lunedí, 16 settembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

este 24    regate    windsurf    vele d'epoca    roma giraglia    circoli velici    gc32    j24    cico 2019    attualità    melges 20    fiv   

ROMA GIRAGLIA

Roma Giraglia: Line Honours per SuperG, Stripptease vince in solitario, Sir Biss in Irc

roma giraglia line honours per superg stripptease vince in solitario sir biss in irc
Roberto Imbastaro

Si è conclusa con la premiazione di questa mattina alle ore 13:00 in piazzetta del Marinai, l'edizione 2017 della Roma/Giraglia, regata di 250 miglia che da Riva di Traiano raggiunge lo scoglio all'estremo nord della Corsica, per rientrare poi nel porto laziale. Nessun passaggio obbligato e nessun vincolo, se non il rispetto delle tre zone di interdizione stabilite dal Comitato di Regata vicino al Giglio, a Pianosa e a Montecristo.
La vittoria, in tempo reale e in ORC, è andata a "SuperG", il Grand Soleil 43 di Alessandro Giannattasio che schierava a bordo anche un motivatissimo Beppe Fornich, che tanti successi ha mietuto con il suo "Sagola".
E' una bella barca della della quale sentiremo ancora parlare e il suo skipper, Alessandro Giannattasio, rende anche l'onore delle armi allo sconfitto "Sir Biss":" E' stata una regata bellissima, combattuta fino all'ultimo miglio. Con Sir Biss siamo stati quasi sempre insieme e l'abbiamo spuntata di soli 6' in tempo reale e di quasi 2' in compensato. Regata molto tattica con tante decisioni da prendere che non ti lasciano mai completamente tranquillo. Sono contento di questa vittoria ed ora penso all'Italiano d'altura di metà settembre a Fiumicino".
Per "Sir Biss", di Giuliano Perego, la soddisfazione della vittoria in IRC davanti a "Vahiné", First 45 F5 di Christian Forci. 
Per la vittoria del GiragliOne, ovvero la regata in solitario, si è dovuto attendere la decisione della Giuria, perché il Tripp 40 "Stripptease" di Riccardo Maria Serranò, ha dimenticato di portare a bordo ed installare il tracker della Yellow Brick. Per lui il Comitato delle Proteste ha deciso una penalizzazione del 10% sul tempo totale di percorrenza, che non ha però avuto effetti concreti sulla classifica finale, che lo vede sempre al comando davanti a "Prospettica", Comet 41S di Giacomo Gonzi, e a "Mareamore", RM1260 di Ugo Vinti.
"La penalizzazione era scontata - commenta il presidente del CNRT Alessandro Farassino - ma sono felice che non abbia messo in discussione la sua vittoria. Stripptease ha fatto una grande regata ed è rimasto costantemente in compagnia dei primi, arrivando solo un'ora e venti dopo il vincitore in equipaggio, SuperG. Con l'AIS, comunque, abbiamo sempre monitorato la sua posizione".
Nella categoria "X2" era in gara una sola imbarcazione, il Mini 6.50 "Polus" di Giovanni Mengucci e Edoardo di Tarsia di Belmonte. Per loro un arrivo impeccabile alle 03:27 nella notte di sabato, nonostante il mare agitatissimo. I due ragazzi (17 e 18 anni ndr) hanno passato con disinvoltura la linea del traguardo per poi essere rimonchiati all'interno del porto dai gommoni in attesa.
Non è stato altrettanto tranquillo l'arrivo degli ultimi due solitari, "Prospettica", alle 01:23 e "Mareamore", alle 03:27. Con il mare agitato e qualche avaria a bordo, le operazioni di rientro sono state abbastanza difficoltose. Alla messa in sicurezza di Mareamore, arrivata con la trinchetta incattivita, ha contribuito anche lo skipper di Prospettica, Giacomo Gonzi, che non ha esitato ad uscire con il gommone del CNRT per salire a bordo con Ugo Vinti ed aiutarlo nelle manovre.
"E' stata una notte difficile - conclude il presidente Farassino - ma abbiamo dato il massimo. La scarsa partecipazione non ci ha impedito di dare ai concorrenti tutto il supporto che come sempre meritano. Sono partite solo 10 barche su 14 iscritti, ma l'organizzazione ha girato come se fossero 100. Siamo rammaricati della scarsa partecipazione a questa edizione, e forse dovremmo anche fare qualche ragionamento in più sulle date, forse troppo vicine, quest'anno, al termine delle vacanze estive".


10/09/2017 15:10:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Voce del Mare, un film di Fabio Dipinto sul rapporto tra l’uomo e il mare

La Voce del Mare - da un’idea di Marco Simeoni, regia di Fabio Dipinto è un film documentario (Italia, 83’) che intende raccontare, da diverse angolazioni e punti di vista, le emozioni universali e il rapporto che l’uomo ha instaurato con il mare

RIGASA: Line Honours per Kika Green Challenge

Un meteo imprevedibile, caratterizzato dal passaggio un fronte depressionario veloce ed inteso, ha reso capriccioso l’Adriatico mettendo a dura prova i 13 equipaggi partiti

Mini 6.50: due settimane alla Mini Transat

Per questa ventiduesima edizione, il navigatore milanese Ambrogio Beccaria è sulla linea di partenza con 9 vittorie su 12 competizioni alle spalle ed è quindi tra i favoriti

Monfalcone, vele d'epoca: al via l'International Hannibal Classic 2019

Dopo la pausa estiva riparte in Adriatico il Trofeo riservato alle Signore del Mare. Dal 13 al 15 settembre lo Yacht Club Hannibal di Monfalcone organizzerà la terza edizione dell’International Hannibal Classic – Memorial Sergio Sorrentino

Alinghi primo leader della GC32 Riva Cup

Nelle cinque prove odierne, corse con un'Ora dagli 8 ai 13 nodi, il team svizzero non si è mai piazzato peggio di terzo e, ha concluso in testa con quattro punti di vantaggio sugli austriaci di Red Bull Sailing Team

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Melges 20: il titolo europeo va a Brontolo di Filippo Pacinotti

Un risultato conquistato con pieno merito e con una prova di anticipo dopo una battaglia durissima con il campione uscente (e numero 1 della ranking mondiale) Russian Bogatyrs di Igor Rytov a cui va la medaglia d’argento

Friuli: menzione alla Triennale per i sentieri multimediali della Grande Guerra

I sentieri multimediali della Grande Guerra ricevono una menzione alla Triennale di Milano per il City Brand&Tourism Landscape Award

Europeo Melges 20: il leader è Nika di Vladimir Prosikhin

In vetta alla graduatoria generale c'è il veterano russo Nika di Vladimir Prosikhin con lo statunitense Morgan Reeser alla tattica. Al secondo posto il connazionale e detentore del titolo europeo Russian Bogatyrs di Igor Rytov

La Fiv premia le "sue" medaglie olimpiche

Alessandra Sensini:"Le medaglie sono tanta fatica e sacrificio, allenamento intenso per tutto il quadriennio"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci