lunedí, 16 settembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

este 24    regate    windsurf    vele d'epoca    roma giraglia    circoli velici    gc32    j24    cico 2019    attualità    melges 20    fiv   

VOLVO OCEAN RACE

Italiani alla VOR: Alberto Bolzan vince in casa, Francesca Clapcich chiude al 6° posto

italiani alla vor alberto bolzan vince in casa francesca clapcich chiude al 176 posto
Roberto Imbastaro

Una incredibile regata finale per la Volvo Ocean Race. Dopo la conclusione della Leg 11, che non è certa stata avara di emozioni, l’ultima regata costiera ha fatto nuovamente tremare i polsi al foltissimo pubblico presente nella località olandese e alle migliaia di fans collegati online e sui social media da tutto il mondo. 

Hanno dovuto aspettare l’ultima regata, ma i giovani velisti di Turn the Tide on Plastic sono riusciti a concludere al sesto posto la loro prima esperienza nella Volvo Ocean Race. Alla vigilia della Brunel In-Port race dell’Aja, infatti Sung Hung Kai Scallywag e il team guidato da Dee Caffari si trovavano a pari punti sul tabellone generale, con il risultato delle In-Port Race Series a decidere le posizioni finali.

Tutti i tasselli del puzzle si dovevano incastrare al posto giusto per Turn the Tide on Plastic. Se, nelle prime fasi il risultato storico pareva sfuggire dalle mani di Caffari, a causa di una penalizzazione subita per un incidente di rotta con team AkzoNobel, alla boa successiva, Scallywag ha incocciato la boa ed è rimasto fermo mentre il resto della flotta passava oltre, relegando il team di David Witt in ultima posizione. 

Grazie a un quarto posto sul traguardo Turn the Tide on Plastic si è quindi guadagnato la sesta piazza della classifica generale della Volvo Ocean Race.

“E’ un momento incredibile, abbiamo finito la Volvo Ocean Race e l’abbiamo finita nel migliore dei modi. L’unica cosa che potevamo fare oggi era battere Scallywag e mettere due barche fra noi e loro e l’abbiamo fatto. Era il nostro obiettivo, è incredibile, incredibile…” Sono state le parole di una raggiante Francesca Clapcich all’arrivo in banchina all’Aja del team accolto dagli applausi del pubblico e degli avversari. “Devo ringraziare Dee, devo ringraziare il team che mi ha dato l’opportunità di far quest’esperienza eccezionale. Sono contenta che sia finita così, abbiamo navigato bene e mi sento orgogliosa del team di cui faccio parte. Spero di aver trovato degli amici per sempre. I nervi non sono stati sempre saldissimi, ogni tanto abbiamo perso la pazienza ma siamo riusciti a resettare anche quando abbiamo fatto degli errori, siamo riusciti a rimetterci in gioco e continuare a lottare. Non mollare mai, fino alla fine ci ha ripagato di tutti gli sforzi di questo ultimo anno.  La prossima volta bisogna vedere una barca con un bel tricolore italiano!” Ha concluso la triestina.

Ma la giornata ha visto splendere anche la stella dei beniamini locali, Team Brunel con lo skipper olandese Bouwe Bekking e il friulano Alberto Bolzan, che hanno praticamente dominato l’intera prova. Una vittoria che combinata al terzo posto di team AkzoNobel significa un posto sul gradino più basso del podio delle In-Port Series per la barca gialla che ha ottenuto un risultato migliore dei connazionali nell’ultima regata.

“Sicuramente una grande soddisfazione per noi, specialmente perché siamo riusciti ad ottenere una vittoria mancata pochi giorni fa, abbiamo vinto in casa e possiamo salire al terzo posto della classifica In-Port. Un ottimo risultato per il team. La ciliegina sulla torta alla fine di un percorso lungo nove mesi. Il calore del pubblico, davvero infinito, ci ha fatto veramente piacere.” Ha detto Alberto Bolzan. “Il campo di regata non era affatto semplice, con molta corrente , metà lato a favore e metà lato contraria, per cui un campo non facile da interpretare ma abbiamo fatto un’ottima partenza e abbiamo manovrato bene e siamo sempre stati veloci. E’ andato tutto liscio. E adesso un po’ di relax, oggi si festeggia e domani finalmente si torna a casa.” Ha concluso Bolzan.

 


30/06/2018 16:50:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Voce del Mare, un film di Fabio Dipinto sul rapporto tra l’uomo e il mare

La Voce del Mare - da un’idea di Marco Simeoni, regia di Fabio Dipinto è un film documentario (Italia, 83’) che intende raccontare, da diverse angolazioni e punti di vista, le emozioni universali e il rapporto che l’uomo ha instaurato con il mare

RIGASA: Line Honours per Kika Green Challenge

Un meteo imprevedibile, caratterizzato dal passaggio un fronte depressionario veloce ed inteso, ha reso capriccioso l’Adriatico mettendo a dura prova i 13 equipaggi partiti

Mini 6.50: due settimane alla Mini Transat

Per questa ventiduesima edizione, il navigatore milanese Ambrogio Beccaria è sulla linea di partenza con 9 vittorie su 12 competizioni alle spalle ed è quindi tra i favoriti

Monfalcone, vele d'epoca: al via l'International Hannibal Classic 2019

Dopo la pausa estiva riparte in Adriatico il Trofeo riservato alle Signore del Mare. Dal 13 al 15 settembre lo Yacht Club Hannibal di Monfalcone organizzerà la terza edizione dell’International Hannibal Classic – Memorial Sergio Sorrentino

Alinghi primo leader della GC32 Riva Cup

Nelle cinque prove odierne, corse con un'Ora dagli 8 ai 13 nodi, il team svizzero non si è mai piazzato peggio di terzo e, ha concluso in testa con quattro punti di vantaggio sugli austriaci di Red Bull Sailing Team

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Melges 20: il titolo europeo va a Brontolo di Filippo Pacinotti

Un risultato conquistato con pieno merito e con una prova di anticipo dopo una battaglia durissima con il campione uscente (e numero 1 della ranking mondiale) Russian Bogatyrs di Igor Rytov a cui va la medaglia d’argento

Friuli: menzione alla Triennale per i sentieri multimediali della Grande Guerra

I sentieri multimediali della Grande Guerra ricevono una menzione alla Triennale di Milano per il City Brand&Tourism Landscape Award

Europeo Melges 20: il leader è Nika di Vladimir Prosikhin

In vetta alla graduatoria generale c'è il veterano russo Nika di Vladimir Prosikhin con lo statunitense Morgan Reeser alla tattica. Al secondo posto il connazionale e detentore del titolo europeo Russian Bogatyrs di Igor Rytov

La Fiv premia le "sue" medaglie olimpiche

Alessandra Sensini:"Le medaglie sono tanta fatica e sacrificio, allenamento intenso per tutto il quadriennio"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci