sabato, 15 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    mini 6.50    youth america's cup    cambusa    circoli velici    rs feva    persico 69f    trasporto marittimo    fiv    porti   

SICUREZZA IN MARE

Sicurezza in mare: K38 Italia festeggia il ventennale con l’Academy - Capo Camp Sardinia

sicurezza in mare k38 italia festeggia il ventennale con 8217 academy capo camp sardinia
redazione

K38 Italia garantisce da vent’anni la sicurezza in acqua durante eventi sportivi e manifestazioni nautiche nazionali ed internazionali e si occupa di formare operatori di salvamento con Aquabike. Grazie all’esperienza maturata in questi anni lavora e collabora in Italia e all’estero con numerosi enti preposti al soccorso. In questi anni si sono avvalsi di K38 Italia la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, la Marina Militare, la Guardia Costiera, paramedici, gruppi cinofili, stabilimenti balneari e bagnini di salvataggio. Il campione del mondo di moto d’acqua Fabio Annigoni, oltre ad essere presidente e fondatore di K38 Italia, è uno dei responsabili di K38 International.

 

K38 International

K38 International è un’organizzazione internazionale con sede in California che dal 1989 si occupa esclusivamente di formazione, educazione, soccorso e assistenza tramite Aquabike (RWC, moto d’acqua acquascooter, Idromoto, PWC). L’Italia è entrata a far parte di questa organizzazione nel 1999 attraverso costanti corsi di formazione effettuati negli Stati Uniti che l’hanno portata ad essere riconosciuta quale scuola affiliata. K38 International è presente, oltre che negli USA, anche in Australia, Giappone, Sud Africa e Sud America e in Europa, oltre all’Italia, in Gran Bretagna, Scandinavia, Portogallo, Spagna, Isole Canarie e Polonia.

 

K38 Italia Academy 2019

Per festeggiare il ventennale K38 Italia organizza presso il nuovo Centro formativo K38 in Sardegna un’Academy dedicata agli operatori del settore che desiderano specializzarsi professionalmente nell’assistenza con Aquabike/RWC.

 

Programma K38 Training Academy 21-27 ottobre - Capo Camp Sardinia (OR)

 

21 ottobre    h. 9.00 – 12.00                    Arrivo e registrazione

21-23 ottobre h. 14.30                             Corso K38 Italia (Stage 1-2-3)

24 ottobre    h. 9.00 - 16.00                                 Corso K38 Italia (Stage 4)

24 ottobre    h. 9.00 – 13.00                    Tecniche di verifica e controllo attrezzature

25 ottobre    h. 8.00 - 13.00                                 SUP Rescue (tecnica e uso)

26 ottobre    h. 9.00 – 16.00                    Skill Check

27 ottobre    h. 9.00 – 15.00                    Festeggiamento del ventennale K38 Italia

 

Le Aquabike da soccorso / Rescue Water Craft

La livrea bianca e rossa, la scritta RESCUE e la barella gialla: “Chiamarla moto d’acqua sarebbe come definire un’ambulanza un furgone con la barella” ci dice sorridendo Fabio Annigoni campione nazionale di moto d’acqua, oggi nel gruppo direzionale di K38 International, e fondatore nel 1999 di K38 Italia. La barella fissata saldamente alla moto lavora a pelo d’acqua facilitando il recupero del pericolante con minori sollecitazioni rispetto a gommoni o altri natanti ma ne cambia

 

 

drasticamente i pesi, le misure, il baricentro e lo stile di guida richiedendo una formazione specifica che valorizzi la velocità di varo e la manovrabilità in condizioni meteo-marine avverse.

La normativa vigente che regola l’impiego delle Aquabike da salvamento non prevede alcuna formazione specifica oltre alla patente nautica per il conducente ed il brevetto di bagnino per chi opera sulla barella e questo fa capire la necessità di una maggiore consapevolezza e tecnica, necessarie per operare in un panorama delicato quale il soccorso in acqua. “Solo in mano ad un conduttore preparato l’Aquabike può fare la differenza” sottolinea Annigoni.

Fondamentale per l’operatore è acquisire le nozioni inerenti ai sistemi di recupero del pericolante che può essere traumatizzato, cosciente o privo di sensi e le capacità di intervenire all’interno di situazioni differenti o in condizioni meteo marine avverse. Prioritaria inoltre è l’attenzione posta all’autoprotezione degli Operatori. Per questi motivi K38 Italia ha differenziato i propri corsi di formazione a seconda del livello degli allievi e del tipo di impiego richiesto, iniziando da corsi in mare calmo/mosso, molto mosso, fiume e lago, oltre ad un addestramento professionale nella gestione eventi nautici e manifestazioni in cui l’Aquabike si rivela il mezzo più indicato per il salvamento.

 

Gli operatori K38 sono in grado di gestire la sicurezza in acqua di competizioni motonautiche, regate veliche, contest di surf, windsurf e kitesurf, maratone di nuoto, gare di canoa e triathlon in mare, fiume o lago, mettendo a disposizione degli organizzatori il supporto necessario per l’allestimento del campo gara e la delimitazione dello specchio acqueo. Dal 1999 K38 Italia è l’unica azienda sul territorio nazionale che si occupa esclusivamente di moto d’acqua, PWC, RWC, Aquabike, Idromoto, Acquascooter a carattere professionale, sia nell’ambito formativo sia nell’organizzazione di servizi e manifestazioni.


16/10/2019 20:14:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

Optimist: prime prove per la "Ora Cup Ora"

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist.Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre

MINI 6.50: Mengucci e Caparrotti raccontano la 1a tappa della SAS 6.50

Les Sables - Les Açores en Baie de Morlaix - Intervista a Domenico Caparrotti e a Giovanni Mengucci che ci raccontano il loro impatto con la corsa

Garda: due sole prove per la Persico 69F Revolution

A comandare oggi sulla sponda bresciana del Lago di Garda è stato il vento: le condizioni meteo, infatti, hanno rallentato il programma della Persico 69F Revolution.

Mini 6.50, Les Sables d'Olonne: partita la 2a tappa verso Roscoff

Domenico Caparrotti: "Per me è come stare all'Università"

La vela si ferma per la scomparsa di Carlo Rolandi, presidente onorario FIV

Carlo Rolandi è stato la storia stessa di quasi un secolo di Vela sportiva italiana. Nove Olimpiadi, Otto anni Presidente FIV, protagonista in Italia e nel mondo

Optimist: sul Garda vento leggero per la "Ora Cup Ora"

Domenica la conclusione; al comando tra i più piccoli Mattia Benamati (nella foto) e tra gli juniores il romano Alessandro Cirenei. Gaia Zinali passa in testa tra le femmine

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci