giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: SVR Lazartigue abbandona

arkea ultim challenge svr lazartigue abbandona
redazione

L’uscita dall’acqua del trimarano SVR-Lazartigue in sosta nel porto di Città del Capo (Sudafrica) ha confermato l'entità dei danni causati dall'incidente subito dieci giorni fa. Poiché la riparazione entro un tempo ragionevole è impossibile, l'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest si conclude prematuramente. Anche se la delusione è grande, lo skipper Tom Laperche e tutto il team della barca stanno già guardando avanti alle prossime sfide, a cominciare dal Trofeo Jules Verne, record del giro del mondo in equipaggio.

Tutto il team del Trimaran SVR-Lazartigue aveva voluto crederci. Credere a questa minima speranza di continuare l'avventura dell'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest, credere che la loro determinazione potesse superare un'altra montagna dopo aver già compiuto l'impresa di partecipare il 7 gennaio nonostante un problema strutturale rilevato alla fine della Transat Jacques Vabre a novembre. La speranza c'era davvero. Quella di aver bisogno solo di due o tre settimane di cantiere per riparare i danni causati dall'incidente nella notte di giovedì 18 gennaio. Una notte maledetta quando la barca ha colpito un oggetto o un animale nell'Atlantico sud. Ma dopo essere finalmente riusciti a tirare fuori la barca dall'acqua domenica scorsa, nel porto di Città del Capo dove Tom Laperche era riuscito a riportare la sua barca all'inizio della settimana, la decisione è apparsa ovvia. I danni sono troppo gravi per immaginare un periodo ragionevole per riprendere la gara e lanciarsi nell'Oceano Indiano e poi nel Pacifico. Il giro del mondo in solitario del Trimaran SVR-Lazartigue e di Tom Laperche si conclude a Cape Town. Molta delusione, naturalmente, ma già lo sguardo è rivolto agli obiettivi successivi. In testa per tutta la prima parte della gara prima di questo incidente, la barca ha mostrato il suo eccezionale potenziale. Alla fine di marzo, dovrebbe raggiungere gli stabilimenti di MerConcept nel suo porto di ormeggio a Concarneau. Un cantiere stimato di tre mesi da Cécile Andrieu (team manager) fa immaginare un rientro in acqua all'inizio dell'estate con l'obiettivo del Trofeo Jules Verne, record del giro del mondo in equipaggio, a partire dalla fine di ottobre. Un sogno si conclude, ma altri si svilupperanno molto presto.

Tom, qual è la conclusione dell'analisi dei danni di questa domenica?

"Date le dimensioni dei danni e i tempi di riparazione, dobbiamo necessariamente interrompere la gara. La decisione è chiara. Tutti la condividono, il team, il gruppo Kresk e io. È inevitabilmente difficile accettarlo perché è la fine di questo giro del mondo in cui credevo nel profondo. Avevo voglia di lottare per portare a termine la gara, avevo l'obiettivo di finirla. Quindi non è facile.

La scelta di abbandonare è apparsa come un'evidenza?

Da quando ho visto l'entità dei danni, sapevo che sarebbe stato complicato ripartire. Ma avevo voglia di crederci, di sperare che potessimo riparare rapidamente esplorando tutte le possibilità. Sfortunatamente non era realistico. Ringrazio il team che è stato fantastico. Ha saputo recuperarmi, sostenermi. Tutti sono delusi ma rimangono concentrati per ispezionare la barca, smontarla, fare tutto il necessario per il futuro, e già proiettarsi nella riparazione.

Come ti senti?

È la prima volta che abbandono una gara, la prima volta che ho un grave guasto su una barca. È difficile. Anche se facciamo tutto il possibile per evitarlo, ce ne saranno probabilmente altri. Rimane uno sport meccanico, non si controlla tutto. Nella loro carriera sportiva, pochi, se non nessun marinaio, hanno mai avuto un guasto o un abbandono. È difficile ma fa anche parte della bellezza di queste gare. Resto convinto che navigare da soli su questi trimarani a livello planetario sia straordinario e appassionante.

Qual è il futuro?

Nei prossimi mesi continueremo a rendere più affidabile e migliorare il Trimaran SVR-Lazartigue. Ho ovviamente voglia di tornare a navigare il prima possibile, ma i lavori sono consistenti. Spero di rimetterlo in acqua alla fine della primavera, inizio dell'estate. Quello che mi aiuta di più oggi, ciò che mi riporta la voglia e la motivazione, è pensare al futuro, immaginare cosa possiamo fare sulla barca e pensare al programma. Proiettarsi sul fatto di poter navigare di nuovo su questa splendida imbarcazione. È così incredibile."


29/01/2024 15:03:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci