lunedí, 15 luglio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

quebec saint malo    yacht club costa smeralda    regate    optimist    carthago dilecta est    pesca    ambiente    wwf    reale yacht club canottieri savoia    rs21    swan    melges 32    rs aero   

RECORD

Tom Goron, 12 anni, stabilisce il nuovo record di traversata della Manica in Optimist

tom goron 12 anni stabilisce il nuovo record di traversata della manica in optimist
Roberto Imbastaro

Tom Goron, a soli 12 anni, ha battuto ieri mercoledì 27 giugno il record di traversata della Manica con il tempo di 14 ore e 20 minuti. Il giovane skipper è partito alle 7 di mercoledì mattina dalle Needles al largo dell'isola di Wight (GB), accompagnato da suo padre a bordo di una barca di assistenza.  Due anni fa, a soli 10 anni, sognava questo record, da quando lo aveva stabilito una ragazza di 15 anni,  Violette Dorange, in 14h 56'.

Vivere "di fronte" alla Gran Bretagna, a Saint-Malo, non basta! Ci vuole un’incredibile combattività, e questo ragazzino ha una testa già matura. Era determinato a realizzare questo sogno di attraversare la Manica da solo in Optimist. E lo ha fatto. 

Eppure, la traversata è stata difficile. 

L'Optimist ha affrontato subito il vento ed il mare formato davanti all'isola di Wight. Dopo un’ora Tom già stava male ed ha iniziato a vomitare. Ha pensato anche all’abbandono, ma ha tenuto duro. Alla fine si è sentito un po' meglio e ha ritrovato il suo sorriso. Fino alla fine il vento non lo ha mai mollato, e Tom ha tagliato il traguardo all'ingresso della piccola baia di Cherbourg alle 21:20.

 

Tom ha percorso le 60 miglia della traversata ad una velocità media di 4,19 nodi (7,6 km/ora), sempre sotto la supervisione del padre a bordo di una barca a vela ad una distanza ragionevole per intervenire in caso di difficoltà. Batte il tempo di riferimento di 36 minuti. 

 

Tom ha raggiunto il suo sogno, ma il suo mito è François Gabart. Quindi possiamo ipotizzare che non si fermerà. 

Tom Goron: "Sono felice ma non me ne rendo conto. Sarà domani mattina quando mi sveglierò. Non ho mai attraversato la Manica prima d'ora. Sono stanco, soprattutto perché ieri sera ho dormito solo tre ore. Non ero stressato, ma avevo paura di dimenticare qualcosa. Mi ci sono volute più di due ore per addormentarmi. Il mio prossimo sogno? Fare come François Gabart, la Route du Rhum,  la Solitaire du Figaro. Ma questo se diventerò un professionista.  Vedremo tra 10 anni...".

 

Sophie, mamma di Tom: "Non ero preoccupata per la sicurezza. Era in buone mani. Sono orgogliosa di lui, del suo successo, del fatto che si sia spinto fino in fondo e che sia felice. E' testardo, ambizioso, persistente e... bisogna seguirlo. È un'esperienza molto bella che gli dimostra che deve essere ben preparato e... che deve ascoltare gli adulti"!

 

Nicolas, papà di Tom: "L'arrivo è stato una liberazione. Per 4-5 ore Tom ha avuto molto vento e, all'arrivo, il vento ha tenuto anche nell'ultima ora, ma c'era anche una corrente di traverso. Tom era totalmente autonomo. La meteo l’abbiamo fatto insieme prima della partenza e nelle ultime 2 o 3 ore. Aveva un GPS che indicava il waypoint per puntare su Cherbourg.  Se sono sorpreso della sua performance? Non tanto, perché Tom è un combattente”. 


28/06/2018 08:53:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint-Malo: naufragio (e salvataggio) per Alberto Riva e Acrobatica

L’equipaggio, composto da Alberto Riva, Jean Marre e Tommaso Stella, sta bene ed è al sicuro su una nave cargo che l’ha tratto in salvo

“Route to Barcelona”: Silvestri e Paliotto (RYCC Savoia) staccano il pass per assistere alla UniCredit Youth America’s Cup

Si è svolta venerdì scorso, 5 luglio, la terza delle sette regate previste dall’iniziativa promossa da UniCredit “Route to Barcelona”

Quebec Saint Malò: per Ambrogio non va "alla grande", lo scafo imbarca acqua

Regata finita anche per Ambrogio Beccaria che imbarca acqua nel suo Class 40 Alla Grande Pirelli

Quebec Saint Malò: Alberto Riva, Tommaso Stella e Jean Marre sbarcheranno alle Azzorre

La direzione di corsa della Quebec Saint Malò ha comunicato che la petroliera liberiana Silver Ray con a bordo i tre velisti soccorsi ieri in pieno Atlantico, farà scalo nelle isole Azzorre, per consentire lo sbarco

L'87% del Mar Mediterraneo è inquinato!

Con 1,9 milioni di frammenti per mq presenta la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità. L’inquinamento idrico provoca 1,4 milioni di morti premature al mondo ogni anno

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Moscioli in pericolo: Slow Food decide il fermo pesca

Innalzamento temperature marine: dovremo dire addio al saporito Mosciolo selvatico di Portonovo?

"Stenghele" di Pietro Negri vince a Malcesine l'Act4 della RS21 Cup Yamamay

Una tre giorni molto combattuta, con 32 team al via, caratterizzata dalle bizze del meteo, ma con cinque prove spettacolari sfruttando l’Ora, vento pomeridiano da Sud, puntuale a dare una mano ai velisti in regata

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

A Monfalcone la Optimist Gold Cup

La stagione di grandi eventi e regate firmate Yacht Club Monfalcone entra nel vivo con la quarta edizione della Gold Cup, la regata internazionale per la classe Optmist

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci