venerdí, 28 febbraio 2020

MARINA DI LOANO

Marina di Loano e Fondazione Cima collaborano nella protezione dell'ambiente marino

marina di loano fondazione cima collaborano nella protezione dell ambiente marino
redazione

Durante uno dei primi survey autunnali, il 30 settembre scorso, i ricercatori della Fondazione CIMA hanno fatto un incontro davvero speciale: per la prima volta negli ultimi 15 anni hanno avvistato una grande balenottera comune con un cucciolo di pochi giorni di vita. Il raro avvistamento, circa 30 miglia a Sud di Loano, è stato documentato nei particolari e grazie ad un drone, specificamente costruito per la ricerca sui cetacei, con il quale è stato possibile raccogliere preziosi dati sulla dimensione dei due esemplari e sul loro comportamento, oltre che a produrre immagini emozionanti. "Dopo tanti anni spesi a lavorare in mare sappiamo che ogni giorno nasconde sempre una sorpresa" e i ricercatori del CIMA sono intenzionati a scoprirla. Lo spettacolare video è on line al link: 
Marina di Loano collabora con Fondazione Cima nella protezione dell’ambiente marino e della sua biodiversità, supportando e promuovendo lo studio, la conoscenza e la condivisione delle attività della Fondazione con il pubblico del mare. Dallo scorso mese di settembre di quest’anno, infatti, Marina di Loano ospita il catamarano Headwind di proprietà della Fondazione Cima, strumento strategico per le attività operative di ricerca, monitoraggio e di analisi sul campo della Fondazione. Nel corso del periodo invernale inoltre, lo Yacht Club Marina di Loano ospiterà una serie di incontri sul tema dell’ambiente marino, nel corso dei quali i ricercatori di Fondazione Cima faranno opera di divulgazione e di formazione agli ospiti presenti.
Luca Ferraris, vice-presidente della Fondazione CIMA, ha aggiunto: "La visione ambientale di Marina di Loano è in perfetta sintonia con gli obiettivi di Fondazione CIMA, che da anni lavora nel monitoraggio ambientale. In un periodo storico in cui la ricerca scientifica italiana incontra grandi difficoltà, questa collaborazione rappresenta quindi un supporto fondamentale alle attività di ricerca e monitoraggio degli ecosistemi marini. Inoltre, grazie alla particolare posizione geografica, per Fondazione avere la base operativa nella Marina di Loano assume una rilevante valenza strategica, in quanto situato in prossimità di importanti aree di alimentazione e concentrazione sia di delfini costieri che di grandi balene oceaniche”.
Marco Cornacchia, direttore di Marina di Loano ha voluto sottolineare come: "supporto che offriamo alla Fondazione Cima rappresenta un ulteriore passo concreto nell’ambito delle attività che mettiamo in campo ogni giorno per contribuire alla salvaguardia del mare. Siamo costantemente impegnati su questo fronte e, grazie anche alle soluzioni d’avanguardia che utilizziamo nella nostra struttura, facciamo del rispetto dell’ambiente marino e terrestre il nostro fiore all’occhiello, fatto questo riconosciuto e certificato anche dalla Bandiera Blu che viene assegnata alla nostra Marina da cinque anni consecutivi.”.


28/11/2016 14:44:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

RS Aero, arriva in Italia il primo circuito di regate "RS Fun Club Contest"

Quattro tappe fra Ostia, Arco e Maccagno per la nuova deriva in singolo adatta a giovani ed adulti

Giancarlo Pedote: il sogno Vendée Globe si avvicina

Questo 2020 sarà per Giancarlo Pedote sicuramente un anno impegnativo e cruciale. L’ 8 novembre prossimo partirà da Les Sables d’ Olonne il tanto anelato Vendée Globe, giro del mondo senza scalo e senza assistenza

Ancora tre mondiali di vela olimpica in Australia

Questa volta è il turno dei windsurf RS:X maschili (75 concorrenti) e femminili (47 concorrenti), a Sorrento (Victoria). A Melbourne il singolo femminile Laser Radial

Concluso il raduno federale Mach Race a Torre del Greco

Dal 14 al 19 febbraio si è svolto il raduno federale Match Race a Torre del Greco presso il Centro Federale Zonale del Comitato V Zona FIV a bordo delle imbarcazioni RS 21, simili a quelle che saranno utilizzate al mondiale giovanile

Mondiale RSX: Mattia Camboni parte bene

Ottimo avvio per l'azzurro Mattia Camboni (Fiamme Azzurre), primo nella ranking mondiale stagionale e campione europeo 2018, che dopo le prime tre prove nelle quali è stato molto regolare, è al 5° posto (4-4-5 di giornata)

RORC Caribbean 600: partenza sprint per Giovanni Soldini

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini sono partiti per la RORC Caribbean 600. Il trimarano italiano in testa alla flotta dei multiscafi dopo pochi minuti

Invernale Fiumicino: il poco vento "stravolge" la classifica provvisoria

L'8 marzo l'ultima tappa del Campionato, si torna in acqua il 27 marzo per il Trofeo Porti Imperiali

Le chiusure autostradali sul "Tronco 1" penalizzano l'industria nautica del Nord Ovest

I gravi disagi che interessano le infrastrutture stradali del Nord Ovest del Paese stanno mettendo in ginocchio l’industria nautica e le infrastrutture del territorio ligure che ne sono il naturale sbocco al mare

Grande successo di partecipazione dei J24 alla clinic con Andrea Casale a Marina di Carrara

Con un grande successo di partecipazione si è conclusa presso le sale del Club Nautico Marina di Carrara la clinic sulla preparazione della barca pre-regata curata dal pluricampione iridato J24 Andrea Casale

Mondiale Laser Radial: le Azzurre non decollano

45 assoluta Silvia Zennaro (20 di giornata); 52 Carolina Albano (26), 56 Joyce Floridia (24), 60 Valentina Balbi (23), 67 Francesca Frazza (34), risale 76 Matilda Talluri (18)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci