mercoledí, 26 giugno 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    j70    regate    protagonist    solidarietà    match race    vele d'epoca    j24    imoca 60    circoli velici    vela    salone nautico venezia    superyacht    tp52    fiv    star   

VOLVO OCEAN RACE

Volvo Ocean Race: un intero giro del mondo deciso nelle ultime ore

volvo ocean race un intero giro del mondo deciso nelle ultime ore
Roberto Imbastaro

E’ stata una notte senza sonno per il velisti della Volvo Ocean Race e anche per i fan, restati incollati agli schermi per seguire il finale di regata più serrato e decisivo della storia.

Sabato sera le tre barche che lottano per il Trofeo, MAPFRE, Team Brunel e Dongfeng Race Team hanno preso opzioni tattiche diverse, rischiando il tutto per tutto per ottenere la vittoria della Volvo Ocean Race 2017-18 che sarà decisa dall’ordine di arrivo in Olanda.

La cinese Dongfeng Race Team, guidata dallo skipper francese Charles Caudrelier ha fatto una scelta coraggiosa, tenendosi a est e più sottocosta. “Abbiamo scelto di stare interni.” Ha spiegato il watch captain Stu Bannytyne. “Ci sono un sacco di trappole per la navigazione, banchi di sabbia, zone di esclusione della navigazione, forse qualche generatore eolico e condizioni meteo molto variabili.” A breve termine questa opzione è costata a Dongfeng Race Team la prima posizione, ma potrebbe dare i suoi frutti più in prossimità del traguardo. Le previsioni parlano infatti di una significativa riduzione del vento più a la largo, e chi si è tenuto a est potrebbe invece sfruttare meglio la situazione nell’approccio finale, avendo aria più fresca e dunque maggiore velocità.

Le due barche con bandiera olandese Team Brunel, e il leader provvisorio team AkzoNobel invece hanno optato per la rotta al largo. “Dobbiamo solo trovare buona velocità per arrivare in Olanda.” Ha detto Peter Burling, campionissimo kiwi e timoniere su Team Brunel. Ieri sera il team ha dovuto anche far fronte a un lieve danno a un outrigger (il buttafuori usato con alcune vele), che gli è costato un po’ di terreno.

Gli spagnoli di MAPFRE sembrano aver preso la decisione di unirsi ai due battistrada un po’ in ritardo e hanno perso qualcosa. Costretti a navigare con un angolo più largo, per portarsi a ovest, sono parsi un poco più lenti delle due barche olandesi. “Ci eravamo preparati per passare all’interno, lungo la costa e la punta settentrionale dell’Olanda e quindi abbiamo deciso dopo di andare a ovest, in conseguenza abbiamo perso un bel po’ da Brunel e team AkzoNobel che invece avevano deciso prima.” Ha detto il neozelandese Blair Tuke da bordo di MAPFRE. “E’ una situazione complicata, ma dobbiamo solo fare quello che crediamo ci possa portare più velocemente sul traguardo. Entrambi i nostri avversari stanno andando in direzioni diverse. Dovremo combattere fino alla fine. Ci sarà una compressione vicino alla linea, siamo felici di essere ancora il lotta.”

Al rilevamento delle ore 10 italiane, le posizioni erano chiare, ma nulla sembra ancora deciso. Team AkzoNobel di Simeon Tienpont punta a vincere la tappa in casa, ma si trovava a solo 0.1 miglio da Team Brunel con MAPFRE mezzo miglio dietro e Vestas 11th Hour Racing, che pure fa parte del gruppo offshore, è quattro miglia alle spalle dei tre. 

La cartografia elettronica sembra indicare che le barche a est abbiamo dei problemi e segna un distacco di 50 miglia, in realtà la separazione in termini di distanza all’arrivo è probabilmente intorno alle 18 miglia. I software di navigazione meteo suggeriscono che gli arrivi potrebbero venire in soli 15 minuti. La tappa, e la regata, non sono affatto finite.

Nelle retrovie Turn the Tide on Plastic e Sun Hung Kai/Scallywag hanno preso l’opzione costiera e si trovano a una decina di miglia alle spalle di Dongfeng. Una situazione che potrebbe vederli appaiati in classifica. Se dovesse accadere, per i due team sarebbe decisiva l’ultima regata in programma, la In Port Race Series del 30 giugno.

Secondo le ultime previsioni l’arrivo all’Aja dovrebbe essere fra le 17 e le 19 italiane di domenica.

 


24/06/2018 13:01:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Grande successo per la prima edizione del Salone Nautico Venezia

Il pubblico risponde in massa all’appello del “popolo del mare”, oltre 27 mila ingressi. La manifestazione si dimostra subito un riferimento per il mondo della nautica da diporto, forte della sua doppia natura commerciale e culturale

America's Cup: Luna Rossa presenta il suo Team

Hanno destato grande interesse gli aspetti tecnici dell’AC75, realizzati anche in collaborazione con Pirelli

Mondiale Star: a Porto Cervo una giornata intensa

Ad una regata dalla conclusione del Mondiale, al vertice della classifica provvisoria si trova Augie Diaz seguito da Eivind Melleby e Mateusz Kusznierewicz

Mondiale ORC: la vittoria di Massimo De Campo costruita con pazienza e passione

Dopo la vittoria del mondiale ORC a Sebenico, un’analisi dell’impresa dello Swan 42 Selene, commentata dall’armatore e timoniere Massimo De Campo (portacolori dello Yacht Club Lignano) e del team Manager Alberto Leghissa

Argentario Sailing Week, Day 3: protagonisti vento, fair play e arte marinara

Dopo tre regate guidano la classifica provvisoria Viola (Vintage Aurici–, Comet (Vintage Marconi), Ojalà (Classici), e Toi e Moi (Spirit of Tradition). Domani, domenica 23 giugno, ultimo giorno di regate con premiazione prevista alle 18.00

Mini Fastnet: nei Serie si impone la coppia Beccaria/Riva

Con una rimonta fenomenale, Ambrogio Beccaria, in coppia con Alberto Riva, ha vinto per la seconda volta consecutiva il “Mini Fastnet” in classe Serie confermando il suo innegabile talento e la sua intelligenza strategica.

52 Super Series: ancora Azzurra in testa a Puerto Sherry

La barca dello Yacht Club Costa Smeralda mantiene il comando nella classifica provvisoria ma sempre tallonata a un solo punto dal secondo, Bronenosec. In terza posizione Provezza oggi la migliore con due secondi posti

Turismo: Friuli, Festa della Pitina - Tramonti di Sopra 19-21 luglio

50 produttori, esperienze di gusto, esplorazioni della gastronomia locale, ambiente, territorio e momenti dedicati ai bimbi

Win Win lives up to her name at the Superyacht Cup Palma with victory overall

The 2019 Superyacht Cup Palma reached its captivating conclusion with the best day’s racing yet on the waters of Palma Bay

TP 52: a Puerto Sherry Azzurra cede il comando a Bronenosec

Azzurra inizia il quarto giorno alla Puerto Sherry 52 Super Series con un ottimo secondo posto, ma nella prova successiva chiude ottava per un problema alla randa

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci