martedí, 3 agosto 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela olimpica    gc32    alinghi    ilca 6    windsurf    420-470    prosecco's cup    mini 6.50    420 - 470    laser    team   

VENDÉE GLOBE

Vendée Globe: l'orgoglio di Jérémie Beyou

vend 233 globe orgoglio di 233 233 mie beyou
redazione

Questo sabato 6 febbraio alle 9 ore 15 minuti e 58 secondi (ora  italiana), Jérémie Beyou ha tagliato il traguardo a Les Sables d'Olonne dopo 89 giorni, 18 ore 55 minuti e 58 secondi di corsa in solitaria intorno al mondo senza assistenza. Lo skipper di Charal si è classificato 13° nel Vendée Globe al termine di un viaggio segnato dal suo ritorno in porto per riparare i danni subiti al suo timone, dal ritorno in regata più di 9 giorni dopo i suoi colleghi e da un ritorno nel cuore della flotta, superando 13 concorrenti. Una grande consolazione per lo skipper, che era un chiaro favorito in questo nono Vendée Globe, e che ha dovuto lottare contro la sua radicata natura competitiva per porsi altri obiettivi. In conferenza stampa è tornato con lucidità su questo suo quarto Vendée Globee ha voluto rendere omaggio a "coloro che rimangono in mare". Uno sguardo anche al futuro e la voglia di respirare l'adrenalina delle corse il più presto possibile.

 

"È stata un'esperienza nuova e favolosa. La gente mi ha chiesto quali fossero i miei peggiori ricordi... Ma alla fine, si ricordano solo i momenti belli. Sono così orgoglioso, sono così felice di quello che ho passato.

 

La difficoltà di tornare in gara

 

Psicologicamente, non è stato facile. Ci si prepara a questo per una vita e questa volta, con Charal, con questa squadra, con questa barca, avrei potuto avere una possibilità. Non puoi cancellarlo dalla tua memoria. Dovevo gestirlo quanto accaduto al meglio, in modo che i pensieri negativi non prendessero il sopravvento e non mi impedissero di continuare a far avanzare la barca. I pensieri positivi hanno poi prevalso e alla fine comprendi che la storia è così e ti godi il momento. È un'esperienza lunga, si passa attraverso tutti gli stati d'animo in un Vendée Globe. E sono molto più in forma oggi di quanto lo fossi 80 giorni fa, quando sono ripartito.

 

Il suo "ritorno" nella flotta

 

Tornare nella flotta è stato importante, ma all'inizio mi sentivo ancora molto isolato. È più bello avere dei concorrenti, altrimenti si stabilisce un record e non un Vendée Globe. Era importante raggiungere il resto del gruppo, che è una motivazione in più quando stai recuperando viaggiando con lo stesso sistema meteorologico. Raggiungere un concorrente è qualcosa che si può fare, ma se si sono qualificati per il Vendée Globe, è perché sanno navigare bene. Quando sono arrivato la loro velocità stava aumentando un po', si sentiva che stavano cercando di resistere. Nello sport non si può vincere sempre, specialmente nella vela. È stato Yannick a vincere brillantemente, ma ce ne saranno altri!

 

La lunga ricerca del Solitaire du Figaro

 

Ho dovuto partecipare a nove Solitaire du Figaro prima di vincerne una, quindi non so quando sarà lo stesso per il Vendée Globe! Questa è la mia storia, ma ci sono altre gare che sono arrivate più facilmente. Non ci sono regole. Quando vediamo il podio di oggi, senza offendere nessuno, non credo che molti ci avrebbero scommesso. Per esperienza, faccio fatica a lasciarmi andare prima di arrivarci, quindi se ci devono volere nove edizioni, forse ci arriverò tra molto tempo. Spero di essere presente alla prossima edizione. Al momento di ripartire, avrei potuto essere sottotono perché l'esperienza non era facile da gestire. Sono partito con molta umiltà e ho scoperto l'orgoglio di giocare piccole battaglie quotidiane. Mi ha fatto innamorare un po' di più di questa gara. E con la piccola frustrazione in classifica, mi fa venire ancora più voglia di tornare la prossima volta.

 

Quello che hai scoperto in fondo alla flotta

 

Nelle precedenti regate del Vendée Globe, non ho quasi mai comunicato con i miei rivali. Quando si gioca davanti c'è un lato psicologico, un po' di intossicazione. Se parli con le persone accanto a te, puoi mostrare le tue debolezze, quindi preferisci chiudere i boccaporti. Quando sei dietro, c'è meno pressione. Volevo scambiare opinioni, capire il loro modo di vedere le cose, conoscere cosa stavano facendo. Il mio idolo è Michael Jordan, e lui gioca per vincere o non gioca. Qui ho invece scoperto che si può giocare anche non per vincere, ma per portare avanti il proprio progetto, le proprie idee, le proprie convinzioni, per portare avanti se stessi. È per questo che questi skipper sono lì.

Hanno un livello di preparazione variabile, ma danno il massimo. Per me sembrava improbabile correre senza avere alcuna possibilità di vincere. Tuttavia, è una grande sfida, sono grandi marinai, molto meritevoli. Non è un'impresa da poco prendere la partenza e arrivare al traguardo. Penso molto a loro, alcuni di loro devono affrontare delle condizioni difficili e più si va avanti nella stagione, meno è facile. Penso anche a tutte le persone a casa come Nico (Troussel), Seb (Simon), Kevin (Escoffier), Alex (Thomson). Ho avuto la possibilità di tornare indietro e loro no. Naturalmente, i vincitori devono essere congratulati, ma vorrei mandare un saluto a coloro che sono a casa o in mare.

Quando sei davanti, la tua corsa e quella dei tuoi concorrenti sono intimamente legate. Ogni opzione è considerata, a seconda del tempo e degli strumenti, ma si guarda molto a quello che fanno gli altri. Senza pressione da dietro, non si naviga così. Mi ha permesso di prendere più tempo sulla mia barca, di provare diverse configurazioni, di prendere più tempo per mangiare, per dormire... Non ho mai fatto tante docce durante una gara come in questo Vendée Globe! Anche lavarmi i denti! Dimentichi tutto questo nella tua testa. Sei molto più concentrato su te stesso e su quello che stai passando. E lo fai anche meno per l’esterno, visto che non hai più molto da dimostrare. Non ho perso il mio spirito competitivo, ma è stata una boccata d'aria fresca.

 

Il record dei nuovi foilers

 

Charal è una barca straordinaria. Lo sapevamo prima di partire, ma è difficile navigare intorno al mondo in allenamento per convalidare tutto. Abbiamo visto che tutte le opzioni funzionano e sono affidabili. La struttura, le lamine e la strumentazione non si sono mosse. Con questi grandi foil, la barca deve essere strutturata correttamente, bisogna bilanciare le masse, gestire i carichi, il pilota automatico. C'è tutto uno sviluppo che la fa funzionare e, non a caso, siamo stati le due barche più veloci con L'Occitane en Provence. Quando si trova l'angolo giusto, le impostazioni giuste, è una magia! Era un'opportunità per provare le cose. Ecco perché era importante fare questa circumnavigazione del mondo. Sono barche pazzesche!

 

L'efficienza della preparazione

 

Il ritorno a terra è stato una combinazione di circostanze. Abbiamo colpito qualcosa, abbiamo rotto il timone. È stato un danno collaterale che ci ha costretto a tornare. Abbiamo cercato di mettere la barca in acqua il più presto possibile. In termini di tempo di preparazione non potevamo fare di più. Abbiamo navigato molto, ma non facciamo mai abbastanza. Sono anche barche che richiedono manutenzione e il tempo necessario per costruirle non può essere ridotto. Stiamo sempre tra la ricerca e lo sviluppo, e questo prende tempo anche se abbiamo un team strutturato per questo. Continueremo a sviluppare la barca. Stiamo facendo tutto il possibile per continuare a farlo. Dobbiamo essere in grado di combinare affidabilità e innovazione. Ma tutto può succedere, questo è lo sport, questo è il Vendée Globe.

 

La strategia fino al Vendée Globe 2024

 

Siamo nel bel mezzo della riflessione. Quello che posso dire è che voglio davvero essere alla partenza del Vendée Globe 2024, ma non sono sicuro che ci sarò. Non è un annuncio, è un desiderio. Stiamo pensando a tutto, a come questa barca si evolverà e a come potrebbero essere le barche del futuro. Discuteremo la possibile estensione della partnership, che per il momento dura fino al 2022. Sto cercando di concentrarmi soprattutto sul prossimo anno, sulla Transat Jacques Vabre (con un leggero desiderio di rivincita) e sulla Route du Rhum.

Nel profondo sud, sono riuscito a trovare il pieno controllo di Charal e le giuste impostazioni. Non è facile. Non si può nascondere il fatto che queste sono barche più veloci, ma sono complesse da bilanciare per farle andare veloci e a lungo. Bisogna essere nelle condizioni giuste e riuscire a superare i fronti per avere il mare giusto. Quando l'hai fatto, è un momento di soddisfazione. Quando si rilevano buone medie, è favoloso. Non avevo molte sezioni di 24 ore da registrare, ma fasi più brevi, ma è stato davvero fantastico. E poi c'erano anche gli scambi con gli altri e le piccole vittorie, come salire sull'albero maestro per esempio. Lo odio! Il giorno in cui l'ho fatto, ero super contento di me stesso. Ognuno ha le proprie sfide e piccole vittorie ogni giorno.

 

Il naufragio di Kevin Escoffier

 

Non so come l'abbiano gestita davanti a me. Siamo stati preoccupati per qualche ora. E quando sai che è al sicuro, fai un piccolo film nella tua testa come se dovesse accadere a te e vai a controllare la struttura. È stata una disavventura, ma ne è uscito bene. Dobbiamo tenere a mente che dobbiamo restare uniti. I salvataggi sono effettuati da amici. Questa solidarietà è preponderante, fa parte della corsa. Trovare diverse barche fuori mano e dare dei bonus è ovviamente l'approccio giusto. Spero che per lui sia solo un brutto ricordo. È solido e sono convinto che lo rivedremo nel Vendée Globe.

 

I suoi prossimi giorni

 

Ho già mangiato la mia bistecca, non ho intenzione di esagerare... Ma non mi dispiacerebbe averne un’altra! Il programma? Condividere con la squadra, ritrovare la mia famiglia, il mio cane, stare tranquillo a casa. La stagione ricomincerà rapidamente e tutto è pronto per essere controllato in cantiere. Ripartiremo tranquillamente. Non dobbiamo trascurare questa fase di recupero, perché una gara come questa è un fallimento. Ma una volta che sono di nuovo in piedi, voglio solo tornare sulla linea di partenza".

 

@font-face {font-family:"MS 明朝"; panose-1:0 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:1 134676480 16 0 131072 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Cambria; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-536870145 1073743103 0 0 415 0;}p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}.MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}div.WordSection1 {page:WordSection1;}


06/02/2021 15:06:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Italia e Israele dominano agli iQFOiL Junior & Youth World Championships

La seconda giornata degli iQFOiL Junior & Youth World Championships, organizzati da Univela Sailing e Canottieri Garda Salò, è iniziata a Campione del Garda con vento oscillante

Pedote: Fastnet e Jacques Vabre in coppia con Martin Le Pape

Il navigatore francese Martin Le Pape sarà il co-skipper delle regate in doppio in programma per la stagione 2021

Gaeta: vento capriccioso all'Europeo Juniores 420/470

Una quarta giornata a “metà” quella del campionato europeo Juniores di vela, classi 420 e 470, che si sta disputando nelle acque di Formia e del Golfo di Gaeta

Ultima prova per Alberto Riva e EdiliziAcrobatica prima della Mini Transat

Domani 28 luglio Alberto Riva è sulla linea di partenza della Mini Gascogna-Puru Challenge, una regata in 2 tappe per un totale di 580 miglia, da Port Bourgenay a Getxo, e ritorno

Tokio 2020: per Camboni un oro buttato al vento

Mattia Camboni: partenza anticipata nella finale, sfuma una medaglia che aveva in pugno, è solo 5°

Tokio 2020: 3° giorno di regate a Enoshima, Silvia Zennaro ottava

Domani giornata ricca con tanti velisti azzurri impegnati: tornano in acqua Mattia Camboni e Marta Maggetti; prime 3 regate in programma per Ruggero Tita e Caterina Banti; prime 2 per Elena Berta e Bianca Caruso; Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò

Tokio 2020: Camboni e Maggetti sempre "sul pezzo"

Windsurf: Mattia Camboni (8-13-4), è 2° in generale a 3 prove dalla Medal Race; Marta Maggetti (5-6-3), sempre al 4° posto dopo 9 prove- 470: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (9-9) sono al 9° posto

Garda: partito l'Europeo Laser Master a Gargnano

Prima serie di regate per l'Europeo Laser Master, evento internazionale organizzato dal Circolo Vela Gargnano, sotto l'egida della Federazione Italiana Vela e della classe Ilca Europa

Europei 420/470 juniores: Gradoni/Dubbini coppia esplosiva

Nella classe 470 Mixed confermata la leadership di Marco Gradoni ed Alessandra Dubbini (sin qui quattro successi su sei prove valide)

Garda: prima giornata dell'iQFOiL Junior & Youth World Championships

A Campione del Garda prima giornata degli iQFOiL Junior & Youth World Championships, evento organizzato da Univela Sailing e Canottieri Garda Salò

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci