martedí, 25 gennaio 2022

TROFEO JULES VERNE

Jules Verne Trophy: un UFO sommerso stronca i sogni di Edmond de Rothschild

jules verne trophy un ufo sommerso stronca sogni di edmond de rothschild
redazione

Il 23 novembre, Franck Cammas e Charles Caudrelier si sono aggiudicati la vittoria nella categoria Ultime della Transat Jacques Vabre, aggiungendo un'altra vittoria alla lista dei successi del Maxi Edmond de Rothschild. In definitiva, è con questo successo in Martinica che il Gitana Team completa quella che è stata un'ottima stagione sportiva nel 2021. In effetti, la scuderia fondata da Ariane e Benjamin de Rothschild avrebbe dovuto iniziare direttamente un nuovo assalto al Trofeo Jules Verne, ma una collisione con un UFO durante il viaggio di ritorno in Europa ha costretto il team a rivedere i suoi piani. Il record del giro del mondo, dove l'obiettivo attuale è quello di registrare un tempo inferiore ai 40 giorni, rimane un obiettivo importante per il Team, che farà tutto il possibile per includerlo in quello che è già un programma frenetico nei prossimi anni.  

Le collisioni con gli UFO (oggetti galleggianti non identificati) fanno ormai parte della vita quotidiana dei team di regate d'altura. Questo è un fatto oramai assodato! Per gli uomini del Maxi Edmond de Rothschild, il 2021 è stato costellato da questi incontri fortuiti, che hanno la capacità di minare un programma sportivo e di distruggere in un attimo le speranze dei marinai e del loro team a terra. Nel corso del mese di luglio, mentre Franck Cammas, Charles Caudrelier e il loro equipaggio del Trofeo Jules Verne erano in preparazione una collisione con un UFO ha danneggiato gravemente il timone centrale del trimarano volante. Fortunatamente, una nuova appendice era già stata fabbricata e il Maxi Edmond de Rothschild è stato rapidamente in grado di riprendere il mare e assicurarsi la vittoria nella Rolex Fastnet Race di inizio agosto. Alla fine di settembre, il team ha subito un altro impatto, questa volta su uno dei foil, che ha notevolmente ostacolato la fase di allenamento e di preparazione degli skipper di Gitana a poche settimane dalla Transat Jacques Vabre. Ancora una volta, i tecnici si sono riuniti e il know-how del team ha permesso a Edmond de Rothschild di schierarsi a Le Havre con una barca in grado di navigare di nuovo al massimo del suo potenziale.

 

La settimana scorsa, dopo un passaggio espresso di ritorno dalle Antille e poche ore prima di approdare sulla costa bretone, la barca è stata nuovamente coinvolta in una collisione, come spiega Charles Caudrelier: "Eravamo a nord delle Azzorre, a 36 ore dalla nostra destinazione finale. Ero giù nella mia cuccetta e ho sentito la barca urtare qualcosa con uno scatto. Non è stato un rumore orribile e David e Yann, che erano sul ponte, non hanno sentito la barca andare in stallo. Tuttavia, dopo la collisione c'era un rumore insolito proveniente dallo scafo centrale che ci ha spinto a controllare l'appendice. Inizialmente, credevo che qualcosa fosse rimasto intrappolato intorno alla deriva e siamo andati in retromarcia per cercare di rimuoverlo. È stato allora che ci siamo accorti che l'elevatore (ala del pattino) non era più attaccato all'estremità della deriva... e che quest'ultima era danneggiata. Oggi, abbiamo a bordo tutti i vari sistemi per evitare queste collisioni... ma non è così semplice". Di ritorno a Lorient venerdì scorso, la parte  centrale è stata ispezionata e nonostante tutti fossero molto motivati a vedere il grande trimarano blu tornare in mare per un nuovo tentativo di record del mondo, era importante affrontare la realtà. Abbiamo perso l'ala del pattino nella collisione. Abbiamo un pezzo di ricambio, ma valutando la tavola centrale all'inizio della settimana, abbiamo visto che il danno era troppo esteso su questa appendice con l'asse strutturale (struttura interna della tavola centrale in materiale composito) crepata e settimane di lavoro che non possono essere ridotte per ottenere di nuovo la parte pienamente operativa poiché non abbiamo una parte centrale di ricambio. Insieme a Pierre Tissier e Sébastien Sainson, abbiamo cercato delle soluzioni, ma la rottura riguarda un elemento centrale sul Maxi Edmond de Rothschild, dove agisce una gran parte dei carichi nelle fasi di volo ad alta velocità. Non sarebbe responsabile intraprendere i lavori in questo settore senza la dovuta cura e attenzione dato il prossimo obiettivo di un giro del mondo. Non abbiamo altra scelta che rinviare il nostro programma iniziale, anche se è molto frustrante per tutta la squadra", ha spiegato Cyril Dardashti, direttore generale di Gitana.


08/12/2021 15:57:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale del Tigullio: parte sabato la terza manche nelle acque di Lavagna

Si torna a competere nel Golfo Tigullio, nelle acque di Lavagna. dopo la seconda manche ambientata nel Golfo Marconi tra Rapallo, Santa Margherita e Portofino

Classe 420: la Coppa Italia inizierà nel Golfo della Spezia

San Terenzo ospiterà la prima tappa della Coppa Italia classe 420

Il mondiale GC32 torna a Lagos in Portogallo nel 2022

Le cinque sedi di tappa 2022, la nona stagione del GC32 Racing Tour, includeranno alcune delle migliori località veliche europee per la competizione dei catamarani volanti, compreso un imperdibile Campionato del Mondo

The Ocean Race si allea con Acronis

Acronis fornirà protezione informatica innovativa per l'infrastruttura aziendale di The Ocean Race e proteggerà i carichi di lavoro lungo il percorso globale della gara, con Ingram Micro come #CyberFit Partner

Due J24 della Marina Militare al comando delle regate nel Golfo di Anzio Nettuno

La Superba guida la classifica del 47° Campionato Invernale del Golfo di Anzio Nettuno e Arpione quella del Trofeo Lozzi

Sanremo: 3a tappa del Campionato invernale Classe Dragone

Un sole ed un clima decisamente primaverile hanno accolto ben 24 imbarcazioni provenienti da 10 Nazioni per questa terza tappa del Campionato invernale della Classe Dragone

Lega Italiana Vela: si ricomincia da Santa Marinella

Definito il calendario eventi 2022 con due Campionati d'area, il Campionato Italiano Assoluto e il Campionato italiano che assegna i titoli Femminile e Youth

Napoli: nella Coppa Camardella successi di Cosixty, Sly Fox e Gaba

Domenica 23 gennaio giornata di grande vela nel golfo di Napoli, con le regate valide per la Coppa Ralph Camardella, messa in palio dal Circolo Canottieri Napoli e dal Circolo Nautico Posillipo

Garda, la "vela globale"

Regate tutto l'anno sul più navigato bacino d'Europa per i Monotipi e One Off Mini Altura Orc

Invernale Napoli: domenica 23 la V tappa

Organizzata dal Circolo Canottieri Napoli e dal Circolo Nautico Posillipo, la regata assegna la Coppa Ralph Camardella

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci