martedí, 26 gennaio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cultura    press    the ocean race europe    vendée globe    giancarlo pedote    cambusa    vendee globe    laser    america's cup    trofeo jules verne    porti    trasporto marittimo    fiv    guardia costiera    ambiente   

GARDA

90 anni di Galeotto, 70 anni di Centomiglia, le leggende del Garda continuano

90 anni di galeotto 70 anni di centomiglia le leggende del garda continuano
redazione

Il prossimo 4 luglio saranno 90 anni. Tanto tempo è passato dalla "Regata dei Bragozzi" da trasporto del 1930, che vide (in quella seconda edizione) e per la prima volta in gara le vele "non da lavoro". Tra queste c'era il "Galeotto", di fatto la prima carena da regata del lago di Garda. Il ricordo di quell’evento è oggi rappresentato dall'imbarcazione che grazie ai fratelli gargnanesi Luciano e Lorenzo Magrograssi ancora veleggia sul Benàco. In questo strano anno i 90 anni del Galeotto si legano a doppio filo ai 70 anni della Centomiglia (che si correrà il 5-6 settembre come sempre sull'intero periplo lacustre). L'  anterprima di questi eventi si avrà dal 18 luglio in poi con le Regate, i Test, l'Academy degli scafi della serie Persico69F, le piccole barche alate che avranno a bordo appassionati, armatori e un gruppo di grandi professionisti della vela italiana.

GALEOTTO & BARCHE VOLANTI, ieri, oggi, domani

Il “Galeotto” vinse in quel lontano 1930, la seconda regata dei Bragozzi, la prima aperta alle barche non da lavoro, come venne classificato allora il “Cutter” gardesano-trentino. Il destino, ma qui è il caso di parlare di passione pura, ha voluto che questa barca classica sia finita dagli anni ’80 nei porti di partenza della Centomiglia, al Marina di Bogliaco.
La prima sfida velica, della storia lacustre, si corse – in verità – nell’estate del 1929 a Riva del Garda. Era la “Regata dei Bragozzi”, gli scafi a vela da trasporto.  In quella occasione vinse, nella categoria fino a 30 tonnellate, la «Genova», scafo armato dalla famiglia gargnanese dei Braghieri, che poi fu il primo battello «appoggio» alla Centomiglia del ’51. Successivamente la «Genova» venne ribattezzata «Marola», e armata dall’attore Fabio Testi. La gara dei Barconi si disputò nuovamente nel 1930. In quell’occasione esordì e vinse tra le vele “non da lavoro” proprio il “Galeotto”. In origine era il Cutter austriaco “Sirius”, poi recuperato dal fondo lago (gli austriaci non volevano che finisse in mani italiane). Tra la fine dell’ 800 e i primi anni del ‘900 a bordo di “Sirius” navigarono, tra gli altri, l’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo, il cui assassinio (Sarajevo 1914) fu la causa dello scoppio della prima guerra Mondiale. Alcune foto del 1910 mostrano l’Arciduca mentre sale a bordo a Riva del Garda. Il “Galeotto” fu, per anni, la prima ammiraglia di una piccola flotta della Canottieri S.S. Benacense, quella che poi divenne la Fraglia della Vela di Riva. In tempi più recenti vi salirono grandi skipper , tra loro l’ammiraglio rivano Luciano Dassatti, già comandante generale della Guardia Costiera Italiana, o l'ex presidente della Comunità del Garda Franco Todesco, grande appassionato degli sport del suo lago. Oggi il “Galeotto” è la barca Vip delle regate del Circolo Vela Gargnano grazie alla passione dei fratelli Luciano e Lorenzo Magrograssi di Villa di Gargnano, due velisti di grande valore, Campioni Italiani nel 1968 con l’olimpico Flying Dutchmann. Il Circolo Vela ha anche recuperato la copia del trofeo che nel 1930 venne assegnato ai vincitori della gara velica di Riva, un boccale in peltro donato all’epoca da Gabriele D’ Annunzio. Tutte le iniziative dei 70 anni della Centomiglia del Circolo Vela Gargnano hanno come partner i consorzi degli operatori turistici di Garda Lombardia, il progetto Eway (Car sharing auto e moto elettriche di Garda Uno), #Visit Brescia-Brescia Tourism, la Destination Management Organization che promuove il turismo di Brescia e della sua provincia, e che sta promuovendo e coordinando la ripartenza dei laghi di Garda, Iseo, Idro.

 ph. Renzo Domini


01/07/2020 16:19:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

L'Europeo Laser Masters 2021 entra nel calendario del Circolo Vela Gargnano

In gara ci saranno gli Over 35 di tutto il Vecchio continente con un bel gruppo di ex velisti olimpici, con ancora tanta voglia di gareggiare con questo singolo, nella versione Radial anche categoria Femminile

Vendée Globe: un vincitore c'è già ed è Jean le Cam

Jean Le Cam e Damien Seguin sono i primi tra i no-foil ed entrambi autori di una corsa eccezionele - Video dei piccoli fan di Jean le Cam

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Volando sull'acqua da Ventimiglia a Montecarlo

Varato Monaco One, il catamarano di Monaco Ports per lo shuttle service con Cala del Forte – Ventimiglia.

Vendée Globe: una poltrona per tre

Mancano solo cinque giorni, o meno di 2000 miglia, al termine della nona edizione del Vendée Globe e per i primi skipper il finale è ancora aperto

Come vincere il Vendée Globe nelle ultime 100 miglia

Secondo i calcoli al computer e le previsioni meteo, i primi skipper dovrebbero tagliare la linea mercoledì 27, in un arco temporale di poche ore. Allungata la linea di arrivo.... non si sa mai arrivassero insieme!

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci