lunedí, 23 settembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

giancarlo pedote    tp52    the ocean race    rs:x    circoli velici    dolphin    melges 24    regate    salone nautico di genova    optimist    yacht club costa smeralda    millevele    imoca 60   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: attacco al leader

volvo ocean race attacco al leader
Roberto Imbastaro

Al rilevamento di metà giornata di venerdì Team Brunel aveva un vantaggio di 12 miglia su Dongfeng. 24 ore dopo il margine si è ridotto a meno di tre miglia e la barca rossa naviga a vista sulla quella gialla guidata da Bouwe Bekking, continuando la lenta ma costante rimonta.

I battistrada hanno ora meno di 1.000 miglia per giungere sul traguardo di Newport, nello stato nordamericano del Rhode Island, e il ritorno di Dongfeng avviene con un tempismo ideale. “Preferiremmo essere davanti, ma le cose non vanno male… Adesso siamo proprio vicini, un nulla. Siamo felici della nostra posizione anche se pensiamo che davanti ci sia un po’ meno vento. Davanti a noi ci sono ancora molte cose da fare. La decisione sulla strambata, i cambi di vele, le manovre, non si tratterà solo di essere veloci. E poi penso che anche Vestas stia arrivando.”

Come giustamente afferma Caudrelier i due leader non sono soli al comando. A una trentina di miglia a est, i danesi/americani di Vestas 11th Hour Racing stanno anche loro facendo le loro mosse il team si è posizionato bene per l’imminente salto di vento e per la strambata, nella speranza di sopravanzare il duo di testa, portando la barca per prima a Newport, località dove risiede lo skipper Charlie Enright. “Gran parte dell’azione di questa tappa succederà in fretta, vicino al finale.” Ha confermato Simon Fisher, il navigatore Vestas 11th Hour Racing. “Abbiamo una ampia zona di alta pressione e man mano che ci avvicinano il vento darà sempre più buono e il vento scenderà. Sarà importante scegliere il momento giusto per strambare ed entrare nell’aria leggera. Stiamo cercando di capire se sia meglio entrare per primi nell’alta pressione, orzando di più, oppure di stare nel vento più fresco andando a ovest. I nostri avversari sono più a ovest e quindi avranno aria migliore ma noi potremmo prendere il salto prima di loro. Dovremo fare un buon lavoro per uscire primi. Poi ci sarà un altro fronte da affrontare e una alta che arriva dal New England. Quindi succederà tutto negli ultimi due giorni, ci sarà da divertirsi.”

La flotta, comunque, nelle ultime 24 ore si è ricompattata, con tutti gli inseguitori che si sono riavvicinati ai leader. Turn the Tide on Plastic resta in quarta posizione mentre team AkzoNobel e MAPFRE continuano il loro match-race personale un po’ più dietro. Team Sun Hung Kai/Scallywag è la barca che ha guadagnato di più nell’ultima giornata, ma resta a circa a 165 miglia.

 


05/05/2018 16:33:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato Italiano Este24: vince Ricca D’Este 27 di Federica Archibugi

Con grande consistenza tattica, Ricca d’Este 27 di Federica archibugi si laurea Campione Italiano della Classe Este24, davanti a Ricca D’Este 37 di Marco Flemma, medaglia d’argento e a La Poderosa 2.0 di Roberto Ugolini, medaglia di bronzo.

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Offshore: finisce in tragedia il record sulla Montecarlo/Venezia

L'imbarcazione si è schiantata su una diga prima dell'arrivo ed era condotta dal pluricampione Fabio Buzzi, deceduto insieme a due piloti inglesi che lo accompagnavano nel tentativo di record

Figaro: il Tour de Bretagne va a Alexis Loison e Frédéric Duthil

Per Giancarlo Pedote e Anthony Marchand un buon nono posto che consente alla coppia di affiatarsi in vista dei successivi impegni sull'Imoca 60

Parte il Dèfi Azimut, con in acqua Prysmian di Pedote

Giancarlo Pedote ritorno sul suo imoca con ANtony MArchand dopo l'esperienza sui Figaro 3

Il Cantiere Postiglione riporta in mare lo storico yacht in legno “Grazia II”

È stato varato venerdì scorso, 6 settembre 2019, Grazia II, yacht a motore interamente in legno costruito nello storico cantiere Chris Craft negli anni Sessanta

CAMBUSA - BIWA: Sassicaia Tenuta San Guido miglior vino italiano 2019

Al secondo posto il Barolo Monvigliero DOCG di Burlotto seguito da Terminum Gewurztraminen vendemmia tardva. L’ELENCO DEI MIGLIORI 50 VINI ITALIANI SELEZIONATI DA UNA GIURIA INTERNAZIONALE (by First&Food)

Pedote e Marchand verso la Transat Jacques Vabre

I due sembrano essere una coppia che non scoppia e si sono concentrati soprattutto ad affinare la fiducia reciproca e la visione comune in regata

Salone Genova: visite a bordo della fregata "Alpino"

In occasione della cerimonia inaugurale e per tutta la durata del Salone, la fregata "Alpino" della Marina militare, sarà ormeggiata nel porto di Genova presso il Molo Doria di Levante

CNRT: 10 giorni alla Roma Giraglia

Parte da Civitavecchia una delle regate più belle del Mediterraneo, con 255 miglia da percorrere tra il fascino discreto delle isole toscane

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci