martedí, 29 novembre 2022

THE OCEAN RACE

The Ocean Race organizzerà uno dei primi eventi sportivi sostenibili al mondo

the ocean race organizzer 224 uno dei primi eventi sportivi sostenibili al mondo
redazione

The Ocean Race punta, per la regata 2022-23, a ridurre le emissioni di gas a effetto serra (GHG) fino al 75% rispetto all'edizione precedente, e collabora con i team, le città ospitanti, i partner e i fornitori icon l’obiettivo ambizioso e condiviso di ridurre i GHG e di organizzare di un evento positivo per il clima.

Ogni elemento del giro del mondo a vela è stato esaminato per capire l’impatto gas serra e come ridurlo. La regata punta a ridurre le emissioni attraverso una serie di misure, tra cui l'utilizzo di un numero significativamente inferiore di container utilizzati per la realizzazione dell'evento nel mondo, la riduzione del numero di personale che viaggia a livello internazionale, la gestione attenta di risorse come materiali, cibo, rifiuti e acqua, nonché l'obiettivo di alimentare i siti dell'evento con il 100% di energia rinnovabile. La regata si svolgerà nell'arco di sei mesi, rispetto ai nove mesi dell'edizione precedente, riducendo così anche l'impatto complessivo.

Parallelamente, The Ocean Race sta collaborando con i team, le città ospitanti e i partner per stimare, ridurre e contabilizzare attentamente i gas serra legati alla regata. Il partner logistico GAC Pindar e l'agenzia per l'ospitalità ATPI stanno lavorando a stretto contatto con The Ocean Race per creare nuovi sistemi che consentano di tracciare e riportare con precisione l'impatto sui gas serra della logistica e degli ospiti, con sistemi automatizzati che semplifichino la gestione dei dati.

Per raggiungere l'ambizioso obiettivo di rendere l'evento positivo dal punto di vista climatico (assorbendo più gas serra di quelli prodotti), la regata investirà in progetti oceanici che, per conto dell’organizzazione e degli stakeholder, ripristineranno habitat marini vitali, diminuendo al contempo anidride carbonica. Queste iniziative cosiddette "carbonio blu", in cui le mangrovie sono protette dalla deforestazione o rigenerate attivamente, si svolgono in siti accuratamente selezionati in tutto il mondo. Gli ecosistemi di mangrovie sani possono così catturare l’anidride carbonica, proteggere le coste, fornire importanti habitat per la fauna selvatica e sostenere le comunità locali.

Meegan Jones, consulente per la sostenibilità di The Ocean Race, ha dichiarato: "Lo sport ha il potere di ispirare e accelerare l'azione e in nessun altro luogo questo è più importante che nella corsa contro il cambiamento climatico. Stiamo riducendo drasticamente le emissioni rispetto all'ultima edizione della regata nel 2017-18, ma la creazione di un evento positivo per il clima può avvenire solo con il sostegno e il contributo di tutte le organizzazioni coinvolte nella regata. Mentre alcuni organizzatori di eventi compensano le emissioni dei loro partner, noi crediamo che la responsabilità di fare la propria parte spetti a tutti i partecipanti. In questo modo non riduciamo solo l'impatto di un singolo evento, ma contribuiamo a creare un cambiamento in tutto il settore".

The Ocean Race sta riunendo tutti i soggetti coinvolti nella prossima edizione dell'evento, che partirà da Alicante, in Spagna, il 15 gennaio 2023, per trovare soluzioni. Tra questi, 11th Hour Racing, Premier Partner di The Ocean Race e partner fondatore del programma di sostenibilità Racing with Purpose, il partner logistico globale GAC Pindar (parte del Gruppo GAC), IMOCA, una delle due classi di imbarcazioni che formeranno la flotta, i team partecipanti, l'agenzia di ospitalità ATPI, il fornitore ufficiale di abbigliamento Helly Hansen e le otto città che ospitano l'evento durante le tappe in tutto il mondo. Il gruppo è supportato da esperti tecnici tra cui Verra, che gestisce il principale standard di emissione di anidride carbonica al mondo (VCS Standard) e il CIO UNESCO, l'organismo delle Nazioni Unite responsabile del sostegno alla scienza oceanica mondiale.

Alcune delle attività chiave che sostengono l'ambizione climatica dell'evento includono:

·       Impegno da parte dei team e dei partner della regata a ridurre le emissioni di gas serra legate alla regata e sforzi continui per accelerare le riduzioni nelle loro catene di approvvigionamento.

·       L'obiettivo di alimentare il race village, l'Ocean Live Park, con il 100% di energia rinnovabile.

·       Realizzare un'esperienza positiva per gli ospiti, con l'iscrizione automatica al programma per tutti gli ospiti.

Alessandra Ghezzi, direttore della comunicazione di 11th Hour Racing, ha dichiarato: "Negli ultimi anni abbiamo assistito agli effetti sempre più devastanti del cambiamento climatico e, mentre il dibattito pubblico intorno al tema si è spostato dal termine 'cambiamento' a 'crisi' ed 'emergenza', tutti noi dobbiamo fare passi più coraggiosi per ridurre le nostre emissioni. Possiamo farlo solo attraverso collaborazioni strategiche. Noi di 11th Hour Racing stiamo sostenendo The Ocean Race in modo che possa fornire un modello per la gestione di eventi sportivi di livello mondiale e allo stesso tempo positivi per il clima. Tutti i materiali saranno disponibili online per qualsiasi organizzazione, evento e squadra che voglia stabilire i propri obiettivi e la propria strategia per il clima".

The Ocean Race ha aderito alle iniziative Race to Zero e Sports for Climate Action delle Nazioni Unite, impegnandosi a dimezzare le emissioni di gas serra della regata e a contribuire a un mondo a zero emissioni entro il 2040.

Il lavoro per rendere la prossima edizione della regata positiva per il clima fa parte dell'ambizioso programma di sostenibilità Racing with Purpose, creato insieme a 11th Hour Racing. Il programma va oltre l'organizzazione di un evento sostenibile e gli obiettivi immediati della regata e cerca di ispirare un nuovo pubblico, dai bambini delle scuole ai politici, ad agire per proteggere gli oceani e il clima. Inoltre, sostiene la ricerca sugli oceani attraverso un programma scientifico innovativo in cui le imbarcazioni raccolgono dati vitali sullo stato dei mari mentre navigano intorno al pianeta.

Per ulteriori informazioni sul lavoro di The Ocean Race con stakeholders per creare un evento positivo per il clima, vedere qui.


09/08/2022 10:05:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato invernale di Roma, giornata spettacolare per l'altura

Battaglia serrata nel raggruppamento ORC Regata 2 fra Jolie Brise e Pestifera. In IRC mantengono la vetta della classifica Maia e Lysithea rispettivamente nei Crociera 1 e Crociera 2. Fra i minialtura è "Se po fa'" a tagliare prima il traguardo

Route du Rhum: penalizzato Roland Jourdain, la vittoria nella categoria Rhum Multi va a Loïc Escoffier

Nella barca di Jourdain la piombatura è risultata rotta ai controlli post regata e la conseguente penalità di 90' ha regalato la vittoria a Loïc Escoffier

Roma: Genova The Grand Finale presentato al ministro Abodi

Alla presentazione presso il Salone d’Onore del Coni hanno partecipato le più importanti autorità istituzionali e sportive

Ambrogio Beccaria ci racconta la sua Route du Rhum

Impresa straordinaria di Beccaria che al suo esordio alla Route du Rhum e alla sua prima regata su “Alla Grande – Pirelli” ha conquistato il 2° posto in Class40 attraversando l’Atlantico in 14 giorni 7 ore 23 minuti

Buona la seconda al Campionato Autunnale della Laguna di Lignano Sabbiadoro

Dopo l'annullamento del primo appuntamento del 33° Campionato Autunnale della Laguna per condizioni meteo-marine avverse, la seconda domenica in programma non ha deluso le aspettative

Hyères, Europeo ILCA 6/7: Chiavarini sesto e Benini Floriani quindicesima

ILCA 6 e ILCA 7 salutano la rassegna continentale transalpina con tanti spunti positivi e un appuntamento in territorio italiano per la prossima stagione dove il campionato si disputerà ad Andora

Come liberare in sicurezza una tartaruga

Animali marini catturati nella rete: da oggi esiste un protocollo operativo su come trattarli per liberarli limitando i danni

Giancarlo Pedote analizza la sua Route du Rhum

"Sono soddisfatto della seconda parte della regata, durante la navigazione di bolina. Avevo una buona velocità e nonostante il ritardo sono riuscito a raggiungere il gruppo"

Ma che bel Giro d'Italia hanno fatto Cecilia Zorzi e Aina Bauza!

Unico team completamente femminile in regata, Cecilia e Aina hanno lasciato il passo solo al mostro sacro Pietro D'Alì, che di Giri d'Italia ne ha macinati parecchi ai suoi tempi

Route du Rhum... e anche Alberto Bona porta a casa un bel risultato!

Giovedì 24 novembre, alle ore 15 e 34 minuti e 50 secondi ora locale (20:34:50 ora di Roma), Alberto Bona sul Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di Pointe-à-Pitre della dodicesima edizione della Route du Rhum all'ottavo posto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci