domenica, 22 settembre 2019

REGATE

La Vesuvio Race va a Sexi Too

la vesuvio race va sexi too
redazione

Terminata la seconda Edizione della Vesuvio Race, la regata d'altura promossa dal Circolo Nautico Torre Annunziata e dalla Lega Navale Italiana sezione di Castellamare di Stabia. Un percorso di 70 miglia nautiche che abbraccia le Isole di Procida, Ischia e Capri, con partenza nello specchio d’acqua antistante Torre Annunziata e arrivo nelle acque antistanti l’incantevole porto di Marina di Stabia.

 

Alle ore 21:12:12 del 30 Marzo, taglia il traguardo primo in tempo reale Macchia Mediterranea, il TP 52 dell’armatore Giampiero Russo con i colori del Reale Yacht Canottieri Savoia, aggiudicandosi il Trofeo Placido Barbero.

 

Primo classificato in compensato, raggruppamento ORC 0-1-2 e vincitore della classifica Orc Overall:

Sexy Too (Club Nautico della vela di Napoli), dell’armatore Carlo Varelli. L’equipaggio storico del Sexy Sailing Team conquista il podio con il Mylius 14E55 alla sua prima di stagione.

In classe 3 è l’Italia Yachts 998 fuoriserie Unpòpergioco di Fabio Iadecola del C.n. Caposele di Formia, anche loro all’esordio con barca ed equipaggio.

 

Nella classe 4-5 vince Sexy di Angela Groger, portacolori del Club Nautico della Vela di Napoli, mentre   

Loli Fastfa, Sun Fast 3600 di Davide Paioletti della sezione velica Anzio, ha la meglio nella Classe Orc X2, composta dalle barche con equipaggio ridotto.

 

Balthazar, di Fabrizio Sarracino (Lni Napoli), si riconferma vincitore della Vesuvio Race Light per il secondo anno consecutivo.

 

Tra i piccoli minialtura è l’Este 24 Chest’è di Massimo Iannaccone (Circolo Nautico Torre del Greco) ad imporsi sul nuovo percorso della Vesuvio Race Coastal di 17 miglia nautiche.

 

41 imbarcazioni hanno incrociato le loro prue lungo la linea di partenza, con brezza di 10 nodi circa e raffiche a 15, in direzione ovest. Condizioni più che favorevoli con vento sostenuto, costante e con progressivi aumenti d’intensità, calato poi drasticamente al tramonto con un cambio di direzione e successiva stabilizzazione a 6 nodi circa.

 

La Vesuvio Race è una regata di interesse zonale che alla sua seconda edizione è già diventata un appuntamento di rilievo del calendario velico campano, afferma Francesco Lo Schiavo presidente della Fiv V zona.  Con oltre 40 equipaggi iscritti, continua Lo Schiavo, ed un percorso affascinante, la Vesuvio Race  ci proietta al meglio nell'alta stagione delle regate pensando già alla III edizione. Un grazie alla LNI di Castellammare ed al CN Torre Annunziata che hanno fatto squadra promuovendo il territorio ed attraendo anche equipaggi da altre Zone.

 

Felicio De Luca, presidente del Circolo Nautico Torre Annunziata: «C’è grande soddisfazione nell’aver realizzato questa seconda edizione, ma siamo già proiettati come circolo a gettare la basi per l’edizione 2020. Una soddisfazione incredibile vedere così tante barche sfilare lungo il litorale della città di Torre Annunziata».

 

Patrizia Chierchia, presidente Lega Navale sez.Castellamare di Stabia: « Si è conclusa la II edizione della Vesuvio race, una regata che unisce due circoli e due città nel promuovere la Vela e il territorio. Un grazie ai regatanti che ci hanno dato fiducia, agli sponsor e a tutti quelli che hanno lavorato dietro le quinte per realizzare il sogno di portare la grande vela nei nostri territori».

 

 

70 miglia di ingaggi nel Golfo di Napoli: un campo di regata di grande attrazione e interesse dal punto di vista sportivo per le sue caratteristiche e i suoi passaggi sotto costa, e incantevole dal punto di vista paesaggistico.

Al percorso principale si aggiungono un percorso ridotto (45 miglia nautiche), la “Vesuvio Race Light” e la novità di quest’anno, la “Vesuvio Race Coastal”: una versione “costiera” con boa a Sorrento, riservata alla classe Minialtura.

 

Un ambizioso progetto che ha contato quest’anno per la sua realizzazione gli sponsor: Marina di Stabia; Pastificio «Di Martino»; Banca Stabiese; Fervit; Gran Caffè Napoli, «Hotel Elisabetta» di Giovanna Del Gaudio, Studio tecnico ing. Antonio Parlato, Azienda vinicola Abbazia di Crapolla.

Patrocinato da: Comune di Castellammare di Stabia; Comune di Torre Annunziata; Comune di Napoli; Città di Capri; Comune di Sorrento; Comune di Forio d’Ischia. Enti Istituzionali ed associazioni come la Fiv V Zona; il Distretto Turistico Atargatis; Meteo Uniparthenope; One Ocean Foundation; Associazione Oceano Mare e I Timonieri Sbandati asd.

Le classifiche:

 

Vesuvio Race “ Trofeo Placido Barbero “ : Macchia Mediterranea, Ryccs, di Giampiero Russo.

 

Vesuvio Race Trofeo Overall: Sexy Too, Cnv, di Carlo Varelli.

 

Vesuvio Race Orc 0-1-2:

 

Primo classificato: Sexy Too, Cnv, di Carlo Varelli.

 

Secondo classificato: Nientemale, Lni Pozzuoli, di Osci Giuseppe- Calcagni Riccardo.

 

Terzo classificato: Testacuore, Yacht Club Capri, di Riccardo Ciciriello.

 

Vesuvio Race Orc 3:

 

Primo classificato: Unpòpergioco, Cn Caposele, di Iadecola Fabio.

 

Secondo classificato: Loli Fast, Sezione Velica Anzio, di Davide Paioletti.

 

Terzo classificato: Duffy, Lni Pozzuoli, di Enrico Calvi.

 

Vesuvio Race Orc 4-5:

 

Primo classificato: Sexy, Cnv, di Angela Groger.

 

Secondo classificato: Patricia unounocinque, Lni Na, di Domenico Buonomo.

 

Terzo classificato: X-Tension, Compagnia della Vela Salerno, di Roberto Guerrasio.

 

Vesuvio Race X2:

 

Primo classificato: Loli Fast, Sezione Velica Anzio, di Davide Paioletti.

 

Secondo classificato: Freedom, Lni Tg, di Aniello Orpello.

 

Terzo classificato: Deneb, SVMM, della Sezione Velica della Marina Militare.

 

- Vesuvio Race Light:

 

Primo classificato: Balthazar, Lni Napoli, di Sarracino Fabrizio.

 

Secondo classificato: Strolaga II, C.N.T.A., di Miniero Vincenzo.

 

Terzo classificato: Farouche, Lni Napoli, di Toscano Vincenzo.

 

-Vesuvio Race Coastal:

 

Primo classificato: Chest’è, C.N.T.G, di Iannaccone Massimo.

Secondo classificato: Baby B, LNI C.mmare di Stabia, di Piedipalumbo Catello.

Terzo Classificato: Storm, LNI C.mmare di Stabia, di De Rosa Mario.


03/04/2019 17:14:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Campionato Italiano Este24: vince Ricca D’Este 27 di Federica Archibugi

Con grande consistenza tattica, Ricca d’Este 27 di Federica archibugi si laurea Campione Italiano della Classe Este24, davanti a Ricca D’Este 37 di Marco Flemma, medaglia d’argento e a La Poderosa 2.0 di Roberto Ugolini, medaglia di bronzo.

Offshore: finisce in tragedia il record sulla Montecarlo/Venezia

L'imbarcazione si è schiantata su una diga prima dell'arrivo ed era condotta dal pluricampione Fabio Buzzi, deceduto insieme a due piloti inglesi che lo accompagnavano nel tentativo di record

Figaro: il Tour de Bretagne va a Alexis Loison e Frédéric Duthil

Per Giancarlo Pedote e Anthony Marchand un buon nono posto che consente alla coppia di affiatarsi in vista dei successivi impegni sull'Imoca 60

Concluso sul Garda il CICO 2019

Gli atleti delle dieci classi olimpiche riprenderanno adesso il loro cammino versoTokyo 2020, che passerà prima dalla conquista della qualifica per la nazione laddove manca, e del tanto ambito posto in squadra

Il Cantiere Postiglione riporta in mare lo storico yacht in legno “Grazia II”

È stato varato venerdì scorso, 6 settembre 2019, Grazia II, yacht a motore interamente in legno costruito nello storico cantiere Chris Craft negli anni Sessanta

Alinghi vince la GC32 Riva Cup sul filo di lana

Questa è stata la seconda vittoria della stagione per il team di Ernesto Bertarelli dopo la conquista del mondiale di Lagos in Portogallo a giugno

CNRT: 10 giorni alla Roma Giraglia

Parte da Civitavecchia una delle regate più belle del Mediterraneo, con 255 miglia da percorrere tra il fascino discreto delle isole toscane

CAMBUSA - BIWA: Sassicaia Tenuta San Guido miglior vino italiano 2019

Al secondo posto il Barolo Monvigliero DOCG di Burlotto seguito da Terminum Gewurztraminen vendemmia tardva. L’ELENCO DEI MIGLIORI 50 VINI ITALIANI SELEZIONATI DA UNA GIURIA INTERNAZIONALE (by First&Food)

Pedote e Marchand verso la Transat Jacques Vabre

I due sembrano essere una coppia che non scoppia e si sono concentrati soprattutto ad affinare la fiducia reciproca e la visione comune in regata

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci