giovedí, 18 luglio 2024

SOLITAIRE DU FIGARO

Guillaume Pirouelle vince la seconda tappa della Solitaire du Figaro

guillaume pirouelle vince la seconda tappa della solitaire du figaro
redazione

L'esordiente francese Guillaume Pirouelle (Région Normandie) ha tagliato il traguardo al largo di Royan, all'imboccatura dell'estuario della Gironda, alle 06:28:26 dell'alba di questa mattina, conquistando la vittoria nella seconda tappa della 53a Solitaire du Figaro, lunga 655 miglia nautiche. Dopo la vittoria di Davy Beaudart (Nauty'mor) nella prima tappa a Port La Forêt, quella di Pirouelle è la seconda vittoria consecutiva di uno skipper esordiente. Pirouelle ha navigato con un mix perfetto di navigazione veloce e controllata tra lunedì e martedì, nelle grandi brezze che hanno prevalso per le due traversate della Manica, navigando con venti di 30kts e mare di 2m fino a una boa delle Isole della Manica a Eddystone, prima di virare verso sud lungo le coste della Bretagna e della Vandea, dove la brezza è calata per lasciare alla flotta le ultime 170 miglia impegnative, navigando in una rete di calme e arie leggere. Pirouelle era quinto alla boa delle Channel Islands e quarto a Eddystone prima di staccarsi dal gruppo ieri sera. Nella  prima tappa si era classificato sesto.

 

Prima di scegliere di intraprendere la carriera di regatante d'altura, vincendo le prove della regione Normandia per assumere il timone del loro Figaro Beneteau 3, Pirouelle, oggi 28enne, è stato uno dei principali timonieri francesi della classe 470 olimpica - tra cui un titolo di campione del mondo 470 Junior 2015 - prima di vincere il Tour Voile nel Diam 24s timonando per il team Beijaflore.

 

L'anno scorso, attraverso il programma di supporto regionale, ha fatto da apprendista al veterano Alexis Loison, che aveva inizialmente individuato il giovane talento normanno nelle derive per chiedergli di partecipare al programma d'altura. Dopo aver navigato come co-skipper con Loison lo scorso anno - compresa una Transatlantica - la prima stagione in solitario di Pirouelle ha messo subito in luce il suo potenziale questa primavera, quando ha conquistato il secondo posto nella Solo Maitre Coq di inizio stagione, arrivando secondo dopo Tom Laperche (Région Bretagne-CMB Performance), e poi il terzo posto nella All Mer Cup in solitario nelle acque di casa,

 

Al traguardo di questa mattina è stato seguito a 3 minuti e 19 secondi da Achille Nebout su Amarris Primeo Énergie. Tom Laperche (Bretagne CMB Performance) è salito sull'ultimo gradino del podio a 15 minuti e 48 secondi dal vincitore.

 

Al quinto posto, l'irlandese Tom Dolan su Smurfit Kappa-Kingspan è stato il primo velista non francese a concludere la regata. Dolan ha condotto la regata durante il pomeriggio di ieri e la notte scorsa, dopo aver fatto una mossa coraggiosa verso l'interno. È stato a lungo in testa con Pirouelle, ma nelle prime ore dell’alba ha perso posizioni e si è piazzato quinto. Dopo il dodicesimo posto della prima tappa, il velista irlandese, che ha un record in carriera di quinto posto a La Solitaire, ha scalato la classifica generale.

 

Guillaume Pirouelle ha dichiarato dopo il traguardo: "Sono molto contento e so che sono in grado di fare qualcosa di speciale, ma arrivarci è un'altra cosa. Ero ben piazzato fin dall'inizio. Si vede che in ogni tappa ci sono molti cambi di leadership. Si recupera da dietro. È sempre un po' complicato, ma ho tenuto duro fino alla fine e dovrò farlo di nuovo nella terza tappa. È nel mio carattere voler controllare ciò che accade. Non mi piace quando le persone arrivano da ogni dove, ma impedire agli altri di fare ciò che fanno è qualcosa che non si può ottenere. In effetti, sull'AIS non riuscivo a vedere cosa succedeva dietro di me. Ognuno ha adottato la propria strategia come all'andata, ma questa volta siamo riusciti a stare davanti, quindi sono contento".

 

E ha continuato: "Sono una persona che pensa molto e cerco di evitare di commettere due volte gli stessi errori, anche se non è facile nel nostro sport, ma questo è l'obiettivo. Due vittorie per gli esordienti sono una buona cosa. Ora ci aspetta la terza tappa. Credo di aver dormito meno rispetto all'andata. Le condizioni erano più forti, ma anche più casuali. Per quanto riguarda la stanchezza, quando si finisce è sempre tutto a posto. Dopo qualche ora mi sento stanco e penso di essere esausto. Ma abbiamo tre giorni per recuperare, che non saranno troppi".

 

Questa la classifica della tappa:

1. Guillaume PIROUELLE - Région Normandie 6:28’26, 3d 17hrs 28mis 26sec, 2. Achille NEBOUT - Amarris Primeo Énergie 6:31’45 3d 17hrs 31mis 45sec, + 3mins 19sec, 3. Tom LAPERCHE - Bretagne CMB Performance - 6:44’14 3d 17hrs 44mins 14sec Time behind the winner: 15mins 48sec. 4. Benoît MARIETTE - Génération Senioriales - 6h 52’10, + 23mins 44 secs, 5. Tom DOLAN – IRL, Smurfit Kappa-Kingspan - 7:19’33, + 51 mins 07 secs.

 


01/09/2022 18:12:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

A Monfalcone la Optimist Gold Cup

La stagione di grandi eventi e regate firmate Yacht Club Monfalcone entra nel vivo con la quarta edizione della Gold Cup, la regata internazionale per la classe Optmist

Porto Cervo: Django vince la Coppa Europa Smeralda 888

Vince Django in rappresentanza del Royal Thames Yacht Club, seguito da Vamos Mi Amor e Canard a L’Orange dello Yacht Club de Monaco, rispettivamente secondo e terzo classificato

Quebec-Saint Malò: "highlander" Bona

Ibsa e Alberto Bona non hanno mollato, hanno recuperato 220 miglia in 6 giorni ed ora sono a sole 13 miglia dalla testa della corsa a 250 miglia dall'arrivo

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Garda:apre con 30 regate lo Youth Sailing World Championships

Primo giorno ricco di regate, di sole e di vento per gli Youth Sailing World Championships, il Campionato mondiale di Vela Giovanile di World Sailing, la federvela internazionale, ospitato e organizzato quest’anno in Italia sul lago di Garda

Quebec Saint Malò: per IBSA un sesto posto non male

Dopo 14g 20h 19' 42" di navigazione, e 2800 miglia percorse, alle ore 16:34:42 del 15 luglio il Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di questa difficile regata, tra bonacce a tempeste, vinta da Achille Nebout a bordo di Amarris

Alberto, Luca e Pablo: ecco la loro Quebec Saint Malò

ll giorno dopo la Transat Québec Saint-Malo il racconto della regata nelle parole dell'equipaggio di IBSA, composto da Alberto Bona, Luca Rossetti e Pablo Santurde del Arco

2024 Tornado World Championship: break a metà campionato

Due prove con la bavetta al mattino poi la grande festa sulla terrazza del Club Nautico Rimini

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci