mercoledí, 24 aprile 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nacra 15    regate    mini 6.50    ran 630    ufo22    swan    class 40    niji 40    melges 24    america's cup    interviste    guardia costiera    turismo    trofeo princesa sofia    cnsm    la duecento    foiling   

SOLITAIRE DU FIGARO

Solitaire du Figaro: la prima tappa va al "bizuth" Benoît Tuduri

solitaire du figaro la prima tappa va al quot bizuth quot beno 238 tuduri
redazione

La suspense è durata fino alla fine della prima tappa della Solitaire du Figaro Paprec (Caen - Kinsale). Al comando della flotta da mezzogiorno di ieri, Benoît Tuduri (CAPSO - En Cavale) ha tagliato per primo il traguardo della prima tappa della Solitaire du Figaro Paprec tra Caen (Calvados) e Kinsale (Irlanda) alle 08:02:25 ora italiana. Ha impiegato 3 giorni 19 ore 00 minuti e 25 secondi per completare il percorso teorico di 610 miglia nautiche della prima tappa. In pratica, ha percorso 648,63 miglia a una velocità media di 7,13 nodi. Dopo quattro giorni e tre notti in mare caratterizzati da concentrazione, stress, fatica, sforzo e spirito combattivo, Benoît Tuduri ha vinto il Trophée Beneteau des Bizuths (per gli esordienti). Una prestazione superba per il 29enne vandeano, che partecipa per la prima volta alla Solitaire.

 

Benoît Tuduri (CAPSO - En Cavale): "Non me ne rendo ancora conto. Sono stato molto concentrato fino al traguardo. Questa è la mia quarta gara in solitaria e la prima tappa in solitario della mia vita. È qualcosa di straordinario! È una vittoria che dedico al progetto che ho con i bambini che sono venuti a vedermi alla partenza a Caen, all'inizio della gara, e a tutti i miei partner che mi hanno dato fiducia. Sono contento che mi abbiano seguito, perché sono sicuro che dietro di me ci sono molte persone che sono felici di quello che sta succedendo. Sono moderatamente soddisfatto dell'inizio della mia gara. Mi ci è voluto molto tempo per partire. Sono un diesel, si potrebbe dire. All'inizio di una gara non è mai così. Ma poi mi sono trovato nel gruppo giusto e ho fatto alcune scelte, alcune buone, altre meno. Ho provato un po' di cose. In una Figaro, non ci si arrende mai e questo è l'importante. Poi ho esitato a lungo sull'opzione North Scilly. Ho pensato che sulla carta potesse essere un'opzione molto valida, quindi ho fatto un tentativo. Altrimenti, in termini di velocità pura e dura, se fossi rimasto nel gruppo con gli altri, a un certo punto sarebbe stato difficile andare avanti. Mi sono posto alcune domande prima di dirigermi verso nord. Vedo che solo Tom mi ha seguito. Era un'opzione interessante, anche se non ero affatto sicuro che avrebbe dato i suoi frutti. Sono un amante del rischio. Ho preso due opzioni in gara: la prima avrebbe anche potuto dare i suoi frutti, ma alla fine c'era un po' più di vento ed è tornato indietro. Non ho perso posizioni, ma non ne ho guadagnate. E una seconda che si è rivelata molto buona. Ero più sotto pressione ieri che ieri sera. Per tutto il giorno siamo stati tranquilli e io ero lontano da tutto, isolato. Alla fine ci siamo divisi. Ognuno è andato per la sua strada per un po'. Avevamo ricevuto un bollettino meteo sull'Iridium che diceva "alta pressione". Non è una cosa piacevole per chi naviga. Io pensavo che il vento sarebbe tornato da ovest come previsto, quindi mi sono diretto a ovest. Tom è andato nella direzione opposta. Eravamo davvero soli e poi, per tutto il giorno, mi sono detto che ero bloccato lì e che tutti gli altri dovevano essere passati. Ho visto che Tom aveva seguito un percorso diretto per un po' e poi non ho visto più nessuno fino alla classifica delle 17.00, quando ho chiamato la Direzione Gara. Mi hanno detto che ero ancora in testa. Ho ripreso a sperare e ho continuato ad andare a tutta velocità. Quando il vento è tornato, sapevo che probabilmente sarei stato il primo a toccarlo di nuovo e che avevo un po' di vantaggio. È stato il mio primo Fastnet. Ha un sapore speciale perché è un luogo mitico. Era buio e pioveva. Ho visto il Fastnet quando sono passato a 20 metri dallo scoglio, ma è stato un momento molto bello e mistico. Avevo solo due persone in vista dietro di me sull'AIS, un piccolo vantaggio che era comodo. Ho anche riposato alla fine della notte senza troppi problemi. La barca stava facendo buoni progressi, tutto era sistemato e le cose stavano andando bene. In Figaro è raro avere un tale vantaggio sul secondo. È una tappa atipica rispetto a quelle che facciamo di solito, dove siamo più uniti. Questo è un palcoscenico ampio e questo è ciò che mi piace di più. È diverso dalle altre regate che facciamo nel resto dell'anno, dove siamo molto concentrati sul mix inshore/offshore. Qui abbiamo davvero più opzioni con cui giocare. Vorrei ringraziare la Direzione di gara per il percorso, che è stato davvero eccezionale. È stato fantastico, con molte cose da fare".


01/09/2023 16:00:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Caorle, La Duecento: già 90 barche a 15 giorni dalla partenza

A due settimane dal via de La Duecento, gli iscritti raggiungono quota 90 imbarcazioni, un record assoluto per la regata del Circolo Nautico Santa Margherita di Caorle che festeggia quest’anno la 30°edizione

America's Cup: anche Ineos Britannia è bellissima!!!

Rivelata la barca che tutti i fan britannici sperano abbia la migliore possibilità di vincere la 37ª America's Cup di Louis Vuitton in 173 anni di vani tentativi

Ufo 22: partita la Turbocup 2024

Imprevedibile Sebino, Pura Vida al comando prima tappa Turbocup '24.

Medaglia d’Oro al Valore Atletico per gli uomini del Moro di Venezia

Mercoledì 17 aprile alle ore 12.00, presso il Centro di Preparazione Olimpica Acquacetosa a Roma l’equipaggio de Il Moro di Venezia è stato insignito della Medaglia d’Oro al Valore Atletico alla presenza del Ministro dello Sport e i giovani Andrea Abodi

Gli Swan ripartono da Scarlino

ClubSwan Racing conferma le eccezionali sedi del 2024 per Swan One Design in giro per il Mediterraneo. La Rolex Swan Cup a Porto Cervo a settembre rappresenta il clou della stagione con l'atteso Swan One Design Worlds di ottobre

Marina Genova, dal 17 al 19 maggio 2024 il 2° Classic Boat Show

Dal 17 al 19 maggio il porto turistico internazionale Marina Genova ospiterà la seconda edizione del Classic Boat Show, il Salone dedicato alla marineria tradizionale che si svolgerà in contemporanea a Yacht & Garden

2.4mR, Jesolo: con fatica ma la spunta Antonio Squizzato

Il campione italiano in carica Antonio Squizzato non ha avuto vita facile in acqua, incalzato dall’atleta svizzero Urs Infanger, conquistando alla fine la vittoria con quattro primi e due secondi posti

Intervista al comandante di Nave Vespucci C.V. Giuseppe Lai

L’intervista “live” di Gianni Loperfido dal Circolo ufficiali della M.M.I. a Roma, al comandante di Nave Vespucci C.V. Giuseppe Lai durante il premio "Carlo Marincovich"

Viareggio: Bonanno e Serravalle vincono il Campionato di Flotte Star 2024

A Viareggio si è concluso dopo quattro tappe la manifestazione proposta dalla Società Velica Viareggina. Le prime due prove del Campionato di Primavera Finn sono invece state vinte da Stefano Giaconi e da Italo Bertacca

Mini 6.50, l'altura sono loro!

Parte la Roma-Barcellona ed è la Classe Mini a tenter alto il vessillo della vela "dura". Pochi i partecipante nelle regate lunghe come la RAN 630 e la Roma; boom di presenze alla 151 Miglia

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci