giovedí, 19 luglio 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

azzurra    windsurf    classi olimpiche    solidarietà    vele d'epoca    ucina    vela olimpica    platu25    moth    h22    barcolana    nautica    press    melges 20    vela internazionale    altura   

FORMAZIONE

Progetto Didattico "Mare: Ieri, oggi e domani"

progetto didattico quot mare ieri oggi domani quot
redazione

Grande successo ed emozione per il quarto incontro del progetto “Mare: Ieri, oggi e domani”, che si è svolto Martedì 13 marzo presso l’Aula Magna dell’Istituto Nautico di Viareggio.
Questo progetto ideato e creato dalla Fondazione Artiglio Europa in collaborazione con l’ITN Artiglio, grazie al rapporto instaurato tra la Fondazione, la Preside Prof.ssa Nadia Lombardi e gli insegnati Prof. Dimitri Ricci e Prof.ssa Angela Fanfani, sta proseguendo con grande partecipazione degli alunni, grazie anche ai relatori di grande spessore che si sono succeduti. Questa volta il protagonista dell’incontro è stato un personaggio di levatura e fama internazionale: l’Ing. Guido Gay, tra l’altro insignito nel 2013 anche del Premio Internazionale Artiglio. I lavori sono stati introdotti dalla Preside dell’Istituto, sono seguiti gli interventi della Dott.ssa Stefania Carraresi, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale e del Com. di Fregata Federico Giorgi, Vice Comandante della Capitaneria di Porto di Viareggio.
Compito del Presidente della Fondazione Artiglio Europa Dott. Alessandro Gallione è stato presentare l’illustre relatore e porgergli i ringraziamenti per la sua partecipazione e per la disponibilità dimostrata. E’ stata poi cura del Segretario Dott. Bruno Ulisse Viviani (che ha presentato l’incontro), rivolgere un saluto anche a tutti gli altri intervenuti, con particolare riferimento ai componenti del Comitato Scientifico della Fondazione Artiglio Europa, presenti per l’occasione.
Guido Gay nel suo intervento ha autenticamente affascinato gli oltre 200 studenti presenti, con la sua relazione dal titolo “L’esplorazione subacquea e la storia: scoperte archeologiche e recupero relitti”. Per oltre due ore l’Ing. Gay, ha mostrato attraverso filmati e slides le apparecchiature da lui progettate e realizzate, ed illustrato ai ragazzi non solo come sono nate queste idee, ma anche di quali sono i suoi progetti per il futuro. 
Appassionato velista e marinaio, nei primi anni 70, Gay ha iniziato a progettare e realizzare veicoli sottomarini teleguidati e pilotati, denominati serie “Pluto”, inserendosi nella storia come pioniere di questa tecnica ed adattandoli all’impiego militare per l’individuazione delle mine e per la ricerca scientifica. Dal 1990 Gay ha personalmente progettato e realizzato un originale catamarano a vela, il Daedalus, da lui stesso definita una piccola “nave oceanografica”, attrezzata per servire da nave appoggio ai veicoli sottomarini del tipo Pluto e con il quale, ha compiuto un giro del mondo ed un secondo attraversamento dell’oceano Pacifico. All’Ing. Gay si deve il ritrovamento della Corazzata Roma affondata nel Mediterraneo che per anni era stata oggetto di continue ricerche senza alcun esito, ma oltre a questa moltissimi sono i relitti individuati: navi da trasporto e militari, sommergibili fino ad arrivare alla scoperta di relitti di antiche navi di epoca romana, ritrovati tutti grazie all’ausilio delle sue macchine esploratrici.
“Il mio pensiero - dice Gay - è cercare di ottenere risultati con il minimo impegno di mezzi e con strumentazioni che possono essere gestiti da poche unità. Il mio intento è stato e sempre sarà quello di esplorare i fondali marini alla ricerca di nuovi relitti e per aiutare in qualsiasi modo possibile la salvaguardia dell’ambiente marino”.
Ed a questo proposito, l’Ing. Gay ha lanciato, in questa occasione, la sua ultima straordinaria idea: quella di creare un “parco archeologico sottomarino protetto”, per salvaguardare alcuni relitti di epoca romana ancora in ottimo stato e da lui individuati, che si sono per il momento salvati dalle reti dei pescherecci, che finiscono molte volte per distruggere tutto quello che si trova sul fondo del mare. 
Per portare avanti questa idea l’Ing. Gay ha proposto alla Preside dell’Istituto Prof.ssa Nadia Lombardi una possibile collaborazione, coordinata dalla Fondazione Artiglio Europa, in modo da creare una stretta sinergia e studiare, con l’aiuto degli studenti, come concretizzare questo ambizioso progetto. Lo stesso apprezzamento è arrivato anche dalla Capitaneria di Porto di Viareggio, la quale ha subito aderito a questa iniziativa offrendo il suo supporto per la concreta realizzazione.
Molte, infine, le domande rivolte dagli studenti a riprova di un grande interesse tra loro suscitato ed alle quali l’Ing. Gay ha risposto puntualmente con tutti i necessari approfondimenti.
Si ricorda, che alla fine di questo ciclo di incontri, gli studenti dovranno produrre elaborati, individuali e di gruppo sugli argomenti trattati, con i professori che saranno chiamati a scegliere i vari argomenti ed a coordinare le multidisciplinarità del progetto. I lavori finali saranno  esaminati da un’ apposita commissione di valutazione composta da membri indicati dall’Istituto Tecnico Nautico Artiglio e dalla Fondazione Artiglio Europa, la quale ha istituito, come ricordato dal Presidente Gallione, una Borsa di Studio per i migliori lavori.
La premiazione finale si svolgerà il giorno 26 Maggio 2018, presso il Museo della Marineria di Viareggio, alla presenza delle Autorità Civili e Militari del nostro comprensorio, esponenti delle Accademie Navali di Livorno e Genova, dei cantieri di Viareggio e dei Dirigenti scolastici degli Istituti Comprensivi della Versilia.


15/03/2018 20:35:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Duende (CNRT) vince la Coppa Italia, Tevere Remo la 1^ Coppa Italia per Club

Duende – Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, C. N. Riva di Traiano, vince la Coppa Italia 2018. Al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo la prima Coppa Italia per Club - Trofeo Enway

Garda: al mondiale Yngling si parla solo olandese

Mondiali classe Yngling a Riva del Garda: tra i tre olandesi la spunta NED 255 con Moorman Kaj al timone

Coppa Italia: una sola prova e la vince Duende (CNRT)

Riva di Traiano. Coppa Italia - Trofeo Enway 2018 - Tanto l’entusiasmo … ma il vento tradisce la prima della Coppa

CNRT: soddisfatti per la Coppa Italia, ma è già tempo di Roma-Giraglia

Soddisfazione per la Coppa Italia a Duende ed applausi a Reale Circolo Canottieri Tevere Remo per la Coppa Italia Trofeo Enway per Club. Ora la pausa estiva e poi si ricomincia con la Roma Giraglia

Guardia Costiera: sequestrati 11.000 metri di reti illegali

Il sequestro operato da Nave Bruno Gregoretti (CP920) della Guardia Costiera

Parte domani a Domaso il Campionato Italiano H22

L’H22 One Design è un’imbarcazione monotipo di 22 piedi (6,70mt), disegnata dal progettista inglese di Coppa America Rob Humphreys, prodotta da H22 One Design s.r.l.

Cagliari: si è conclusa dopo tre giornate di regate la Coppa Italia della classe Techno 293

A premiare i vincitori delle varie categorie sono stati gli ex campioni mondiali Techno 293, Marta Maggetti, Carlo Ciabatti e Michele Cittadini

Windsurf, Cagliari: cala domani il sipario domani sulla Coppa Italia'

Domani, 15 luglio, ultimo atto della manifestazione, con in programma nel primissimo pomeriggio delle ultime tre prove della Coppa Italia, con partenza della prima prova alle 13.

Mondiali giovanili Laser 4.7: oro per Chiara Floriani e bronzo per Giorgia Cingolani

Chiara Benini Floriani (FV Riva) è Campionessa del Mondo 2018 per la classe Laser 4.7

Rolex TP52 World Championship: Azzurra seconda

Con un secondo e un settimo posto Azzurra nelle due regate odierne, Azzurra si posiziona seconda alle spalle Quantum nel Rolex TP52 World Championship in corso a Cascais, in Portogallo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci