sabato, 13 aprile 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    ocean globe race    barcolana    regate    ilca 4    cambusa    scuola    normative    iqfoil    ambiente    circoli velici    mini 6.50    niji 40    fincantieri    este 24   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

arkea ultim challenge banque populaire arrivata rio con due timoni rotti
Roberto Imbastaro

Armel Le Cléach si trova a Rio de Janeiro, Brasile e ha incontrato i membri del suo team a terra all'inizio di una sosta tecnica necessaria in quanto ha danneggiato o perso il timone principale e il timone di babordo del suo ULTIM in due incidenti separati all'inizio di questa settimana.

Il team Banque Populaire riporta questo pomeriggio: "Il Maxi Banque Populaire XI ha subito due gravi danni ai timoni in 48 ore che hanno ora interrotto la gara poiché è indispensabile questa nuova sosta tecnica. Martedì 13 febbraio, verso mezzogiorno UTC, il galleggiante di dritta del Maxi Banque Populaire ha avuto una collisione. Il Maxi Banque Populaire XI stava navigando a oltre 30 nodi su tribordo quando il timone di babordo ha colpito un tronco, causando la perdita completa dell'appendice."

La dichiarazione del team continua: "Sebbene ci fossero ancora circa 6.000 miglia da percorrere per raggiungere Brest, l'equivalente di due traversate atlantiche, Armel Le Cléac'h ha navigato per qualche ora con il timone di tribordo e quello centrale e ha confermato il suo desiderio di continuare la gara senza fare una sosta, nonostante l'assenza del timone di babordo che sarebbe stato utilizzato principalmente sulla rotta verso la Bretagna. Senza questa appendice, la sicurezza a bordo non era in discussione e la barca stava bene, anche se questo costringeva a velocità più lente."

Lo stesso Le Cléac'h riprende il racconto: "Stavo navigando lungo l'Argentina, in poppa, in condizioni sempre veloci. Uscivo da 24 ore molto intense con una depressione che si era approfondita con venti molto instabili e raffiche che arrivavano fino a 50 nodi. Ho sentito un impatto violento sul timone di babordo. Ho intravisto un tronco di legno. L'impatto è stato molto violento, il timone è stato in gran parte strappato. È stato un vero colpo duro. Ma anche se è stato un momento difficile, sapevamo che era possibile continuare a navigare senza timone. Il tempo non sarebbe stato così brutto e avremmo comunque potuto arrivare a Brest."

Ma poi, giovedì 15 febbraio intorno alle 08:30 UTC, Le Cléac'h ha subito una rottura improvvisa del timone centrale del Maxi Banque Populaire XI al largo della costa brasiliana, senza che a bordo fosse avvertito alcun impatto. "Ho sentito un forte "crack", meccanicamente il timone aveva appena ceduto", spiega. "Abbiamo dovuto adattarci rapidamente perché a bordo tutto era diventato molto più complicato".

Questi due danni successivi hanno costretto lo skipper della Banque de la Voile ad effettuare questa sosta tecnica in modo che il team possa diagnosticare precisamente la situazione e valutare i prossimi possibili passi per proseguire la gara intorno al mondo. "Ora la barca è difficile da controllare con un solo timone che ci consente di manovrare. Non abbiamo avuto altra opzione se non mettere la gara in pausa e fermarci", conferma Le Cléac'h.

 


16/02/2024 21:20:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Palermo: conclusa la decima edizione della regata "Una Vela Senza Esclusi"

Si è conclusa oggi, Domenica 7 Aprile, la decima edizione della regata velica Una Vela Senza Esclusi, tappa del Campionato Regionale Vela Paralimpica Hansa 303 organizzato dalla Lega Navale Italiana - Sezione Palermo

Caorle: terminata una combattutissima "Ottanta"

Oryx Line Honour X2, Irina Xtutti. In ORC vittoria assoluta di Demon-X X2 e Farraway Xtutti

Ocean Globe Race: Translated 9 si ritira

Si sono riaperte le crepe nello scafo riparate a seguito di un urto con un oggetto sommerso e la barca si dirige verso il Portogallo pronta, se necessario, all'abbandono della nave

Circuito Nazionale Este24, il primo acuto è di Milù4 di Andrea Pietrolucci

Dopo una serie di weekend impegnativi dal punto di vista meteorologico, la flotta degli Este24 si è ritrovata a Santa Marinella per la nuova stagione, come sempre ricca di eventi e di novità

Niji40: partono in testa Alberto Riva e Andrea Fornaro

I due italiani sono ai primi due posti, con Acrobatica di Alberto Riva che precede di poco Influence 2 di Andrea Fornaro

Niji 40 finita per Matteo Sericano

Infortunio a bordo, Sericano e Tyrolit si ritirano dalla Niji 40 e puntano alle prossime regate. Matteo Sericano e Luca Rosetti hanno condotto la barca in porto a Gijon per consentire le cure a Giovanni Licursi che è stato trasferito in Ospedale

A Palma è l'Italia la "Princesa"

Vola la vela italiana a Palma di Maiorca con due ori e due argenti conquistati nel Trofeo Princesa Sofia

Garda: gran finale dell’OpenSkiff Eurochallenge #1e della regata Internazionale RS Aero

Nell'OpenSkiff under 15 la spunta il francese Ganivet, secondo Gianluca Pilia; il polacco Staron ha la meglio negli under 17. Francesca Ramazzotti, Elias Nonnis e Nick Craig sul gradino più alto del podio assoluto RS Aero 5, 6 e 7

Adriatica torna in Mediterraneo con un "occhio" all'ambiente

Adriatica, l’iconica barca rossa che ha dato vita a “Velisti per Caso”, di Patrizio Roversi e Syusy Blady, torna a navigare nel Mediterraneo e lo fa con “Le Vele del Panda”, progetto di WWF e Sailsquare, per la tutela e salvaguardia della fauna marina

Open Skiff Eurochallenge - RS Aero: primi due giorni favolosi con bel vento e sole

Prime posizioni internazionali con Italia, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Polonia, Irlanda leader nelle varie classi e categorie

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci