lunedí, 4 marzo 2024

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: SVR Lazartigue abbandona

arkea ultim challenge svr lazartigue abbandona
redazione

L’uscita dall’acqua del trimarano SVR-Lazartigue in sosta nel porto di Città del Capo (Sudafrica) ha confermato l'entità dei danni causati dall'incidente subito dieci giorni fa. Poiché la riparazione entro un tempo ragionevole è impossibile, l'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest si conclude prematuramente. Anche se la delusione è grande, lo skipper Tom Laperche e tutto il team della barca stanno già guardando avanti alle prossime sfide, a cominciare dal Trofeo Jules Verne, record del giro del mondo in equipaggio.

Tutto il team del Trimaran SVR-Lazartigue aveva voluto crederci. Credere a questa minima speranza di continuare l'avventura dell'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest, credere che la loro determinazione potesse superare un'altra montagna dopo aver già compiuto l'impresa di partecipare il 7 gennaio nonostante un problema strutturale rilevato alla fine della Transat Jacques Vabre a novembre. La speranza c'era davvero. Quella di aver bisogno solo di due o tre settimane di cantiere per riparare i danni causati dall'incidente nella notte di giovedì 18 gennaio. Una notte maledetta quando la barca ha colpito un oggetto o un animale nell'Atlantico sud. Ma dopo essere finalmente riusciti a tirare fuori la barca dall'acqua domenica scorsa, nel porto di Città del Capo dove Tom Laperche era riuscito a riportare la sua barca all'inizio della settimana, la decisione è apparsa ovvia. I danni sono troppo gravi per immaginare un periodo ragionevole per riprendere la gara e lanciarsi nell'Oceano Indiano e poi nel Pacifico. Il giro del mondo in solitario del Trimaran SVR-Lazartigue e di Tom Laperche si conclude a Cape Town. Molta delusione, naturalmente, ma già lo sguardo è rivolto agli obiettivi successivi. In testa per tutta la prima parte della gara prima di questo incidente, la barca ha mostrato il suo eccezionale potenziale. Alla fine di marzo, dovrebbe raggiungere gli stabilimenti di MerConcept nel suo porto di ormeggio a Concarneau. Un cantiere stimato di tre mesi da Cécile Andrieu (team manager) fa immaginare un rientro in acqua all'inizio dell'estate con l'obiettivo del Trofeo Jules Verne, record del giro del mondo in equipaggio, a partire dalla fine di ottobre. Un sogno si conclude, ma altri si svilupperanno molto presto.

Tom, qual è la conclusione dell'analisi dei danni di questa domenica?

"Date le dimensioni dei danni e i tempi di riparazione, dobbiamo necessariamente interrompere la gara. La decisione è chiara. Tutti la condividono, il team, il gruppo Kresk e io. È inevitabilmente difficile accettarlo perché è la fine di questo giro del mondo in cui credevo nel profondo. Avevo voglia di lottare per portare a termine la gara, avevo l'obiettivo di finirla. Quindi non è facile.

La scelta di abbandonare è apparsa come un'evidenza?

Da quando ho visto l'entità dei danni, sapevo che sarebbe stato complicato ripartire. Ma avevo voglia di crederci, di sperare che potessimo riparare rapidamente esplorando tutte le possibilità. Sfortunatamente non era realistico. Ringrazio il team che è stato fantastico. Ha saputo recuperarmi, sostenermi. Tutti sono delusi ma rimangono concentrati per ispezionare la barca, smontarla, fare tutto il necessario per il futuro, e già proiettarsi nella riparazione.

Come ti senti?

È la prima volta che abbandono una gara, la prima volta che ho un grave guasto su una barca. È difficile. Anche se facciamo tutto il possibile per evitarlo, ce ne saranno probabilmente altri. Rimane uno sport meccanico, non si controlla tutto. Nella loro carriera sportiva, pochi, se non nessun marinaio, hanno mai avuto un guasto o un abbandono. È difficile ma fa anche parte della bellezza di queste gare. Resto convinto che navigare da soli su questi trimarani a livello planetario sia straordinario e appassionante.

Qual è il futuro?

Nei prossimi mesi continueremo a rendere più affidabile e migliorare il Trimaran SVR-Lazartigue. Ho ovviamente voglia di tornare a navigare il prima possibile, ma i lavori sono consistenti. Spero di rimetterlo in acqua alla fine della primavera, inizio dell'estate. Quello che mi aiuta di più oggi, ciò che mi riporta la voglia e la motivazione, è pensare al futuro, immaginare cosa possiamo fare sulla barca e pensare al programma. Proiettarsi sul fatto di poter navigare di nuovo su questa splendida imbarcazione. È così incredibile."


29/01/2024 15:03:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: BoatOne di Alinghi Red Bull Racing lascia la Svizzera diretto in Spagna

L'AC75 di Alinghi Red Bull Racing, che quest'estate parteciperà alla 37esima Louis Vuitton America's Cup, è partito dal cantiere di Ecublens, in Svizzera, alla volta della Spagna

Sanremo: concluso il Campionato Invernale Classe Dragone

Quarto ed ultimo atto delle Dragon Winter Series, il Campionato Invernale Classe Dragone, a Sanremo, nel week end del 23/25 Febbraio

Sul Trasimeno il 51° Campionato Italiano classe Meteor

Sarà organizzato dal Club Velico Castiglionese e si prevede un'ampia partecipazione di imbarcazioni provenienti da tutta Italia

Bari: all'Invernale una giornata decisamente bagnata

La pioggia, come previsto, ha accompagnato le regate rendendo come di consueto più difficile la lettura del campo di regata per i partecipanti che hanno dovuto sfoderare tutte le loro abilità per portarle a termine nel migliore dei modi

Charles Caudrelier vince l'Arkea Ultim Challenge

Il solitario francese Charles Caudrelier, skipper del Maxi Edmond de Rothschild, ha attraversato la linea di arrivo al largo della costa di Brest, questo martedì mattina alle 8h 37mn 42s ora locale (UTC+1)

Global Solo Challenge: per Andrea Mura 376 miglia in 24 ore

È nuovamente record per Andrea Mura che venerdì 23 febbraio ha percorso 376 miglia in 24 ore a bordo di Vento di Sardegna

Arkea Ultim Challenge: secondo posto per Thomas Coville

Acclamato come un eroe a Brest, Thomas parla della corsa e dei suoi concorrenti. Un'impresa eccezionale per velisti eccezionali

Per domare un AC 40 servono campioni di Rally

Dalle dune di sabbia alle onde del mare, Alinghi Red Bull Racing accoglie i campioni del Rally Dakar Carlos Sainz Sr. e Cristina Gutierrez a Jeddah

Bologna: Slow Wine Fair 2024 chiude con 12 mila ingressi

Più del 25% di espositori rispetto al 2023 alla terza edizione della fiera dedicata al vino buono, pulito e giusto

Al via le iscrizioni alla Maxi Yacht Rolex Cup 2024

Si aprono ufficialmente oggi le iscrizioni della Maxi Yacht Rolex Cup 2024, evento organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda con la collaborazione dell’International Maxi Association (IMA) e il supporto dello storico partner Rolex

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci