mercoledí, 5 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

mini 6.50    press    persico 69f    laser    rs feva    porti    optimist    regate    les sable- les acores    crociere    ambiente    cambusa    millevele    m32    aziende    ferretti group    centomiglia    alinghi   

GARDA

90 anni di Galeotto, 70 anni di Centomiglia, le leggende del Garda continuano

90 anni di galeotto 70 anni di centomiglia le leggende del garda continuano
redazione

Il prossimo 4 luglio saranno 90 anni. Tanto tempo è passato dalla "Regata dei Bragozzi" da trasporto del 1930, che vide (in quella seconda edizione) e per la prima volta in gara le vele "non da lavoro". Tra queste c'era il "Galeotto", di fatto la prima carena da regata del lago di Garda. Il ricordo di quell’evento è oggi rappresentato dall'imbarcazione che grazie ai fratelli gargnanesi Luciano e Lorenzo Magrograssi ancora veleggia sul Benàco. In questo strano anno i 90 anni del Galeotto si legano a doppio filo ai 70 anni della Centomiglia (che si correrà il 5-6 settembre come sempre sull'intero periplo lacustre). L'  anterprima di questi eventi si avrà dal 18 luglio in poi con le Regate, i Test, l'Academy degli scafi della serie Persico69F, le piccole barche alate che avranno a bordo appassionati, armatori e un gruppo di grandi professionisti della vela italiana.

GALEOTTO & BARCHE VOLANTI, ieri, oggi, domani

Il “Galeotto” vinse in quel lontano 1930, la seconda regata dei Bragozzi, la prima aperta alle barche non da lavoro, come venne classificato allora il “Cutter” gardesano-trentino. Il destino, ma qui è il caso di parlare di passione pura, ha voluto che questa barca classica sia finita dagli anni ’80 nei porti di partenza della Centomiglia, al Marina di Bogliaco.
La prima sfida velica, della storia lacustre, si corse – in verità – nell’estate del 1929 a Riva del Garda. Era la “Regata dei Bragozzi”, gli scafi a vela da trasporto.  In quella occasione vinse, nella categoria fino a 30 tonnellate, la «Genova», scafo armato dalla famiglia gargnanese dei Braghieri, che poi fu il primo battello «appoggio» alla Centomiglia del ’51. Successivamente la «Genova» venne ribattezzata «Marola», e armata dall’attore Fabio Testi. La gara dei Barconi si disputò nuovamente nel 1930. In quell’occasione esordì e vinse tra le vele “non da lavoro” proprio il “Galeotto”. In origine era il Cutter austriaco “Sirius”, poi recuperato dal fondo lago (gli austriaci non volevano che finisse in mani italiane). Tra la fine dell’ 800 e i primi anni del ‘900 a bordo di “Sirius” navigarono, tra gli altri, l’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo, il cui assassinio (Sarajevo 1914) fu la causa dello scoppio della prima guerra Mondiale. Alcune foto del 1910 mostrano l’Arciduca mentre sale a bordo a Riva del Garda. Il “Galeotto” fu, per anni, la prima ammiraglia di una piccola flotta della Canottieri S.S. Benacense, quella che poi divenne la Fraglia della Vela di Riva. In tempi più recenti vi salirono grandi skipper , tra loro l’ammiraglio rivano Luciano Dassatti, già comandante generale della Guardia Costiera Italiana, o l'ex presidente della Comunità del Garda Franco Todesco, grande appassionato degli sport del suo lago. Oggi il “Galeotto” è la barca Vip delle regate del Circolo Vela Gargnano grazie alla passione dei fratelli Luciano e Lorenzo Magrograssi di Villa di Gargnano, due velisti di grande valore, Campioni Italiani nel 1968 con l’olimpico Flying Dutchmann. Il Circolo Vela ha anche recuperato la copia del trofeo che nel 1930 venne assegnato ai vincitori della gara velica di Riva, un boccale in peltro donato all’epoca da Gabriele D’ Annunzio. Tutte le iniziative dei 70 anni della Centomiglia del Circolo Vela Gargnano hanno come partner i consorzi degli operatori turistici di Garda Lombardia, il progetto Eway (Car sharing auto e moto elettriche di Garda Uno), #Visit Brescia-Brescia Tourism, la Destination Management Organization che promuove il turismo di Brescia e della sua provincia, e che sta promuovendo e coordinando la ripartenza dei laghi di Garda, Iseo, Idro.

 ph. Renzo Domini


01/07/2020 16:19:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50: quattro tricolori a Les Sables d'Olonne

Federico Cuciuc, Luca Del Zozzo, Giovanni Mengucci e Domenico Caparrotti saranno alla partenza di una Les Sables-Les Açores ridotta causa Covid, ma sempre molto, molto impegnativa

3FL: la veleria romana punta al mercato dell'Optimist

Le sue vele, utilizzate dal team vincitore del titolo italiano a squadre nel 2019, saranno al centro dell'attenzione a fine agosto in occasione dei Campionati italiani del singolo giovanile

Garda, Gargnano: è l'ora degli RS Feva

Da domani a lunedì si correrà il "5° Summer Meeting – Trofeo Centrale del latte di Brescia", regata che doveva disputarsi durante le vacanze di Pasqua

M32, Newport: vince Larry Phillips su Midtown

Il sole che ha fatto capolino nel fine settimana ha dato alla flotta di sette barche degli M32 il meglio che Newport ha da offrire. 5 regate con 14-17 nodi il sabato e 4 la domenica con 20 nodi di vento

RS Feva/RS 500: sul Garda vincono i ragazzi del Savio-Ravenna e del lago di Viverone

Tre giornate di sfide, qualche problema (superato) con le bizzarrie del tempo, alla fine sette prove corse con arie medio leggere, anche se non è mancata qualche raffica del mitico "Pelèr" gardesano

E’ nato il Campionato Offshore Alto Adriatico 2020

Tre circoli, quattro regate, un nuovo Campionato. In un periodo complicato la voglia di vela ha unito il Circolo Velico Riminese, il Circolo Nautico Santa Margherita e lo Yacht Club Adriaco per un programma dal sapore tutto Adriatico

Ferretti Group ha conseguito la Biosafety Trust Certification

La Biosafety Trust Certification è il primo schema di certificazione dei sistemi di gestione per prevenire la diffusione di infezioni sviluppato da RINA

Millevele per La Superba

Sabato 3 ottobre Genova diventa la città della vela con la Millevele

Crociere: riavvio sempre più difficile con i 3 casi isolati a Civitavecchia sulle navi Costa

Si tratta di tre filippini facenti parte degli equipaggi della Costa Deliziosa e della Costa Favolosa ormeggiate a Civitavecchia. Per due di loro si è reso necessario il ricovero allo Spallanzani

Ad Arco vittoria maltese nei 29er

Vittoria confermata del maltese Schultheis alla regata nazionale 29er; primi degli italiani, secondi assoluti, i baresi Corrado-Catalano

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci