giovedí, 18 luglio 2024

SOLITAIRE DU FIGARO

Solitaire du Figaro: Pierre Quiroga vince anche la 3a tappa

solitaire du figaro pierre quiroga vince anche la 3a tappa
reda

Alla fine di una tappa complicata di 624 miglia, tra Fécamp e Morlaix Bay, lungo la costa inglese, lo Skipper di Macif 2019, Pierre Quiroga, ha vinto davanti ad Alexis Loison (Région Normandie) e Alan Roberts (Seacat Services).

Il finale di tappa è stato incerto ed avvincente come, del resto, tutta la tappa, piena di trappole, venti variabili e correnti insidiose..Una parte della flotta è rimasta completamente bloccata davanti a Batz Island, ad appena 2 miglia dal traguardo!

L'ultima notte è sembrata interminabile a molti marinai, interminabile e faticosa perché imprevedibile. Fabien Delahaye (Groupe Gilbert) può testimoniarlo: "Il vento era sempre fuori dalle previsioni, la tendenza generale era buona ma c'erano sempre cose che uscivano dal nulla. Gildas Mahé (Breizh Cola) ricorda "una storia senza fine, un colpo di scena dopo l'altro, non ho mai visto così tanta nebbia in vita mia. Questo tratto di mare, sembrava uno scenario degno di una leggenda celtica: il passaggio dal mondo dei vivi a quello dei morti; sembrava un po' così".

Elodie Bonafous ha l'impressione di aver "vissuto un Solitaire du Figaro completo, in una sola gamba". Corentin Horeau (Mutuelle Bleue pour l'Institut Curie) è scoppiato mentre saliva sul pontile. L'emozione è troppo forte: "Questa gamba mi ha ucciso!

La vittoria di Pierre Quiroga (Skipper Macif 2019) è tanto più bella perché la gara sarà stata molto combattuta. Il suo talento è riconosciuto all'unanimità dai suoi colleghi concorrenti: "Pierre è impressionante, ha dominato questa 52a edizione a testa alta" apprezza Gildas Mahé (Breizh Cola).

Pierre, da parte sua, sta assaporando la sua seconda vittoria di tappa: "È stata una tappa pazzesca. Quando tutto va per il verso giusto è magico: viri, prende l'angolo che volevi, strambi ed  è il momento giusto. Il passaggio della boa "spettacolo" a Fécamp è stato proprio come questa tappa: ho virato ed ero in layline! In ogni vittoria c'è un po' di calcolo, un po' di sentimento e un po' di fortuna. Fisicamente ho trovato la tappa meno impegnativa della seconda. D'altra parte, ho dovuto essere paziente e chiaro in termini di strategia, il che non è stato facile perché tutti i gribs [i file delle previsioni meteo - ndr] sono andati sprecati molto rapidamente. Era complicato sapere cosa sarebbe successo”. Pierre Quiroga ha vinto la gara grazie al suo caratteristico temperamento d'attacco: "Sì, sono così! È importante rimanere fedeli a se stessi, anche sotto pressione”.

Secondo a 8 minuti e 4 secondi dal velista “mediterraneo”, Alexis Loison (Regione Normandia) assapora questo posto che ha difeso con le unghie e con i denti: "Ci ho creduto molte volte in questa tappa, ho avuto diversi passaggi in testa, almeno nel gruppo e poi ogni volta si ripartiva da zero. Avevo anche un po' paura delle barche che scendevano a terra, soprattutto quando ho visto il vento arrivare e soprattutto perché non potevamo vederle nella nebbia. Alla fine è stata una lotta fino alla fine con Pierre (Quiroga) che, nonostante tutto, aveva sempre un piccolo vantaggio".

Alan Roberts, lo skipper inglese (Seacat Services) aveva detto che voleva fare bene in questa tappa, perché per lui era come regatare nel giardino di casa. Ha firmato la sua migliore prestazione dall'inizio della gara salendo sul terzo gradino del podio: "È stata una tappa da paura. Da Saint Gowan in poi, sapevo di avere qualcosa in più, un angolo di vento particolare dove posso navigare più veloce della flotta. Non dirò di più, è top secret. Sono molto felice di essere sul podio. Questo era il mio obiettivo. Le prime due tappe non sono state buone. Spero che questo sia l'inizio di una buona seconda metà della gara. Questo eccellente risultato gli permette anche di vincere il Trophée Vivi - che premia il miglior skipper straniero - in questa terza tappa. Per la nostra Francesca Clapcich continua “l’apprendimento” e termina a 5 ore e 43 minuti dal vincitore.

 

@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Calibri; panose-1:2 15 5 2 2 2 4 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-520092929 1073786111 9 0 415 0;}p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Calibri; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-fareast-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;}.MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Calibri; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-fareast-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;}div.WordSection1 {page:WordSection1;}


11/09/2021 09:17:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

A Monfalcone la Optimist Gold Cup

La stagione di grandi eventi e regate firmate Yacht Club Monfalcone entra nel vivo con la quarta edizione della Gold Cup, la regata internazionale per la classe Optmist

Porto Cervo: Django vince la Coppa Europa Smeralda 888

Vince Django in rappresentanza del Royal Thames Yacht Club, seguito da Vamos Mi Amor e Canard a L’Orange dello Yacht Club de Monaco, rispettivamente secondo e terzo classificato

Quebec-Saint Malò: "highlander" Bona

Ibsa e Alberto Bona non hanno mollato, hanno recuperato 220 miglia in 6 giorni ed ora sono a sole 13 miglia dalla testa della corsa a 250 miglia dall'arrivo

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Garda:apre con 30 regate lo Youth Sailing World Championships

Primo giorno ricco di regate, di sole e di vento per gli Youth Sailing World Championships, il Campionato mondiale di Vela Giovanile di World Sailing, la federvela internazionale, ospitato e organizzato quest’anno in Italia sul lago di Garda

Quebec Saint Malò: per IBSA un sesto posto non male

Dopo 14g 20h 19' 42" di navigazione, e 2800 miglia percorse, alle ore 16:34:42 del 15 luglio il Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di questa difficile regata, tra bonacce a tempeste, vinta da Achille Nebout a bordo di Amarris

Alberto, Luca e Pablo: ecco la loro Quebec Saint Malò

ll giorno dopo la Transat Québec Saint-Malo il racconto della regata nelle parole dell'equipaggio di IBSA, composto da Alberto Bona, Luca Rossetti e Pablo Santurde del Arco

2024 Tornado World Championship: break a metà campionato

Due prove con la bavetta al mattino poi la grande festa sulla terrazza del Club Nautico Rimini

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci