martedí, 19 novembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

tokio 2020    campionati invernali    match race    dolphin    garda    barcolana    mini transat    mostre    premi    meteor    press    convegni    attualità    hobie cat16    circoli velici   

VOLVO OCEAN RACE

Italiani alla VOR: Alberto Bolzan vince in casa, Francesca Clapcich chiude al 6° posto

italiani alla vor alberto bolzan vince in casa francesca clapcich chiude al 176 posto
Roberto Imbastaro

Una incredibile regata finale per la Volvo Ocean Race. Dopo la conclusione della Leg 11, che non è certa stata avara di emozioni, l’ultima regata costiera ha fatto nuovamente tremare i polsi al foltissimo pubblico presente nella località olandese e alle migliaia di fans collegati online e sui social media da tutto il mondo. 

Hanno dovuto aspettare l’ultima regata, ma i giovani velisti di Turn the Tide on Plastic sono riusciti a concludere al sesto posto la loro prima esperienza nella Volvo Ocean Race. Alla vigilia della Brunel In-Port race dell’Aja, infatti Sung Hung Kai Scallywag e il team guidato da Dee Caffari si trovavano a pari punti sul tabellone generale, con il risultato delle In-Port Race Series a decidere le posizioni finali.

Tutti i tasselli del puzzle si dovevano incastrare al posto giusto per Turn the Tide on Plastic. Se, nelle prime fasi il risultato storico pareva sfuggire dalle mani di Caffari, a causa di una penalizzazione subita per un incidente di rotta con team AkzoNobel, alla boa successiva, Scallywag ha incocciato la boa ed è rimasto fermo mentre il resto della flotta passava oltre, relegando il team di David Witt in ultima posizione. 

Grazie a un quarto posto sul traguardo Turn the Tide on Plastic si è quindi guadagnato la sesta piazza della classifica generale della Volvo Ocean Race.

“E’ un momento incredibile, abbiamo finito la Volvo Ocean Race e l’abbiamo finita nel migliore dei modi. L’unica cosa che potevamo fare oggi era battere Scallywag e mettere due barche fra noi e loro e l’abbiamo fatto. Era il nostro obiettivo, è incredibile, incredibile…” Sono state le parole di una raggiante Francesca Clapcich all’arrivo in banchina all’Aja del team accolto dagli applausi del pubblico e degli avversari. “Devo ringraziare Dee, devo ringraziare il team che mi ha dato l’opportunità di far quest’esperienza eccezionale. Sono contenta che sia finita così, abbiamo navigato bene e mi sento orgogliosa del team di cui faccio parte. Spero di aver trovato degli amici per sempre. I nervi non sono stati sempre saldissimi, ogni tanto abbiamo perso la pazienza ma siamo riusciti a resettare anche quando abbiamo fatto degli errori, siamo riusciti a rimetterci in gioco e continuare a lottare. Non mollare mai, fino alla fine ci ha ripagato di tutti gli sforzi di questo ultimo anno.  La prossima volta bisogna vedere una barca con un bel tricolore italiano!” Ha concluso la triestina.

Ma la giornata ha visto splendere anche la stella dei beniamini locali, Team Brunel con lo skipper olandese Bouwe Bekking e il friulano Alberto Bolzan, che hanno praticamente dominato l’intera prova. Una vittoria che combinata al terzo posto di team AkzoNobel significa un posto sul gradino più basso del podio delle In-Port Series per la barca gialla che ha ottenuto un risultato migliore dei connazionali nell’ultima regata.

“Sicuramente una grande soddisfazione per noi, specialmente perché siamo riusciti ad ottenere una vittoria mancata pochi giorni fa, abbiamo vinto in casa e possiamo salire al terzo posto della classifica In-Port. Un ottimo risultato per il team. La ciliegina sulla torta alla fine di un percorso lungo nove mesi. Il calore del pubblico, davvero infinito, ci ha fatto veramente piacere.” Ha detto Alberto Bolzan. “Il campo di regata non era affatto semplice, con molta corrente , metà lato a favore e metà lato contraria, per cui un campo non facile da interpretare ma abbiamo fatto un’ottima partenza e abbiamo manovrato bene e siamo sempre stati veloci. E’ andato tutto liscio. E adesso un po’ di relax, oggi si festeggia e domani finalmente si torna a casa.” Ha concluso Bolzan.

 


30/06/2018 16:50:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Jacques Vabre: per Pedote un altro tassello verso il Vendée Globe

Il foil di dritta rotto e il timone sullo stesso lato danneggiato da un urto con un oggetto sommerso hanno rallentato la corsa di Prysmian

Matteo Sericano: la mia avventura alla Mini Transat

Matteo Sericano: "E' meglio perdersi sulla strada di un viaggio impossibile che non partire mai”

Un mare di eventi per le festività natalizie in Friuli Venezia Giulia

Partirà già a fine mese il ricco cartellone di appuntamenti pensati dalle due località balneari del Friuli Venezia Giulia, Lignano Sabbiadoro e Grado, per Natale e Capodanno

Venezia: l'impegno di Confcommercio/Fipe per gli esercizi dannegiati

La Fipe, Federazione italiana dei Pubblici esercizi e l'Aepe, l'Associazione dei Bar e dei Ristoranti di Venezia, sono pronte a fare la loro parte per sostenere gli imprenditori locali dopo l'acqa alta che ieri sera ha devastato la città

Invernale Fiumicino: bene Geex e Ummagumma in ORC, Mart d'Este in IRC

Grande successo per l'incontro di approfondimento sui sistemi di stazza organizzato nel pomeriggio di sabato con l'UVAI.

Mini Transat: il vincitore, François Jambou, impressionato da Ambrogio Beccaria

" Penso che sia il miglior marinaio che abbia mai visto"

Autunnale Lignano: uno spettacolo tra mare e monti

Tra mare e neve il 31° Campionato Autunnale della Laguna di Lignano: prima tappa perfetta. Marinariello, Victor X e Città di Fiume in testa nelle rispettive classi ORC, Open e Diporto

Cambusa: a Siena le 330 Città dell'Olio

Gli Stati Generali del mondo dell'olio riuniti per l'occasione: sei panel tematici per definire i contenuti dell’Agenda 2030 di ANCO ed una grande festa in città con degustazioni, mostre ed allestimenti a tema

Iniziate a Captiva Island in Florida le semifinali degli Hobie 16 World Championships

Ieri vento leggero e solo tre prove portate a termine con solo la metà degli iscritti che è riuscito a terminare le due regate in programma

Mini Transat: Beccaria 1° tra i Serie e 3° assoluto

E’ soltanto la quarta volta in 42 anni che un navigatore non francese vince questa leggendaria regata per le barche oceaniche più piccole del mondo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci