giovedí, 2 febbraio 2023

THE OCEAN RACE

Si è tenuto a Genova il secondo Innovation Workshop del "Genova Process" verso la Carta dei diritti degli Oceani

si 232 tenuto genova il secondo innovation workshop del quot genova process quot verso la carta dei diritti degli oceani
redazione

Nuova tappa nel capoluogo ligure per il “Genova Process”, il percorso di innovation workshop organizzati da The Ocean Race in collaborazione con il Comune di Genova per la definizione della bozza di principi della Dichiarazione dei Diritti degli Oceani che verrà presentata all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, a New York, nel settembre 2023.

 

Nella giornata di ieri (lunedì 5 dicembre) si sono ritrovati al Blue District di Genova i maggiori esperti di diritto internazionale e scienze oceaniche che compongono il “core team”, tra cui spicca Antonio Di Natale, biologo marino con importanti incarichi e relazioni internazionali che ricopre il ruolo di consulente scientifico del Genova Process per conto del Comune di Genova. Si è discusso della pianificazione strategica e tattica per ottenere una risoluzione approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2023.

 

In apertura Michelle Bender e Rachel Bustamente hanno discusso la tematica “Vivere in relazione con l'Oceano a trasformare la governance nel Decennio degli Oceani delle Nazioni Unite”. Poi Johan Strid, Callie Veelenturf e Patricia Sala hanno aggiornato il gruppo di lavoro sulla situazione attuale in merito al sostegno dei Diritti degli Oceani e al piano per la primavera 2023. Si è discusso sul come fare riferimento alle Nazioni Unite e ad altri processi internazionali in corso quali UNCLOS e BBNJ. E ancora sugli argomenti chiave da affrontare per garantirsi il sostegno dell’Onu e quali siano i Paesi chiave da coinvolgere nella proposta di risoluzione. Il Workshop si è chiuso con l’analisi di come dovrebbe essere formulata la risoluzione da presentare l’anno prossimo alle Nazioni Unite.

 

“La ricerca scientifica e il patrimonio culturale legato al mare sono alla base del Genova Process che ha l’obiettivo di definire i princìpi della carta dei diritti degli oceani che vogliamo presentare ufficialmente ai Governi e all’attenzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite”, spiega Antonio Di Natale. “Sono felice di poter dare il mio contributo, insieme a molti altri scienziati ed esperti da tutto il mondo che ho contribuito a selezionare con The Ocean Race, e che la città di Genova abbia un ruolo di tale rilevanza sulla scena globale. Il percorso è lungo e difficile. Continuiamo a raccogliere tante idee. A Genova abbiamo avuto la partecipazione di tanti esperti legali e proprio gli aspetti legali sono tra i più complicati. Hanno partecipato esperti di fondazioni internazionali come la Nippon Foundation, ma anche enti americani, e ancora Wwf, Ucn, e altri organismi internazionali che si occupano di tutela degli Oceani. A Genova nel giugno 2023 riassumeremo questo lungo percorso e avremo finalmente il documento da portare alle Nazioni Unite. La grande motivazione che spinge tutti noi è l’interesse comune e la certezza che senza un oceano sano non ci può essere un genere umano sano”.

 

Dopo il primo Workshop di Genova del 28 marzo scorso, si sono tenute riunioni bisettimanali, un Summit a Stoccolma, un Innovation Workshop a Cascais e quattro eventi alla United Nation Ocean Conference a Lisbona. Adesso l’agenda prevede i prossimi appuntamenti di Alicante e Capo Verde. Al termine di questo processo, Genova ospiterà il 27 giugno 2023 ai Magazzini del Cotone l’ultimo Ocean Summit che porterà al documento finale da presentare all’Onu.

 

Parallelamente al workshop di Genova, per ispirare i giovani a proteggere l'oceano, The Ocean Race ha lanciato un’altra iniziativa: “Generation Ocean”. Si tratta di un nuovo programma di apprendimento per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Materiali coinvolgenti forniscono a insegnanti e genitori tutto ciò che serve per aiutare gli studenti a comprendere il ruolo cruciale che l'oceano svolge nel sostenere la vita sulla Terra, le minacce che stanno mettendo a repentaglio questo sistema vitale e le soluzioni necessarie per proteggerlo (maggiori info al link https://www.theoceanrace.com/it/learning/generation-ocean).

 

Il programma comprende un libretto di grande impatto, con articoli, storie, riflessioni e punti d'azione stimolanti da realizzare in classe e una guida per l'educatore con attività suggerite e una guida passo-passo per ispirare gli insegnanti a includere nelle loro lezioni principi e concetti relativi all'oceano. Creato in collaborazione con 11th Hour Racing, partner fondatore del programma di sostenibilità Racing with Purpose di The Ocean Race, Generation Ocean offre una panoramica dei temi chiave relativi agli oceani, presenta esempi e buone pratiche da tutto il mondo, evidenzia i legami tra oceano e clima e riflette sulla necessità di riconoscere i diritti degli oceani.

 

Per gli studenti è stato studiato anche un concorso. The Ocean Race offre a quattro studenti appassionati e a un loro insegnante l'entusiasmante opportunità di vincere un viaggio ad Aarhus, in Danimarca, quando The Ocean Race arriverà nella città nel maggio 2023. Gli studenti devono creare un cortometraggio su un progetto che hanno realizzato per sensibilizzare la loro comunità sui diritti degli oceani. Il premio comprende voli per la città danese, vitto e alloggio, l'opportunità per il team di presentare il proprio progetto sul palco, la possibilità di parlarne a The Ocean Race Summit Aarhus (un evento a cui partecipano politici, scienziati, velisti e altri sostenitori degli oceani con l'obiettivo di ottenere il sostegno dei principali decisori politici sulle soluzioni e gli impegni per affrontare i problemi che affliggono i nostri mari), la partecipazione all'Aarhus Youth Summit, esperienze di apprendimento e tempo per esplorare la città di Aarhus e l'Ocean Live Park, lo spazio dedicato agli eventi di The Ocean Race sul posto. E’ possibile iscriversi entro il 31 marzo 2023 al seguente link https://forms.gle/YMFuZjumVTa4NFKEA

 


06/12/2022 13:39:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

LNI Palermo, Our Dream: nell'aria un profumo di mare e di legalità

Il Jeanneau, un Sun Odissey 53 che diventa l’ammiraglia della flotta palermitana, è una barca che viene restituita alla collettività grazie all’affidamento alla LNI dopo la confisca alla criminalità organizzata operata dalla Guardia di Finanza di Palermo

C'è Wanax EXP Team in testa all'Invernale di Anzio/Nettuno

Ancora un bel fine settimana per Altura, J24 e Platu 25 al Campionato invernale di Anzio e Nettuno

Genova, Porto Antico: apre domani Antiqua2023

35 antiquari e 3 mostre collaterali dedicate al mare in onore di The Ocean Race - The Grand Finale

America's Cup: caschi bergamaschi per il Team Ineos

KASK, l’azienda bergamasca produttrice di caschi di alta qualità, ha firmato una partnership a lungo termine per la fornitura di caschi al challenger di America’s Cup INEOS Britannia

Concessioni demaniali: incontro Confindustria Nautica con Ministro Fitto

Confindustria Nautica ha incontrato il Ministro per gli Affari europei Raffaele Fitto nell’ambito delle consultazioni volute dal Premier Giorgia Meloni con le rappresentanze delle imprese che lavorano sul demanio

The Ocean Race: tutti insieme appassionatamente

Tutti gli IMOCA stanno cercando il varco migliore per passare i doldrum

Invernale Traiano: Tevere Remo (IRC) e Guardamago (ORC) si dividono la posta

In Regata la classifica generale sta prendendo forme diverse, con Tevere Remo Mon Ile che governa in IRC e Guardamago II leader in ORC

Taglio del nastro per Our Dream, un sogno che diventa realtà

Si è tenuta oggi a Palermo presso la Lega Navale Palermo, la presentazione di Our Dream, il Jeanneau Sun Odissey 53 piedi a vela confiscata alla criminalità organizzata che la utilizzava per traffici di stupefacenti e affidata alla LN Italiana

Partita la seconda manche del Campionato Invernale di Marina di Loano

Vento da Nord con 20 nodi alla partenza, progressivamente calato fino a 10 nodi all’arrivo, tanto sole e mare calmo per i 44 equipaggi iscritti al Campionato Invernale più frequentato della 1a Zona FIV

La "Roma per 2" compie trent'anni

La classica transtirrenica con le sue 535 miglia fino a Lipari è da sempre una prova impegnativa che mette a dura prova anche i velisti più esperti. Soldini in collegamento video:"Regata bellissima. Sarebbe bello partecipare con la flotta dei Mod 70

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci