti che sfidano il record del giro del mondo in solitario. Il miglior tempo in solitario è stato stabilito nel 2017 da François Gabart con 42 giorni e 16 ore e 40 minuti, mentre il record in equipaggio (per il Trophée Jules Verne) è di 40 giorni e 23 ore e 30 minuti stabilito da Francis Joyon e da un equipaggio di cinque persone su IDEC con arrivo nel gennaio 2017.

 

Finora gli ULTIM hanno navigato intorno al mondo solo contro il tempo, aspettando sempre la migliore finestra meteorologica possibile per partire. Ma questa nuova regata riflette l'alto livello di interesse dei team riuniti e ha attirato uno sponsor impegnato nel mercato bancario bretone, Arkéa, e un'organizzazione appassionata in OC-Pen Duick, che possiede e gestisce la Route du Rhum Destination Guadeloupe, la regata transatlantica CIC e La Solitaire du Figaro. La Route du Rhum dello scorso anno a destinazione della Guadalupa e la Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre, regata transatlantica a due mani di quest'autunno, hanno dimostrato un livello di affidabilità superiore raggiunto dagli ULTIM, che storicamente hanno subito un'alta percentuale di danni e guasti tecnici quando si sfidavano nel record del giro del mondo o in regate o i record transoceanici. I galleggianti stabilizzatori e le appendici - timoni, tavole centrali e foil - sono soggetti a danni dovuti a oggetti galleggianti e le traverse, altamente sollecitate, sono sottoposte a carichi enormi.

 

Ma l'ultima Transat Jacques Vabre, che si è conclusa a metà novembre in Martinica, ha visto tutti e cinque gli ULTIM arrivare al traguardo, alcuni con danni che hanno influito sulle prestazioni. Ma ha anche dimostrato che tre delle barche più recenti e meglio ottimizzate, Banque Populaire XI (Armel Le Cléac'h), SVR Lazartigue (Tom Laperche) e Maxi Edmond de Rothschild (Charles Caudrelier), sono ora in perfetta parità in termini di prestazioni. Questa settimana, al molo di Brest, dove una grande folla si è radunata durante le festività per ammirare la flotta riunita, il grande interrogativo rimane quello di sapere quanti skipper e quante barche riusciranno a raggiungere il traguardo, previsto intorno al 17-20 febbraio. Tra gli esperti meteo che hanno fornito consulenza per molti dei record del giro del mondo, è opinione comune che se una barca riuscirà a terminare la regata avrà buone possibilità di salire sul podio.

 

 

Consentite routing esterno e pitstop

Sebbene gli skipper solitari debbano navigare e gestire le loro gigantesche imbarcazioni completamente in solitaria, ognuno di loro dispone di un team di meteorologi a terra che forniscono informazioni in tempo reale 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sulla rotta ottimale per la regata, nonché di esperti tecnici disponibili giorno e notte per offrire immediatamente soluzioni a qualsiasi problema. A differenza della Vendée Globe, il giro del mondo in solitario degli IMOCA, i regatanti dell'ARKEA ULTIM CHALLENGE-Brest possono fare un pitstop, ma se ricevono assistenza il periodo minimo di sosta è di 24 ore, ritenuto punitivo per i multiscafi che percorrono più di 650 o 700 miglia in un giorno tipico.

 

Mentre cinque dei sei ULTIM sono già da giorni sul pontone di Brest, il team SVR Lazartigue ha lavorato 24 ore su 24 per riparare la traversa anteriore della sua barca, dopo che il danno era stato scoperto al ritorno dalla Transat Jacques Vabre. L'imbarcazione è stata rimessa in acqua ed è attesa a Brest sabato.

 

Gli skipper:

Anthony Marchand (Actual Ultim 3)

Armel Le Cléac'h (Maxi Banque Populaire XI)

Charles Caudrelier (Maxi Edmond de Rothschild)

Éric Péron (Adagio) 

Thomas Coville (Sodebo Ultim 3)

Tom Laperche (SVR Lazartigue)

 


05/01/2024 21:10:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci