giovedí, 18 luglio 2024

TRE GOLFI

3 Golfi: sotto la pioggia spunta lo Swan 65 Shirlaf di Giuseppe Putini

golfi sotto la pioggia spunta lo swan 65 shirlaf di giuseppe putini
Roberto Imbastaro

Delle 22 miglia della prima regata costiera del Campionato Europeo IMA Maxi, le 21 splendide imbarcazioni, prodigio di tecnica ed estetica, ricorderanno soprattutto la pioggia battente, perché ha piovuto senza tregua dall’uscita in mare delle 10, alla partenza avvenuta alle 11,20, fino al rientro in porto intorno alle 15. Questo l’esordio della fase di regate inshore della Tre Golfi Sailing Week, con base a Sorrento, organizzata dal Circolo del Remo e della Vela Italia, supportato da Rolex come Official Timepiece e Loro Piana. Un’insolita situazione meteorologica che non è solo sgradevole per i numerosi equipaggi giunti sulla penisola sorrentina da ogni parte del mondo  (Argentina e Australia le più distanti), ma ha parecchio complicato anche le scelte tattiche per i team, confermando la reputazione secondo cui il Golfo di Napoli è tra i più insidiosi campi di regata del mondo.

Il migliore ad interpretare le condizioni, almeno in tempo reale, è stato l’italiano Cannonball, di Dario Ferrari, con un equipaggio di altissimo livello, con l’americano Ed Baird, il kiwi Cameron Dunn e l’italiano, primo skipper di Luna Rossa, Francesco De Angelis, nel ruolo di stratega.
“Ha piovuto sempre, non proprio la caratteristica di questo posto. Le condizioni erano difficilissime perché si è partiti con vento, poi è calato andando in poppa verso Punta della Campanella, dove siamo riusciti a girare abbastanza bene, e nella seconda parte della regata siamo riusciti a stare davanti, con il vento che calava. Oggi essere un esperto locale poteva anche essere uno svantaggio, perché oggi era una pagina nuova, non dovevo pensare a cosa fare in condizioni ideali, era tutto modificato dalla pioggia e dalle raffiche, a poco serviva la mia conoscenza del posto, bisogna solo usare bene il vento che avevi, e navigare come meglio si poteva in quel momento. Abbiamo tagliato il traguardo per primi in tempo reale, ma vedremo cosa accadrà in tempo compensato”.

Le difficili condizioni, con raffiche, buchi di vento e significativi cambi di direzione, hanno alla fine avvantaggiato le imbarcazioni più piccole, con i rating migliori, e lo Swan 65 Shirlaf di Giuseppe Putini ha così vinto la prova con 18 minuti di vantaggio in tempo compensato IRC. Vesper di Jim Swartz è stato il migliore sulla linea di partenza, anche nel gruppo più competitivo, quello degli ex Maxi 72, ma è stato Cannonball di Dario Ferrari ad avanzare in acqua e a raggiungere per primo la boa di bolina, seguito da Vesper, Proteus di George Sakellaris e dal 90 piedi Shockwave 3 Prosecco DOC. L'ordine in acqua è stato rimescolato verso la fine della regata. In questo caso, Shockwave 3 Prosecco DOC e Cannonball sono riusciti a prendere il largo e a guadagnare terreno sui loro diretti avversari. Tuttavia, il loro vantaggio è evaporato quando il vento è nuovamente calato per loro in prossimità del traguardo.
Il tattico di Cannonball, Ed Baird, ha spiegato: "Abbiamo finito con due nodi di velocità e due minuti dopo tutti quelli dietro andavano a 8-10 nodi. L'angolo del vento è cambiato abbastanza da permettere alle barche che erano molto indietro di raggiungere il traguardo. Dispiace, ma è così che funziona".

Cannonball ha infine chiuso la giornata in undicesima posizione, e il 50enne Shirlaf, già vincitore assoluto di questo evento, con il tattico Gabriele Bruni a bordo, che si è preso la vittoria. I due grossi buchi di vento non li hanno troppo coinvolti, come ha raccontato Bruni: "Siamo riusciti a stare all'esterno della flotta perché sapevamo che lì ci sarebbe stata più pressione, quindi abbiamo strambato a dritta nel primo sottovento e siamo arrivati con pressione. A Shirlaf piace navigare con 11-12 nodi, quindi meno di 9 per noi è un po' un problema. E soprattutto preferiamo navigare sotto il sole: oggi è stato un po' come essere a Cowes Week!".

Dopo la 68esima Regata dei Tre Golfi e la prima regata costiera, è H20 di Riccardo de Michele a guidare la classifica generale del Campionato con 5,25 punti di vantaggio su Wallyño a 6,5 e Shirlaf terzo a 10,75. North Star di Peter Dubens, vincitore della Regata dei Tre Golfi, è attualmente quinto. Domani si torna in acqua alle 11 con la seconda regata costiera della Tre Golfi Sailing Week, le previsioni parlano di venti più forti di oggi, e pioggia meno intensa.

 


15/05/2023 21:34:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

A Monfalcone la Optimist Gold Cup

La stagione di grandi eventi e regate firmate Yacht Club Monfalcone entra nel vivo con la quarta edizione della Gold Cup, la regata internazionale per la classe Optmist

Porto Cervo: Django vince la Coppa Europa Smeralda 888

Vince Django in rappresentanza del Royal Thames Yacht Club, seguito da Vamos Mi Amor e Canard a L’Orange dello Yacht Club de Monaco, rispettivamente secondo e terzo classificato

Quebec-Saint Malò: "highlander" Bona

Ibsa e Alberto Bona non hanno mollato, hanno recuperato 220 miglia in 6 giorni ed ora sono a sole 13 miglia dalla testa della corsa a 250 miglia dall'arrivo

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Garda:apre con 30 regate lo Youth Sailing World Championships

Primo giorno ricco di regate, di sole e di vento per gli Youth Sailing World Championships, il Campionato mondiale di Vela Giovanile di World Sailing, la federvela internazionale, ospitato e organizzato quest’anno in Italia sul lago di Garda

Quebec Saint Malò: per IBSA un sesto posto non male

Dopo 14g 20h 19' 42" di navigazione, e 2800 miglia percorse, alle ore 16:34:42 del 15 luglio il Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di questa difficile regata, tra bonacce a tempeste, vinta da Achille Nebout a bordo di Amarris

Alberto, Luca e Pablo: ecco la loro Quebec Saint Malò

ll giorno dopo la Transat Québec Saint-Malo il racconto della regata nelle parole dell'equipaggio di IBSA, composto da Alberto Bona, Luca Rossetti e Pablo Santurde del Arco

2024 Tornado World Championship: break a metà campionato

Due prove con la bavetta al mattino poi la grande festa sulla terrazza del Club Nautico Rimini

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci