giovedí, 25 febbraio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

circoli velici    este 24    scuola vela    maxi-tri    america's cup    garda    dolphin    luna rossa    maxi    vela olimpica    the ocean race    team    press    fiv   

VENDÉE GLOBE

Vendée Globe: The Winner Is Yannick Bestaven!

vend 233 globe the winner is yannick bestaven
redazione

Questo giovedì 28 gennaio alle 4:19:46 (ora italiana), Yannick Bestaven ha tagliato il traguardo a Les Sables d'Olonne dopo 80 giorni, 3 ore, 44 minuti e 46 secondi in mare per il suo giro del mondo in solitaria e senza assistenza, tempo ufficiale calcolato dopo il suo bonus di 10h15’ assegnato dalla giuria internazionale del Vendée Globe per il suo coinvolgimento nel salvataggio di Kevin Escoffier. Lo skipper di Maître CoQ IV è stato uno dei due uomini al timone della flotta per il tempo più lungo: 26 giorni, ovvero il 32% del tempo di questa fantastica circumnavigazione del pianeta. Una performance magnifica per questo outsider di grande talento che tornava al Vendée Globe 12 anni dopo il suo primo tentativo!

 

Pioggia, 2 metri di marea e 20 nodi di vento da ovest. E' in queste condizioni piuttosto dure che Yannick Bestaven ha tagliato il traguardo nelle prime ore del mattino prima di essere applaudito rumorosamente e calorosamente nel canale di Les Sables d'Olonne. Yannick era atteso con ansia. Perché il risultato di questo Vendée Globe dipendeva dal suo tempo di gara!

 

La mia qualità principale? "Testardaggine". Il mio difetto principale" "Testardaggine, ma ho anche una grande resilienza", aveva ammesso Yannick Bestaven due mesi e mezzo fa prima di lasciare il pontile a Les Sables d'Olonne. Queste due virtù - una squadra molto solida al suo fianco e, per la prima volta, un ricorso alla preparazione mentale - lo hanno portato al firmamento del Vendée Globe. Dimenticato il passato, quando nel 2008 ha abbandonato la gara dopo aver disalberato nel Golfo di Biscaglia poche ore dopo la partenza.

 

Ingegnere di formazione - è l'inventore dei generatori di idrogeno che equipaggiano le barche IMOCA in questo Vendée Globe - vincitore della Mini Transat 2001 su una barca costruita con le sue stesse mani, doppio vincitore della Transat Jacques Vabre in Class40, Yannick sognava una top 5. Dopo Charlie Dalin, è stato quello che ha passato più tempo alla testa di questo 9° Vendée Globe, a bordo di una barca del 2016 dotata di piccoli foil e il più affidabile possibile.

 

La gara di Yannick

 

L'inizio della gara è segnato da una "opzione di conservazione" per sfuggire al primo grande fronte di questo giro del mondo. Durante la sua discesa dell'Atlantico del Nord, ha navigato nei primi 10/12, all'interno del gruppo compatto che inseguiva il leader del momento, HUGO BOSS. Le sue mosse decisive le mette in atto nell'Atlantico del Sud, grazie alla sua tattica per aggirare l’anticiclone di Sant'Elena. Due strambate perfettamente piazzate ed eccolo nel quintetto di testa, dietro Dalin, Ruyant, Escoffier e Le Cam.

 

Il 30 novembre, nel sud-ovest del Sudafrica, la sua corsa prende una piega diversa. Alla fine del pomeriggio, viene chiamato dai direttori di gara del Vendée Globe per andare in soccorso di Kevin Escoffier, per affiancarsi a Jean Le Cam, che era già in zona. Posizionato più a sud, Yannick virò subito e passò buona parte della notte a esplorare la zona, fino a quando Le Cam recuperò Escoffier a bordo. Quando riprende la sua corsa, Maître CoQ IV è a più di 400 miglia dal leader Apivia. E gli ci vorrà del tempo per recuperare. I mari del sud, Yannick non li conosce. Ricordiamo i post di un marinaio barbuto, con i suoi capelli arruffati, che descrive le insopportabili condizioni del mare che lo costringono a vivere a quattro zampe come un cinghiale. Eppure è in questo universo ostile che troverà il suo tempo. La sua barca (VPLP- Verdier design) è semplice, affidabile e ben preparata, ha finito tutte le gare a cui ha partecipato nelle ultime due stagioni. Così Yannick può sperare.  La sua capacità di navigare a velocità medie elevate gli permette di rientrare poco a poco nel gioco. A nord delle isole Kerguelen, è 3°, come al passaggio di Cape Leeuwin. Davanti a lui, Ruyant e Dalin, handicappati dai loro foil di sinistra, vengono raggiunti e poi superati.

Il 16 dicembre, nella Tasmania sud-occidentale, Bestaven prende il comando. Il 28 ha festeggiato il suo 48° compleanno a sud di Point Nemo e poi ha doppiato Capo Horn in testa - una posizione di leader che gli sarebbe stata fatale nella risalita dell'Atlantico del Sud. E’ il primo ad essere rallentato nella serie di bolle anticicloniche che si estendono al largo dell'Argentina e subisce impotente il ritorno del gruppo inseguitore. Più tardi abbiamo saputo che aveva subito danni poco dopo aver doppiato Capo Horn: ponte di prua strappato, nessun avvolgitore, alcune vele di prua inutilizzabili. Viene superato il 12 gennaio al largo del Brasile ma, come un cinghiale, Yannick tiene duro. Con 10 ore e 15 minuti scalati dal suo tempo dalla giuria internazionale del Vendée Globe, non voleva lasciarsi sfuggire la sua occasione. Ha fatto un ultimo tentativo a 1300 miglia dal traguardo passando a nord dell'arcipelago delle Azzorre per ottenere un po' di vento più forte. Ed è stata una mossa vincente. Mentre affrontava le ultime miglia verso il traguardo stava gradualmente recuperando sul leader Charlie Dalin. Abbastanza per prendere il comando nella classifica finale.

 

STATISTICHE DI YANNICK BESTAVEN / MAITRE COQ IV

 

Percorso le 24.365 miglia della rotta teorica a una velocità media di 12,6 nodi.

 

Distanza effettiva percorsa sull'acqua: 28.583,80 alla velocità media effettiva di 14,78 nodi.

 

I grandi passaggi

 

Equatore (andata) - 9° posizione il 19/11/2020 08h21 UTC in 10d 19h 01min, 19h 02min dietro il leader HUGO BOSS                  

 

Capo di Buona Speranza - 8a posizione il 02/12/2020 08h44 UTC in 23d 19h 24min, 1d 09h 33min dietro il leader Apivia

 

Capo Leeuwin - 3a posizione, il 13/12/2020 14h46 UTC in 35d 01h 26min, 03h 20min dietro il leader Apivia

 

Capo Horn - 1° il 02/01/2021 13h42 UTC in 55d 00h 22min         

 

Equatore (ritorno)  - 5° posizione il 17/01/2021 02h36 UTC in 69d 13h 16min, 07h 24min dietro il leader Bureau Vallée

 

Numero di volte al comando (riferimento rilevazioni Vendée Globe) 157

 

La sua migliore distanza percorsa sulle 24 ore - 31 dicembre alle 14h30 UTC, 482,32 miglia ad una velocità media di 20,1 nodi.

 

La sua barca - Master CoQ IV (foil piccoli), piano VPVL -Verdier costruito al CDK (ex Safran 2 ex Des Voiles et Vous, preparato al Kairos). Varo: marzo 2015

@font-face {font-family:"MS 明朝"; mso-font-charset:78; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:1 134676480 16 0 131072 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1593833729 1073750107 16 0 415 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1593833729 1073750107 16 0 415 0;}@font-face {font-family:Cambria; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-536870145 1073743103 0 0 415 0;}p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}p {mso-style-priority:99; mso-margin-top-alt:auto; margin-right:0cm; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0cm; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast;}.MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}div.WordSection1 {page:WordSection1;}


28/01/2021 07:55:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: si regata sabato dopo una giornata vergognosa

l tentativo di ACE di forzare la mano e procrastinare le regate conclusive dell’America’s Cup è fallito, anche perché, a termini di regolamento, Luna Rossa avrebbe richiesto la vittoria a tavolino

America's Cup: Ineos tenta di non arrendersi anzitempo

Ineos Team nervoso, ma riesce a prendere il suo primo punto nella seconda prova dopo che nella prima aveva messo in cascina solo due penalità Luna Rossa conduce ora 5 a 1

America's Cup: New Zealand ci aspetta

Peter Burling:" Alcuni dei ragazzi di Luna Rossa erano nostri compagni di squadra l'ultima volta, quindi li conosciamo bene e loro conoscono noi"

Il mattino ha "l'Oro in Coppa"

Nell'alba italiana garrisce il tricolore ad Auckland dove Luna Rossa conquista il diritto a sfidare Team New Zealand per l'America's Cup vincendo la Prada Cup con un perentorio 7 a 1 su Ineos Team UK

Week-end decisivo per la Prada Cup

Dopo cinque giorni di pausa si torna in acqua questa notte alle 4:00 ora italiana per un week-end di regate che potrebbe essere decisivo

Tokio 2020: Federvela indica i primi tre equipaggi

Il Consiglio FIV conferma le scelte del DT e del Presidente. Ecco i primi tre equipaggi per la vela proposti al CONI:- 470 maschile: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò - ILCA 6: Silvia Zennaro - Nacra 17: Ruggero Tita e Caterina Banti

Garda: i Dolphin pronti ad una grande stagione

Si parte a metà marzo con “Winter & Bianchi”

Vitamina Sailing tra Club Swan 36 e catamarani M32

Il Vitamina Sailing team è pronto a tornare in azione per affrontare una stagione di regate ancora più ricca di appuntamenti in giro per l’Europa

Genova: finale di The Ocean Race Europe!

Come succederà per il giro del mondo 2022-23, Genova sarà finale della prima edizione di The Ocean Race Europe il prossimo giugno

Luna Rossa premiata con la Prada Cup

Con la cerimonia conclusiva, avvenuta sul main stage dell’America’s Cup Village di Auckland, la PRADA Cup è stata consegnata all’equipaggio di Luna Rossa Prada Pirelli, divenuto Challenger del 36 esimo America’s Cup Match

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci