giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: Tom Laperche in sicurezza verso Cape Town

arkea ultim challenge tom laperche in sicurezza verso cape town
Roberto Imbastaro

Dopo aver subito danni stamattina intorno alle 04:30 UTC, quando si trovava al secondo posto nell'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest, a circa 1300 miglia nautiche a ovest di Città del Capo, lo skipper Tom Laperche su SVR Lazartigue si sta dirigendo verso Città del Capo con un'infiltrazione d'acqua sotto controllo. La collisione ha danneggiato il cassero della chiglia causando una perdita significativa. "Avevo lavorato abbastanza bene tutta la notte - ha dichiarato il 26enne skipper nel pomeriggio - avevo trovato buone configurazioni e regolazioni della vela, e ci stavamo muovendo né troppo veloci né troppo lenti con una buona media e velocità di circa 35 nodi. Verso la fine della notte ho sentito un enorme impatto e un grande crash. Colpendo la chiglia, ha danneggiato la parte inferiore dello scafo e in una frazione di secondo, l'acqua stava entrando nella sezione centrale. Ho girato intorno alla barca rapidamente e ho capito che la barca rimaneva controllabile. Abbiamo dovuto rallentare il più possibile e arrotolare le vele. Ora dobbiamo portare la barca in porto il più indenne possibile."

I danni sono stati stabilizzati, Laperche è al sicuro e sta ricevendo assistenza dal suo team tecnico per cercare di portare il Trimarano SVR-Lazartigue a Città del Capo. Si trovava a circa 80 miglia dietro il leader della gara Charles Caudrelier quando è avvenuta la collisione ad alta velocità con un oggetto. "La barca andava bene fino a quel momento e mi stavo divertendo", continua Laperche. "Ora è durissima, per la barca, per me e per tutta la squadra con tutte queste persone che hanno lavorato affinché il Trimarano SVR-Lazartigue fosse alla partenza e che dopo dieci giorni di gara eravamo in testa alla flotta in una gara intorno al mondo. Ora dobbiamo gestire i prossimi quattro giorni in mare senza che le cose peggiorino. Sono riuscito a impostare la barca nella giusta direzione e a non andare troppo veloce. Monitorerò i livelli d'acqua e i movimenti della chiglia. Abbiamo ancora 35 nodi di vento ma dovrebbe calmarsi in poco più di un giorno con mari più calmi. Resto in contatto con tutta la squadra e cercheremo di trovare le migliori soluzioni per raggiungere Città del Capo."

Cécile Andrieu, il Team Manager, ha commentato: "Tom sta bene fisicamente. L'impatto è stato abbastanza violento perché la barca si stava muovendo a 35 nodi al momento della collisione. È un duro colpo per tutti perché la sua gara era stata magnifica per dieci giorni. Ma è già molto motivato a portare la sua barca in salvo. Siamo in contatto permanente con lui per analizzare nel modo migliore possibile i danni alla barca, contenerli e trovare la migliore rotta per raggiungere Città del Capo, dove si stima che arriverà lunedì mattina. La cellula di routing continua a comunicare con lui. L'intera squadra tecnica è riunita a Concarneau e partirà per Città del Capo per essere con Tom. Studieremo le opzioni per il futuro."

Nel frattempo, il leader della gara Charles Caudrelier (Maxi Edmond de Rothschild) ha espresso il suo sconcerto e la solidarietà con il giovane rivale con cui stava duellando fin dall'inizio. Caudrelier, sul potente ULTIM progettato da Verdier, sembrava minacciare il record di navigazione solitaria di 24 ore la scorsa notte con una corsa di 841 miglia, a dieci miglia dal record stabilito nel novembre 2017 da François Gabart, in viaggio verso l'attuale record mondiale di navigazione solitaria intorno al mondo di 42 giorni.

Caudrelier ha dichiarato stamattina: "Notizie tristi stamattina. Tom ha annunciato di avere un problema sulla sua barca. Sembra che i danni siano gravi. Avevamo avuto una grande competizione, incredibile per qualcuno di soli 25 anni. Posso ricordare come ero quando avevo 25 anni. Ma con una barca del genere, non avrei potuto affrontarla. Anche ora a 50 anni.... Per tirarmi su di morale, ho optato per un curry di coda di rospo. So che anche Armel ne ha uno, quindi spero che lo gusti. E ho approfittato stamattina, dato che c'è meno pressione su di me. Non devo controllare la velocità tanto quanto quando c'era Tom. Ho approfittato per mettere in ordine le cose e dare alla barca una grossa verifica. Avevamo gareggiato a un ritmo folle. Ora è cambiata l'atmosfera e il modo in cui navighiamo."

 


18/01/2024 20:57:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci