sabato, 23 gennaio 2021

PERSICO 69F

Persico 69F Cup: tre barche in un punto

persico 69f cup tre barche in un punto
redazione

Più aumentano le ore di volo più aumenta la competizione. La prima giornata del Grand Prix 3.1 della Persico 69F Cup regala spettacolo con una classifica cortissima ed estremamente combattuta. 

C’è un solo punto infatti a separare la prima dalla terza posizione, occupate rispettivamente da Fantastica 2 (Nico Celon al timone con al suo fianco i fratelli Umberto e Pietro De Luca) e FlyingNikka 47 (dell’armatore/timonere Roberto Lacorte con Lorenzo Bressani e Enrico Zennaro), con in mezzo a loro l’equipaggio di Young Azzurra (Ettore Botticini, Federico Colaninno, Francesca Bergamo ed Erica Ratti).

Leggermente staccata l’altra barca del Team Cetilar, FlyingNikka 74 (Alessio Razeto, Andrea Fornaro, Lorenzo de Felice), quinti infine i tre giovani Guido Gallinaro, Andrea Spagnolli e Kevin Rio, alla prima esperienza assieme sul Persico 69F e ancora alla ricerca della migliore alchimia di equipaggio.

Sono state sei le regate disputate durante la mattinata, con Peler dai 9 ai 13 nodi, mentre al pomeriggio, con un’Ora macchiata e difficile, il comitato di regata ha deciso di disputarne solo un’altra concludendo la giornata con 7 Run all’attivo.

Nico Celon ad ogni tappa ribadisce di volersi solo divertire, ma ad ogni appuntamento le prestazioni migliorano: “Sono in team con Pietro e Umberto De Luca e mi sto divertendo tantissimo - commenta il timoniere di Fantastica 2 - è uno spasso e loro sono bravissimi, li ho visti crescere da quando erano bambini e vi dico che il “vecchietto” sta bene con i due ragazzini! Per adesso siamo in testa alla classifica parziale, ma siamo tutti molto vicini. Su questa barca se non sei preciso, anche se sei bravo, c’è troppo poco tempo per ragionare e ottenere un buon risultato anche perché gli altri equipaggi ti riprendono subito, è stimolante”.

La competizione è serratissima - confermano Ettore Botticini e Federico Colaninno di Young Azzurra - siamo a solo mezzo punto sia dal primo che dal terzo nella classifica parziale. Oggi abbiamo fatto un po’ fatica a ingranare: abbiamo preso un paio di penalità che non ci aspettavamo e le condizioni erano difficili, il vento è stato sempre leggero e molto altalenante, ma nonostante tutto siamo riusciti a tirare fuori il meglio, portando a casa anche un primo posto. Domani speriamo di cambiare marcia e recuperare. Il livello delle performance cresce ad ogni regata, è bello confrontarsi con equipaggi più esperti e allenarsi in gruppo”.

"La sintesi di oggi - dice Lorenzo Bressani di FlyingNikka 47 - è che al momento siamo un equipaggio da pomeriggio, con Ora e una decina di nodi di vento: in quelle condizioni siamo davvero forti. Oggi nelle prime regate con il vento molto forte abbiamo avuto difficoltà a poggiare dal traverso alla poppa e a gestire la prima strambata. Insomma serve ancora allenamento per le condizioni estreme perché la barca diventa molto tattica, puoi sbagliare molte cose.”

Non c’è mai nulla di scontato negli eventi della Cup - commenta il Chief Sailing Officer del circuito Dede De Luca - le regate di oggi hanno portato al massimo questo aspetto con continui scambi di posizione nelle singole run e tre equipaggi che si sono alternati nel tagliare per primi il traguardo. Oggi abbiamo completato ben 7 Run, cosa che ci permette di guardare con serenità al meteo incerto dei prossimi giorni, e l’abbiamo fatto nonostante un imprevisto ad una barca. C’è stato infatti un danno alla landa della sartia alta, una cosa che su altre barche romperebbe addirittura l’albero e che è stato invece risolto in soli 20 minuti con lo scafo in acqua, un virtuosismo tecnico che conferma non solo la solidità e la facile gestione di questo monotipo ma soprattutto - conclude De Luca - evidenzia l’eccellenza dello Shore Team a cui va fatto un plauso per un lavoro eccezionale per qualità, competenza e velocità”.

CLASSIFICA PROVVISORIA
Fantastica 2 - 32 pts
Young Azzurra - 31,5 pts
FlyingNikka 47 - 31 pts
FlyingNikka 74 - 22 pts
SV Marmolada - 9 pts

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: su e giù dai foil Luna Rossa batte Patriot

E’ stata una giornata complessa ma allo stesso tempo rivelatrice per i tre Challenger impegnati nei Round Robin della PRADA Cup per le difficili condizioni di vento leggero che hanno costretto spesso gli AC75 a scendere dai foil

Luna Rossa: salvi per il rotto della ...scuffia

Ma nonostante le apparenze la barca si è comportata bene. Contro Ineos annullata una prima regata che Luna Rossa stava conducendo e contro American Magic è stata una regata al buio per il mancato funzionamento del Racing Software

America's Cup: Patriot rientrerà solo per le semifinali

Le riparazioni del carbonio saranno effettuare in parte utilizzando boat builders locali per ricostruire i pannelli rovinati, in parte con lo shore team che si occuperà delle finiture

I vincitori del concorso fotografico "Mediterraneo, un mare da scoprire"

la giuria ha decretato i vincitori, premiati con il “celebre” Pandino di cartapesta che il WWF consegna ai suoi partner e testimoni più attenti alle tematiche ambientali e la pubblicazione delle foto sulla rivista Panda digitale

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

Young Azzurra si prepara per gli impegni sportivi del 2021

Il team sarà impegnato nella Youth Foiling World Cup e nel circuito di regate della Persico 69F Cup

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci