venerdí, 4 dicembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    giancarlo pedote    cantieristica    aziende    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri   

SB20

Mondiale SB20: battaglia tra Ucraina e Sud Africa

mondiale sb20 battaglia tra ucraina sud africa
redazione

Il meteo instabile della notte, c'è stato un temporale intorno alle 7 questa mattina, ha cambiato le carte in tavola per il terzo giorno di regate dell'SB20 WORLD CHAMPIONSHIP 2015 al Circolo Vela Torbole. Invece che partire come da programma e consuetudine alle 13, il Comitato di Regata ha issato l'intelligenza a terra e dato la prima partenza della fase finale con la flotta divisa in Gold e Silver alle 14,30  con Ora da terra ancora incerta, ma in fase di consolidamento.



La prima prova di oggi è stata quella disputata con vento più leggero, sui 10 nodi, ma onda già molto formata. Un Richiamo Generale causato da un momentaneo e leggero salto di vento. Le due flotte hanno dimostrato grande agonismo già dai primi bordi con il giro della prima bolina molto concitato. Le flotte rimaste compatte durante lo svolgimento della prova, soprattutto la Gold. Hanno conquistato il bullet Michael Cooper dalla Tasmania (AUS) e FRA 3339 nella Silver.

Nella seconda prova delle finali il vento da sud è aumentato fino a sfiorare i 20 nodi, qualche OCS per la forte competizione e Gold fleet con giri di boa molto ravvicinati fino all'ultimo. L'onda di oggi non era da lago, ma decisamente più formata. In questa prova, alla prima boa di bolina, si sono visti gli effetti dell'eccellente cena di gala di ieri sera, da una barca russa è infatti caduto in acqua un velista, prontamente recuperato dai suoi soci. Si aggiudica il primo posto della Gold uno dei favoriti del Campionato, il giovane francese Robin Follin, costretto a scartare il 27esimo piazzamento della prova successiva, nella Silver vince l'equipaggio romagnolo timonato da Fabrizio Boromei con Matteo Migani e Roberto Montanari alle manovre da tutta la stagione.

L'ultima prova è partita alle 17,30 con il vento più intenso di tutta la giornata, 21 nodi con punte di 22 e molta onda. Anche qui si sono registrati deli OCS, ma la regata si è svolta con grande regolarità e barche ravvicinate a dimostrazione dell'equilibrio della flotta internazionale SB20. Primo nella Gold fleet è Luka Rodion, che punta alla conquista del trofeo di vetro, e nella Silver ancora un equipaggio italiano, Asante Sana di Claudio Dutto con il tattico Andrea Trani, in prestito dal 470.

Migliore italiano in classifica è sempre Gian Matteo Paulin a bordo di PROtect tapes "Non è stata la nostra giornata migliore, siamo partiti in ritardo dalla banchina a causa della rottura della stecca del back stay. Siamo partiti con il piede sbagliato e abbiamo infilato una serie di risultati che ci mantengono in corsa, ma non ci soddisfano. Possiamo dare di più. Oggi nella Gold Fleet eravamo tutti molto vicini, e una scelta sbagliata costava molte posizioni."  
 
Ieri sera c'è stato il principale evento sociale dell'SB20 World Championship 2015, una meravigliosa cena di gala, fortemente voluta dal presidente Gianfranco Tonelli, che ha trasformato il piazzale del Circolo Vela Torbole in un'elegante location con musica dal vivo e conseguenti balli fino a tarda notte.
La partenza di domani è prevista come sempre alle 13.00.


08/07/2015 20:30:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: falla a bordo per Escoffier, Jean Le Cam tenta di raggiungerlo

Kevin Escoffier, che si trovava al terzo posto nel Vendée Globe posizionato a circa 550 miglia nautiche a sud di Città del Capo, ha attivato il suo segnale di soccorso

FLASH - Jean Le Cam ha avvistato Escoffier e procede al recupero

La Direzione di corsa del Vendée Globe ha dirottato sul punto del Distress di Kevin Escoffier anche Boris Herrmann, Yannick Bestaven e Sébastien Simon

Vendée Globe: Pedote supera Sam Davies ed è 10°

Pedote:"Voglio solo continuare a cercare di fare le cose bene, preservare i materiali, cosa molto importante perché la barca è la mia sicurezza e la mia sorgente di velocità"

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Vendée Globe: problemi (risolti) per Giancarlo Pedote

La cima “furling line” che tiene il Code 0 ancorato alla barca si è rotta, la vela ha iniziato a sbattere ed era impossibile chiuderla

Vendée Globe: per Pedote nel mirino c'è Buona Speranza

Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, Giancarlo Pedote vede la longitudine di Buona Speranza incombere all'orizzonte

Vendée Globe: Yes HE Cam! Solo Jean poteva salvare Kevin

Non poteva cadere in mani migliori. Lo ha detto lo stesso Jean: « Il est tombé dans la bonne maison ! ». Yes we Cam…. ma solo lui poteva! Disegno della bravissima Manu Guiavarch per Jean Le Cam

Ecco la prima Italia Yachts 14.98 Bellissima

E' una vera easy sailing con molti accorgimenti utili per la navigazione da soli o in equipaggio ridotto: tra queste le 8 manovre rinviate in pozzetto permettono di regolare al meglio le vele e navigare sempre in tranquillità

Vendée Globe, Charlie Dalin:"Cerco il pedale del freno"

Ancora non confermato il passaggio di Kevin Escoffier su una fregata della marina francese, la Nivose, che potrebbe incontrare Yes We Cam vicino alla Crozet o alla Kerguelens

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci