martedí, 6 dicembre 2022


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

the ocean race    regate    velalonga    campionati invernali    ambiente    campionato invernale riva di traiano    circoli velici    rs21    libri    slam    solidarietà    porti   

ROUTE DU RHUM

Route du Rhum: Caudrelier è davanti, ma nulla è deciso

route du rhum caudrelier 232 davanti ma nulla 232 deciso
Roberto Imbastaro

Se c'è una cosa che l'edizione 2018 della Route du Rhum-Destination Guadeloupe ci ha insegnato è che questa regata transatlantica in solitario di 3.542 miglia nautiche non è mai finita finché non è finita. Nella scorsa edizione, lo storico leader della regata François Gabart, il ragazzo d'oro della vela francese che aveva già vinto il Vendée Globe, la Classe IMOCA nella Route du Rhum e che deteneva il record del giro del mondo in solitario, sembrava destinato ad aggiungere gli onori della Route du Rhum alla sua lunga lista di successi. 

 

Ma durante le ore di buio, quando il vento inevitabilmente cala a una manciata di nodi e a volte a nulla, l'audace 61enne Francis Joyon aveva recuperato un distacco di 150 miglia e aveva superato Gabart per sfilargli il titolo da sotto il naso.

 

Quest'anno Gabart è lo sfavorito. Lui e il suo team SVR Lazartigue hanno trascorso mesi a lottare contro una sentenza che aveva messo la sua barca fuori classe, in sostanza perché le sue vele vengono regolate dall'interno del trimarano. Questa è la sua prima regata oceanica completa con il suo nuovo Ultim 32/23 progettato da VPLP. 

 

Al contrario, il Maxi Edmond de Rothschild, altamente ottimizzato e guidato dallo skipper vincitore della Volvo Ocean Race Charles Caudrelier, ha dominato tutte le regate oceaniche Ultim dal 2019.

 

Attualmente, i primi tre multiscafi Ultim 32/23 stanno volando a una velocità media di trenta nodi verso Guadalupa e il leader Caudrelier sembra ben posizionato per vincere. Ma è sempre minacciato da Gabart e Thomas Coville (Sodebo Ultim 3), che gli sono rimasti alle calcagna fin dalla partenza da Saint-Malo. Oggi pomeriggio, a meno di 400 miglia dal traguardo, Caudrelier ha solo 64 miglia di vantaggio su Gabart.

 

Lo skipper della Maxi Edmond de Rothschild ha dominato la Route du Rhum-Destination Guadeloupe fin dall'inizio, guadagnando miglia su miglia sui suoi avversari, ma non è mai riuscito a staccarli completamente. Con un vantaggio che varia da sessanta a ottanta miglia a seconda di chi stramba, Caudrelier è ancora in testa alla boa della Tête à l'Anglais, che potrebbe raggiungere questa sera presto (tra le 22.30 e le 01.00) ora locale. Ma la battaglia non è ancora finita. Il giro dell'isola di Guadalupa avverrà di notte e sarà difficile tenere sotto controllo gli avversari, soprattutto perché sanno che tutto è ancora possibile.

 

Una volta raggiunta la boa della Tête à l'Anglais - la penultima boa prima della boa finale a Basse Terre, vicino all'arrivo - la battaglia atlantica sarà finita, ma il verdetto finale nonsarà ancora deciso. Qualsiasi errore o problema tecnico costerà caro skipper in questo tratto finale. 

 

Ciò che preoccupa maggiormente Caudrelier è: "Ho paura che François Gabart mi faccia un Joyon, perché vuole vendicarsi dopo quello che è successo l'ultima volta". 

 

Gabart è super motivato, sapendo che nel 2018 aveva un vantaggio di quasi 150 miglia all'approssimarsi della boa della Tête à l'Anglais, ma quel vantaggio si è dissolto nel caldo della notte in Guadalupa.

 

Coville lo ha confermato. "Sulle nostre barche, se manca la minima cosa, un'aletta del timone, un regolatore di foil, tutto si ferma. L'unico modo per navigare è quello di rimanere in acqua fino al traguardo".

 

Anche Armel Le Cléac'h, pur se molto lontano, ha confermato: "Sembra che Charles abbia il pieno controllo della sua barca, cosa che non accadeva quattro anni fa a François, ma non è impossibile perdere 100 miglia in tre ore. Non è finita finché non si taglia il traguardo".

 

_____________________________________________

ETA boa Tête à l'Anglais, classe Ultim32/23

Maxi Edmond de Rothschild: Mercoledì 15 novembre, ore 22:30 locali (2:30 UTC)

SVR Lazartigue: Giovedì 16 novembre, 2:30 ora locale (6:30 UTC)

Sodebo Ultim 3: giovedì 16 novembre, ore 6:00 locali (10:00 UTC)

 


15/11/2022 19:17:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Riva di Traiano: una giornata "scoppiettante"

15 nodi da sud con raffiche oltre i 20 e un'onda crescente, contrariamente alle previsioni, hanno messo in difficoltà molte imbarcazioni e le rotture sono state parecchie

Este24, un invernale tutto da scoprire

Già due week per l’invernale 2022/23, organizzato dal Circolo Nautico Guglielmo Marconi, che sarà un’ottima palestra, con alcuni ritorni nel roaster. La partenza è avvenuta 13 novembre con la prima tappa, il 27 novembre

America's Cup: definite le aree di regata a Barcellona

L’organizzazione dell’America Cup ha concordato con il Capitán Marítimo di Barcellona l'area di regata sia per la Challenger Selection Series che per l'America's Cup stessa

Invernale Cervia: la 1a manche va al J24 Joanna di Fabrizio Dallacasa

Dopo sei belle regate si è conclusa la prima manche del Campionato Invernale Monotipi 2022-2023 - XVII Memorial Stefano Pirini, organizzato dal Circolo Nautico Amici della Vela di Cervia. L’Invernale riprenderà a febbraio

RS21, presentato il calendario della stagione 2023

Senza più segreti il 2023 della RS21 Italian Class: “RS21 Cup Yananay, Mondiale e “King of the Lake”

Invernale Lignano: in "Regata" il leader è Brava di Francesco Pison

Magico terzo appuntamento del 33° Campionato Autunnale della Laguna di Lignano Sabbiadoro: vento sui 12 nodi, sole e cielo terso con le montagne innevate a fare da cornice alle due flotte ORC e Diporto

Conclusi con successo l'VIII Trofeo Ivo Agostini e il III Trofeo Renzo Migliorini

Il gradino più alto del podio per Adele Ferrarini con Arianna Fubiani (Overall 420 e F), Giulio Romani (Optimist Juniores) e Nora Rosestolato (Optimist Cadetti F). Premiati nelle Classi 420 e Optimist numerosi equipaggi della Scuola Vela Valentin Mankin

Presentata la nuova VO65 Sprint Cup di The Ocean Race

Annunciato un nuovo trofeo per la classe VO65 one design per The Ocean Race 2022-23

Lignano Sabbiadoro: si conclude il Campionato Autunnale con ottimi risultati per i team inclusivi Sea4AllTiliaventum

Sabato 3 dicembre, proprio nella giornata mondiale dedicata ai diritti delle persone con disabilità, si è concluso il Campionato Autunnale di vela a Lignano Sabbiadoro

The Ocean Race e Archwey insieme contro il problema della plastica nei mari

Il presidente di The Ocean Race Richard Brisius ha dichiarato: "La plastica monouso ha un impatto devastante sugli oceani. Per questo siamo lieti di collaborare con Archwey"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci