venerdí, 4 dicembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    giancarlo pedote    cantieristica    aziende    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri   

SB20

Torbole: parte domani il mondiale SB20

torbole parte domani il mondiale sb20
redazione

La classe monotipo ha chiuso da poco un Campionato Italiano (19-21 giugno) molto competitivo che, con oltre 50 scafi al via, ha rappresentato un valido evento pre-Mondiale. Il titolo è andato a Negri Nautica con Niccolò Bianchi, Pietro Negri e Cristian Ferro, in un weekend di forma splendida. Il Circolo Vela Torbole è una garanzia per meteo e organizzazione, ma anche la bellezza dei monti che si specchiano nel lago di Garda e le tante attività possibili nel pre e post regata, rendono Torbole uno degli spot preferiti dai velisti di tutto il mondo.
 
L’SB20 World Championship 2015 avrà una flotta molto competitiva proveniente da tutto il mondo. La Gran Bretagna ha domitato i primi 5 anni di Campionati del Mondo, ma sarebbe una sorpresa se questa volta a vincere fossero gli inglesi. John Pollard e Joe Llewellyn hanno forti credenziali, Rob Gullan ha dimostrato a tratti grandi potenzialità e Jerry Hill (proprietario di Sportsboatworld, il cantiere che produce gli SB20), è stato il migliore equipaggio britannico dell’Italian Open Championship di due settimane fa – oltre ad aver vinto il titolo mondiale nel 2010 proprio a Torbole.
 
L’area di maggiore crescita negli ultimi tre anni è stata la Russia. Da qui arrivano tre team forti, tra i quali Vadim Pushev, l’armatore di RC44 Vladimir Proshikin e il vice campione italiano Alexey Murashkin. Ci aspettiamo da tutti e tre grande battaglia al Mondiale.
 
Dalla Francia, il Presidente della Classe Internazionale, Ed Russo è molto costante nei suoi ottimi risultati, ed era molto vicino a vincere l’ultimo Mondiale a San Pietroburgo l’anno scorso. E’ francese anche il giovane team capitanato da Robin Follin, che ha fatto passi da gigante e potrebbe dire la sua nella flotta. E’ dall’Europa che arriva la maggior parte degli equipaggi, numerosi dal Portogallo, ma anche da Belgio, Svizzera, Germania, Irlanda e Olanda.
 
L’Olimpionico Ian Ainslie è lo skipper del team Italo-Sudafricano-Australiano, ha finito secondo al Mondiale 2010 di Torbole e si è dimostrato in ottima forma nelle regate di quest’anno a bordo di Protect Tapes con il presidente della Classe Italiana Gian Matteo Paulin. Dal Sudafrica arriva anche l’equipaggio “Race Ahead”, che ha all’attivo molti podi nei Mondiali di classe; negli ultimi anni sono stati più concentrati sul 470, ma siamo certi che non abbiamo dimenticato come si plana con l’SB20. Un discreto numero di barche arriva dall’Australia. Glenn Bourke, più volte Campione del Mondo in Laser, ha una barca nuova. Il probabile favorito resta però Luka Rodion dall’Ucraina. Rodion ha una medaglia d’argento olimpica in 49er, e nel suo equipaggio c’è anche un ex campione del mondo in 470 Igor Matviyenko. Rodion naviga con l’SB20 da cinque anni e ha vinto ogni titolo in palio tranne il mondiale. Ce la metterà tutta quindi per aggiudicarselo in questa occasione.
 
Sono in programma 14 prove con 2 scarti, la costanza di buoni risultati sarà la chiave per poter scrivere il proprio nome sul trofeo di vetro che di anno in anno va all’equipaggio Campione. Con oltre 100 barche iscritte, ci saranno due flotte, Gold e Silver, la seconda sponsorizzata dal cantiere costruttore ed esportatore di SB20, Sportsboat World. L’evento vedrà anche i vincitori di diverse categorie premiati con cadeaux offerti dagli sponsor, Hyde Sails – al primo equipaggio Master e Clarins per le prime donne classificate. Un'altra compagnia che crede nella classe è Protect Tapes che per l’occasione ha creato un kit ad hoc per l’SB20.


03/07/2015 16:05:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: falla a bordo per Escoffier, Jean Le Cam tenta di raggiungerlo

Kevin Escoffier, che si trovava al terzo posto nel Vendée Globe posizionato a circa 550 miglia nautiche a sud di Città del Capo, ha attivato il suo segnale di soccorso

FLASH - Jean Le Cam ha avvistato Escoffier e procede al recupero

La Direzione di corsa del Vendée Globe ha dirottato sul punto del Distress di Kevin Escoffier anche Boris Herrmann, Yannick Bestaven e Sébastien Simon

Vendée Globe: Pedote supera Sam Davies ed è 10°

Pedote:"Voglio solo continuare a cercare di fare le cose bene, preservare i materiali, cosa molto importante perché la barca è la mia sicurezza e la mia sorgente di velocità"

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Vendée Globe: problemi (risolti) per Giancarlo Pedote

La cima “furling line” che tiene il Code 0 ancorato alla barca si è rotta, la vela ha iniziato a sbattere ed era impossibile chiuderla

Vendée Globe: per Pedote nel mirino c'è Buona Speranza

Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, Giancarlo Pedote vede la longitudine di Buona Speranza incombere all'orizzonte

Vendée Globe: Yes HE Cam! Solo Jean poteva salvare Kevin

Non poteva cadere in mani migliori. Lo ha detto lo stesso Jean: « Il est tombé dans la bonne maison ! ». Yes we Cam…. ma solo lui poteva! Disegno della bravissima Manu Guiavarch per Jean Le Cam

Ecco la prima Italia Yachts 14.98 Bellissima

E' una vera easy sailing con molti accorgimenti utili per la navigazione da soli o in equipaggio ridotto: tra queste le 8 manovre rinviate in pozzetto permettono di regolare al meglio le vele e navigare sempre in tranquillità

Vendée Globe, Charlie Dalin:"Cerco il pedale del freno"

Ancora non confermato il passaggio di Kevin Escoffier su una fregata della marina francese, la Nivose, che potrebbe incontrare Yes We Cam vicino alla Crozet o alla Kerguelens

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci