martedí, 19 settembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

mare    swan    nautica    melges 24    salone nautico    volvo ocean race    campionato invernale riva di traiano    52 super series    azzurra    j70    j24    porti    altura    j/70    rs x    regate   

OPEN BIC

Russell Coutts: il Lago di Garda è il posto migliore dove fare vela

russell coutts il lago di garda 232 il posto migliore dove fare vela
redazione

Quarto giorno di mondiale O’Pen Bic che si sta svolgendo al Circolo Vela Arco dal 31 luglio scorso e che si concluderà con la in una giornata di riposo nella quale erano sospese le prove per il mondiale per lasciare spazio alla team reace, una regata per team che ha coinvolto su base volontaria circa 40 piccoli velisti. La giornata è stata presa dalle nazioni partecipanti e dai loro agonisti per riposare, recuperare le energie e studiare le strategie per gli ultimi due giorni di gare.
L’occasione è stata utile per conoscersi vicendevolmente e in molti hanno fatto amicizia e conoscenza con uno dei più grandi velisti in circolazione Russell Coutts presente al Circolo Vela Arco per seguire il figlio Mathias Coutts (U13) velista e dotato delle stesse doti nautiche del padre. Al momento guida il mondiale O’Pen Bic U13 in prima posizione.
Ciao Russell e ciao Mathias ben venuti al Circolo Vela Arco. Russell cominciamo con te: Com’è seguire il proprio figlio e vederlo fin da subito distinguersi in questo mondiale O’Pen Bic?
Penso che questo mondiale sia fantastico mii piace la maggio parete delle squadre che ci sono e avere intorno tutti questi piccoli atleti ti aiuta a stare giovane. È bello vederlo eccellere, ma è anche bello vedere tutti questi ragazzini che hanno tanta passione per la vela
E tu Mathias come ti senti ad avere un padre allenatore che ha vinto le olimpiadi e l’America’s Cup?
È davvero un allenatore piuttosto bravo. Mi ha insegnato tutto quello che so sulla vela e ogni giorno imparo da lui cose nuove
Mathias, dopo queste prime giornate di prove come ti senti andrà il mondiale? Sei fiducioso?
Non sto dando troppo peso alla mia posizione. Questo per me è il primo campionato del mondo e mi sto divertendo molto. La cosa che mi piace di più è conoscere tutta questa gente nuova. Qui in questa competizione ci sono molti buoni velisti.
E tu Russell? Come pensi si stia comportando Mathias?
Mi ha sorpreso, questo è sicuro. Sta facendo molto bene, ma non è solo una questione di risultati è tutto un contorno: è divertirsi e imparare perché i ragazzini in questa età imparano molto e non possono che innamorarsi di questo sport.
Russell e Mathias: Com’è il lago di Garda sia dal punto di vista della vela che del territorio?
M. Questo è un posto affascinante e stupefacente per fare vela. Qui hai tutte le tipologie di giornate, sia calme che movimentate e quando hai finito di allenarti puoi andare in montagna a sciare. È proprio un bel lago. Me lo sto godendo in ogni aspetto.
R. Uno dei miei posti preferiti al mondo in cui venire. Tra i posti prediletti per chi vuole fare vela. La mattina esci con vento da Nord (Peler) poi rientri sul cambio d’aria, pranzi e riesci con l’Ora che ti sospinge per tutto il pomeriggio. Davvero spettacolare con strutture fantastiche. Sono impressionato dal numero di barche tra cui moltissimi Laser, 29er e molte altre tipologie di imbarcazioni. 

Russell a te una domanda più tecnica. Tu che sicuramente hai gareggiato su diversi tipi di scafi che cosa ne pensi di questo O’Pen Bic?
L’O’Pen Bic è una buona barca per fare esperienza. Ha una velatura e un setting standard che facilita l’apprendimento dei ragazzini. Imparano veramente come regolare l’imbarcazione a vela e quello che imparano sull’O’Pen Bic se lo porteranno su tutte le altre imbarcazioni. È una buona imbarcazione per giovani velisti.
C’è la possibilità che possa crescere e raggiungere i numeri dell’Optimist?
Sì, penso che la gente si stia rendendo conto che questa barca sia utile, soprattutto per i ragazzini troppo cresciuti per l’Optimist che vi possono trovare una naturale prosecuzione se prediligono una navigazione in solitaria. L’O’Pen Bic potrebbe aiutare a portare al suo fianco un’imbarcazione tipo idonea a una navigazione di coppia perché non tutti i ragazzini vogliono navigare in solitaria.
Mathias com’è la tua esperienza dal tuo punto di vista sull’O’Pen Bic?
È una buona barca per imparare e come dice papà la puoi scuffiare senza poi doverla svuotare
In futuro quale tipo di barca vorresti scegliere?
Vorrei passare al Moth, una grande barca che ho potuto vedere recentemente.
Ti piacerebbe arrivare a gareggiare all’America’s Cup?
Certo, vorrei assolutamente. È un'esperienza che vorrei vivere, proprio come lui.



FOTO CREDIT:

Jacopo Salvi


04/08/2017 18:51:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Stazza J70, querelle infinita: lettera aperta di Carlo Alberini

"A pervadermi è ancora un sentimento di profondo rammarico, che è aumentato a dismisura questa mattina, quando ho visto la flotta lasciare gli ormeggi per andare incontro al primo giorno di regate"

Davide Sampiero vince il titolo Nazionale Meteor Match Race 2017

A Castiglione del Lago sono scesi in acqua. per contendersi il titolo, ben sei tra i primi dieci classificati dell’ultimo Campionato Nazionale Meteor compreso Lorenzo Carloia neo campione Italiano assoluto e campione match race uscente

Mondiale J70: scintille tra Vincenzo Onorato e lo YCCS

Vincenzo Onorato abbandona il Mondiale J70 in polemica con lo Yacht Club Costa Smeralda

SAAR Depositi Portuali compie 85 anni

Il più grande polo logistico di olii alimentari nel Mediterraneo festeggia la sua storia e guarda al futuro con nuovi progetti

L' 11° Childrenwidcup dell’Abe

La regata dei sorrisi con i piccoli dell'ospedale dei reparti di onco-ematologia pediatrica del Civili di Brescia

YCCS: lettera aperta in risposta alle dichiarazioni di Mascalzone Latino

Il mio compito da quando il Commodoro Gianfranco Alberini mi ha chiamato a organizzare le regate dello Yacht Club Costa Smeralda 17 anni fa è sempre stato lo stesso, garantire a tutti i partecipanti lo stesso trattamento imparziale

Ferretti Yachts 780 protagonista a Cannes

Il nuovo flybridge, erede naturale del 75 piedi e anello di congiunzione tra la flotta sotto i 70 piedi e i modelli di maggior piedaggio, al debutto mondiale al Cannes Yachting Festival 2017

Allo Yacht Club Porto Rotondo la Fideuram Cup

Dal 15 al 17 settembre, la sfida tra i manager dell’istituto bancario

Ferretti Group Cantiere dell'Anno 2017 ai World Yachts Trophies

Insieme al riconoscimento come miglior Cantiere, ecco i trionfi per le premiere appena lanciate sul mercato: Ferretti Yachts 780, Riva 56’ Rivale, CRN 74 m Cloud 9 e Custom Line Navetta 33

Ferretti Yachts 920: un big a Cannes

Frutto della collaborazione fra Comitato Strategico di Prodotto e Dipartimento Engineering Ferretti Group insieme a Studio Zuccon International Project, il nuovo gigante Ferretti Yachts - LOA 28,49 metri - ha una lunghezza scafo di 23,98 metri

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci