mercoledí, 12 maggio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

circoli velici    velista dell'anno    regate    persico 69f    j24    ambiente    meteor    m32    assonat    nomine    vele d'epoca    team    protagonist    windsurf    este 24    sb20   

VENDÉE GLOBE

Vendée Globe: Pip Hare, una soluzione per ogni problema

vend 233 globe pip hare una soluzione per ogni problema
redazione

Attualmente al 15° posto in classifica, Pip Hare (Medallia) ha avuto problemi con l’anemometro da ieri. In un messaggio ricevuto a bordo questa mattina, spiega.

"Oggi a bordo di Medallia mi sono spremuta le meningi per cercare di trovare una soluzione a un problema con i miei dati sul vento. A metà mattina sono stata improvvisamente svegliata da un errore del mio autopilota che ha causato la strambata della barca. Sono riuscita a rimetterci in piedi, ho controllato i danni e ho reindirizzato il pilota per un'altra strambata. Quando ho controllato i dati del vento mi sono accorta che era totalmente a zero, così ho messo il timone sulla bussola e ho controllato l'asta sull'albero. Non sono ancora sicura di cosa sia successo. L'anemometro non gira più, è bloccato. Molto strano, ma non sono certo le condizioni giuste per salire in testa d'albero.

Questa è una brutta notizia perché ho già perso il mio secondo anemometro durante il primo grande fronte che abbiamo incontrato appena tre giorni dopo la partenza, quindi non ho più dati sul vento in cima all'albero. I dati del vento sono assolutamente cruciali per le mie prestazioni. So che posso navigare in sicurezza senza, facendo attenzione all’impostazione delle vele e usando l’osservazione e il barometro per avere un'idea della forza e della direzione del vento. Ma è difficile navigare senza questi dati. Sono le sfumature che fanno la differenza, soprattutto l'analisi degli schemi delle polari - la misura in cui navigo rispetto alle mie migliori prestazioni teoriche in determinate condizioni di vento. Senza questo punto di riferimento, dovrei indovinare se sto navigando veloce o meno, il che non può che essere dannoso per le prestazioni. 

Devo ammettere che sono devastata da questa notizia. Ho fatto così bene e pensavo quasi di farla franca, ma c'è sempre una parte di me che aspetta che una grande buccia di banana mi faccia inciampare e mi faccia volare. Dopo un momento di autocommiserazione, ho bevuto una tazza di tè, ho mangiato qualcosa, mi sono messa i pantaloni da donna e sono andata in cerca di una soluzione.

Ho una bacchetta di ricambio per il vento, che è montata a livello del ponte. Il problema di questa bacchetta è che può essere usata solo con il mio pilota di emergenza e che non è affidabile come il pilota principale, quindi non voglio usarlo a meno che non sia necessario. Mi sono seduta e ho pensato alle mie opzioni, e poi ho deciso che avrei dovuto rimanere con il pilota principale in modalità bussola e cercare di inserire i dati del vento nel computer per aiutarmi a migliorare le mie prestazioni e la navigazione. Il resto lo devo fare sentendo, abbracciando il Jedi in me. Ora conosco la barca abbastanza bene e ho passato tre anni a navigare i mini 650 senza un computer a bordo per aiutarmi, quindi dovrò fare un tentativo.

Ho passato un po' di tempo a cercare su Google la differenza di forza del vento rispetto all'altezza sul livello del mare e ho trovato una formula piuttosto complicata per calcolarla. Ho passato mezz'ora a cercare di ricordare come risolvere un'equazione come nei miei giorni di scuola. Sono riuscita a trovare un numero che mi sembra giusto e ho cambiato la calibrazione della bacchetta del livello del ponte per leggere quello che penso possa essere all'altezza dell'albero. Poi ho giocato con il cambio dell'angolo del vento per cercare di ottenere l'angolo del vento apparente per essere più o meno a destra. Ogni volta che il vento aumentava o l'angolo del vento cambiava, uscivo sul ponte, guardavo il mare, le onde e l'assetto delle vele e valutavo se i dati del vento corrispondevano a quelli che vedevo. Per tutto il giorno ho variato l'angolo del vento in un modo o nell'altro, ho cambiato il coefficiente di velocità del vento di uno o due e alla fine ho scoperto che il vento era più forte di quanto mi aspettassi. L'unico inconveniente è che quando domani stramberò dovrò trasferire la bacchetta dall'altra parte della barca e ripercorrere l'intero processo.

Ovviamente non è perfetto. Quando navighiamo sulle onde l'angolo del vento si spegne completamente, perché il vento apparente a livello della coperta è molto diverso da quello in cima all'albero. Per questo motivo ho ammortizzato i dati del vento e ho impostato il mio computer per leggere le medie per aiutarmi a prendere decisioni. I dati non sono assoluti, ma almeno ora ho un punto di relatività su cui lavorare e dovrò ricostruire la mia base di conoscenze sulle mani di terzaroli, sui cambiamenti delle vele e sulle prestazioni per adattarmi ai nuovi dati.

Ora mi sento molto meglio. È ancora lontano dall'ideale e sono completamente disgustata da ciò che è successo. Ma è successo e non mi deprime. Sicuramente significherà fare scelte di navigazione più caute nel breve periodo, il che sarà un cambiamento di modo per me, dato che ho deliberatamente spinto ai limiti nelle ultime due settimane. Ma c'è ancora molta strada da fare. Devo tornare in modalità di apprendimento, familiarizzare di nuovo con i numeri, e poi forse avrò l'opportunità di spingere di nuovo i limiti".

 

@font-face {font-family:"MS 明朝"; panose-1:0 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:1 134676480 16 0 131072 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Cambria; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}.MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}div.WordSection1 {page:WordSection1;}


02/01/2021 12:12:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

FIV e SailGP I dettagli del programma "Inspire" a Taranto

Nel week end del 5 e 6 giugno, Taranto sarà lo stadio nautico dell’Italy Sail Grand Prix. Già dal primo giugno partirà nel capoluogo ionico ‘Inspire’, il programma di iniziative collaterali che SailGP dedica a tutti i territori toccati dal circuito

Meteor: in corso a Santa Marinella il Trofeo del Timoniere

Trofeo del Timoniere è giunto a Santa Marinella. Diavolo a 4 conduce vince la classifica provvisoria dell’ultima tappa. Oggi i vincitori anche del Trofeo Carlo d’Amelio

XXVII Campionato Italiano Este24 : da venerdì a Porto Ercole si regata!

Dopo la vittoria nella Coastal Race che ha portato gli equipaggi della flotta Este24 all’Argentario, Lorenzo Rossi (detentore in carica del titolo) al timone di Ricca D’Este 27 è sicuramente l’uomo da battere

XXVII Campionato Italiano Este24: Ricca D’Este 27 mantiene la rotta

La seconda giornata di regate a Porto Ercole ha ribadito la consistenza di Lorenzo Rossi ed il team di Ricca D’Este27, che con due terzi ed un secondo posto, primeggia in classifica, scartando già una prova

Windsurf: 25 nodi di garbino inaugurano il Memorial Ballanti-Saiani

Il primo evento ufficiale della futura classe olimpica iQFoil al Memorial Ballanti-Saiani viene battezzato con 25 nodi di garbino: spettacolo, ma anche diversi ritiri per i più giovani il bilancio della prima giornata di gare

Torna Castelli Aperti FVG: 14 manieri per scoprire la storia del Friuli

Torna Castelli Aperti FVG con la 35^ edizione dell’appuntamento più atteso per conoscere la storia e la tradizione del Friuli Venezia Giulia attraverso manieri, dimore e parchi privati, normalmente chiusi al pubblico

Il "Triplete" di Giovanni Soldini

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini conquistano il primato sulla rotta originale del Fastnet. Tris di record nella Manica per il trimarano italiano. 595 miglia in 23 ore, 51 minuti e 16 secondi

Nuovo Pershing 6X: audace per natura

Compatto e provocatorio, la new entry della Generazione X non teme confronti

Portofino: spettacolo alla Splendido Mare Cup

Regate di Primavera – Portofino. Splendido Mare Cup - 5 - 9 maggio 2021. Giornata memorabile in mare per il primo giorno di regate

Portogallo, Europeo 470: una vittoria per Berta/Caruso

Elena Berta e Bianca Caruso vincono una prova (10-1) e salgono al 6° posto europeo. Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (15-13), sempre al 14° posto europeo. Mixed: Marco Gradoni e Alessandra Dubbini (10-5) salgono al 5° a 3 punti dal podio

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci