sabato, 4 luglio 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

guardia costiera    regate    melges 20    trasporti    fincantieri    circoli velici    garda    cambusa    roma x due    barcolana    optimist    yacht club costa smeralda    press    confindustria nautica    scuola vela    69f    figaro   

GC32

GC32: la pioggia non ferma la corsa di Oman Air

gc32 la pioggia non ferma la corsa di oman air
redazione

Una giornata di pioggia incessante, una temperatura fredda e per nulla primaverile e un cielo plumbeo più consono al mare del nord in febbraio che al sud della Sardegna a fine maggio. Eppure, malgrado il vento instabile e ballerino, il comitato di regata guidato dal britannico Stuart Childerley ha sfidato ogni previsione ed è brillantemente riuscito a far portare a termine ai dieci team partecipanti tutte e cinque le prove in programma, con condizioni di vento diverse, che hanno anche modificato la classifica alla vigilia della giornata conclusiva della GC32 Villasimius Cup. 

Sono state due le star della giornata. Oman Air è rientrato alla Marina di Villasimius nel pomeriggio con un bottino di otto punti di vantaggio. Tuttavia, mentre il team omanita, guidato dallo skipper neozelandese Adam Minoprio è riuscito a portare a casa 10 punti, gli svizzeri di Alinghi ne hanno ottenuti 11, dando prova di una grande continuità pur vincendo una sola prova contro le tre di Oman Air. Grazie ai risultati di oggi il team elvetico è salito al secondo posto della generale, scavalcando sia i francesi di NORAUTO che gli inglesi di INEOS Rebels UK.

Per recuperare sulla tabella di marcia, il primo segnale preparatorio della giornata è stato anticipato di un’ora e mezza e la flotta ha raggiunto il campo di regata con un vento inusuale da nord, di 10/15 nodi di intensità, ma che combinato con la pioggia pareva più forte. Proprio in questa aria veniva data la prima, veloce, partenza al lasco della stagione che vedeva gli argentini di Código Rojo Racing e i francesi di NORAUTO in anticipo. A girare in testa la prima boa erano Oman Air e Alinghi, seguiti da Red Bull Sailing Team, che poi estendevano il vantaggio. Purtroppo però, Alinghi finiva in un buco di vento, sufficiente a  Oman Air per infilarsi all’ultima boa di bolina e di controllare agevolmente nella poppa fino alla linea.

Con un vento più leggero, il comitato era costretto a spostare l’intero campo di regata, passando anche a partenze di bolina. Dopo alcuni tentativi, in zone diverse della baia, alla fine optava per una zona centrale, mentre il vento era finalmente girato da est. Dopo quasi due ore di attesa, la brezza miracolosamente si rinforzava e rimaneva abbastanza intenso da consentire altre quattro regate. Ma non stabile di direzione, come ha spiegato lo skipper di Oman Air, Adam Minoprio. “C’erano dei salti di 60°. Tutte le regate sono state diverse l’una dall’altra, e non ci si poteva concedere nessuna disattenzione.”

Nella seconda regata, Oman Air è partito mure a sinistra, si è portato a destra e malgrado una lotta con i francesi di Zoulou guidati da Erik Maris, ha ottenuto una vittoria pulita. Nella terza prova di giornata è stato il turno degli inglesi di INEOS Rebels UK di partire in testa, salvo perdere poi la leadership ai danni di Alinghi, che ha fatto scelte tattiche diverse, e vincenti. Nella quarta regata Ben Ainslie si è preso la rivincita, vincendo agevolmente. “Oggi abbiamo avuto un po’ di alti e bassi. Abbiamo fatto un po’ di errori qua e là, ma è bello tornare a regatare, ed è il motivo per cui siamo qui. La differenza oggi? Navigare in aria pulita, potrà sembrare ovvio ma quando sei nel gruppo, sei più lento.” Ha spiegato il campione britannico.

Nell’ultima prova i migliori in partenza sono stati gli austriaci di Red Bull Sailing Team, guidati dai campioni olimpici di Tornado  Roman Hagara e Hans-Peter Steinacher, che poi però hanno scelto di stare a sinistra (cosa che oggi non ha mai pagato)  around the top e dunque Oman Air ancora una volta è riuscita a rientrare in testa e ad aggiudicarsi la regata. 

In serata la “famiglia” dei GC32 si è ritrovata per una tipica cena sarda, organizzata dal Marina di Villasimius e dalla Lega Navale, a base di malloreddus conditi con sugo e salsiccia e il rinomato Porceddu, e contraddistinta dalla tradizionale ospitalità dell’isola. 

Domani, il primo segnale è di nuovo in programma per le 11.30, con una previsione meteo molto simile a quella odierna.

 


25/05/2019 21:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Andrea Pozzi: "Il 69F? Una barca che va oltre le aspettative"

"La realtà ha superato le aspettative" questa la sintesi di Andrea Pozzi al termine dei primi tre giorni di allenamento spesi a bordo del 69F, il one design foiling sul quale ha deciso di impegnare Bombarda nel corso della stagione 2020

Vela Day 2020, Argentario Sailing Academy over the top!

Il Vela Day è sempre un appuntamento fondamentale per l’avvio della stagione dell’attività della scuola vela estiva. L’Argentario Sailing Academy risponde “presente” e porta a casa tre magnifici giorni di sport in mare

Al Circolo Velico Ravennate si riparte dai raduni federali Optimist e 29er

Carlo Mazzini, consigliere del Circolo Velico Ravennate:"Siamo molto contenti di ospitare questo doppio raduno e di poter contare sulle capacità di coach navigati"

Torna la Drheam Cup: partenza da Cherboug il 19 luglio

Sono oltre 80 le barche attese sui tre campi di regata tra Cherbourg-en-Cotentin e La Trinité-sur-Mer tra Ultim, Class 40, Figaro e barche da altura in doppio e in equipaggio. Tre i percorsi previsti, 1100, 700 e 400 miglia

Riva di Traiano: la grande altura riparte a fine settembre con una regata "doppia"

Partiranno insieme il 20 settembre 2020 la Garmin Marine Roma per 2 e la Roma-Giraglia

Figaro: Tom Laperche vince la Solo Maître Coq

Tom Laperche, 23enne skipper francese, è alla suo prima vittoria nel difficile circuito dei Figaro. 21° posto per l'italiano Alberto Bona

Confindustria Nautica: si è svolta a Genova l'assemblea generale dei soci

Ampliati gli organi direttivi e la base sociale. Prosegue la progettazione del 60° Salone Nautico a Genova dal 1° al 6 ottobre

La Maxi Yacht Rolex Cup e la Rolex Swan Cup sono confermate

Lo YC Costa Smeralda d'accordo con il cantiere Nautor's Swan, l'Associazione Internazionale dei Maxi e con l'approvazione del partner istituzionale Rolex, conferma lo svolgimento delle regate di settembre, la Maxi Yacht Rolex Cup e Rolex Swan Cup

90 anni di Galeotto, 70 anni di Centomiglia, le leggende del Garda continuano

Come anteprima sullo scenario lacustre, gare e test del Persico69F volante. Poi il 5-6 settembre la Regata a tutto Lago. Appuntamento dal 18 luglio tra Bogliaco e il porticciolo di Tignale

Il ritorno di Cantieri Navali Leopard

Al timone, una squadra di imprenditori italiani di grande esperienza. L’obiettivo è coniugare l’eredità di un marchio storico, già leader nel panorama nautico, con la visione e l‘entusiasmo della nuova proprietà

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci