domenica, 28 febbraio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    america's cup    regate    libri    turismo    nautica    nomine    banque populaire    maxi-tri    ambiente    the ocean race    circoli velici    este 24    scuola vela    garda    dolphin   

MELGES 24

Paolo Brescia si aggiudica a Torbole il Tricolore Melges 24

paolo brescia si aggiudica torbole il tricolore melges
redazione

Al Circolo Vela Torbole concluso il Campionato Italiano Melges 24, che ha sancito l’inizio delle regate veliche dei grandi numeri ed ha assegnato il primo titolo nazionale post lockdown. Un avvio della stagione agonistica e sportiva con un duplice appuntamento, dato che si è disputato anche il Campionato Interzonale Techno 293, organizzato in questo favoloso week end al Circolo Surf Torbole. Non potevano infatti esserci condizioni migliori di vento e tempo per questa apertura della stagione velica delle regate, che ha portato sull'Alto Garda 22 equipaggi sul Melges 24 (150 velisti impegnati più accompagnatori) e una sessantina di giovani surfisti per i Techno 293 con relative famiglie e coach. 

Nove le regate disputate per questo Campionato Italiano Melges 24 e titolo tricolore assegnato dalla FIV Federazione Italiana Vela, conquistato da Paolo Brescia (Yacht Club Italiano) e il suo equipaggio composto da Ariberto Strobino, Simon Sibitz, Jas Farneti e Stefano Orlandi su “Melgina”, terzi overall. Altea di Andrea Racchelli infatti- campione del mondo Melges 24 nel 2018 in Canada, primo assoluto e vincitore overall, aveva a bordo l’inglese Nick Asher, che non ha permesso di competere per il campionato nazionale; ottima la sua conduzione di regata soprattutto ad inizio manifestazione, mentre nell’ultima giornata di gare ha controllato gli avversari, finendo con un 7-2-8, perdendo qualche punto di vantaggio sull’estone Tonu Toniste (4 punti rispetto ai 10 di sabato). Gli estoni si sono aggiudicati la classifica “corinthian” dei non professionisti; secondo della stessa categoria Marco Zammarchi (YCI) su Taki 4, che si aggiudica però il titolo nazionale Corinthian (già Campione del Mondo nel 2016, a Miami). Terzo Sergio Caramel (Portodimare) su Arkanoè by Montura, con un equipaggio di giovani velisti under 25 dell’Alto Adriatico.

 

 

Un week end positivo anche per il consorzio Garda Trentino Vela, che ha messo a disposizione dei circoli le boe elettriche usate in entrambi i campi di regata - Melges e Techno 293 - senza incontrare problematiche tecniche. 

“Sono state davvero le prime regate con equipaggi numerosi e condizioni di vento piuttosto forte, che è durato per tutti e tre i giorni con una durata media di attività giornaliera di circa 4 ore - ha spiegato Gianpaolo Montagni-referente del Consorzio per il Circolo Vela Torbole - Con l’uso delle boe elettriche adottate in due regate organizzate nello stesso week end siamo oggi molto soddisfatti del risultato, che ci ha permesso di concludere regolarmente le manifestazioni con questo nuovo modo di concepire la messa in acqua del campo di regata. Un segnale positivo per questo inizio “green” ma anche dal punto di vista tecnico più preciso e stabile, che porterà atleti, velisti e turismo sul Garda Trentino fino a novembre inoltrato”. Armando Bronzetti presidente del Circolo Surf Torbole sempre a proposito dell’uso delle boe elettriche: “dopo i test condotti ormai da due anni, sembra  ormai raggiunto l’obbiettivo di boe elettriche semplici da posizionare e funzionali. Per la zonale Techno che abbiamo organizzato le boe ci sono arrivate la sera prima e necessitavano di una calibratura, che il primo giorno non è stato possibile effettuare; per questo sabato il funzionamento è stato un po’ alterno. Domenica invece, dopo la regolazione tecnica, tutto ha funzionato bene, trovando la soddisfazione non solo dei regatanti, ma degli stessi bosaboe e del Comitato di Regata”.

 

Ancora Melges 24 al Circolo Vela Torbole dal 7 al 9 agosto per l’esordio dell'Euro Tour, valevole anche come ACT 2 del circuito italiano, mentre la prossima regata organizzata dal circolo presieduto da Mauro Versini è prevista il 25-26 luglio con la Zonale Laser. ph. E. Giolai

 


19/07/2020 18:26:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: New Zealand ci aspetta

Peter Burling:" Alcuni dei ragazzi di Luna Rossa erano nostri compagni di squadra l'ultima volta, quindi li conosciamo bene e loro conoscono noi"

Il mattino ha "l'Oro in Coppa"

Nell'alba italiana garrisce il tricolore ad Auckland dove Luna Rossa conquista il diritto a sfidare Team New Zealand per l'America's Cup vincendo la Prada Cup con un perentorio 7 a 1 su Ineos Team UK

Garda: i Dolphin pronti ad una grande stagione

Si parte a metà marzo con “Winter & Bianchi”

Fiart Rent: 11 yacht per le tue vacanze

L’esclusivo servizio charter per scoprire il Mediterraneo a bordo di uno yacht Fiart

Luna Rossa premiata con la Prada Cup

Con la cerimonia conclusiva, avvenuta sul main stage dell’America’s Cup Village di Auckland, la PRADA Cup è stata consegnata all’equipaggio di Luna Rossa Prada Pirelli, divenuto Challenger del 36 esimo America’s Cup Match

Gitana 17: il bilancio di una stagione deludente

Per Charles Caudrelier c'è frustrazione per aver mancato l'obiettivo del Trofeo Jules Verne, ma la consapevolezza di aver imparato molto. Prossimi impegni il Fastnet e la Transat Jacques Vabre

Armel Le Cléac'h e Kevin Escoffier: che coppia per Banque Populaire XI!

Due grandi skipper per una sfida gigantesca. Il Maxi Banque Populaire XI, in acqua entro la fine di aprile, partirà il prossimo novembre sulla Transat Jacques Vabre con grandi ambizioni. A bordo, Armel Le Cléac'h sarà insieme a Kevin Escoffier

Libri: "Denecia approdi nella pandemia" di Roberto Soldatini

Il diario di bordo di Roberto Soldatini che racconta da una prospettiva unica la vita durante i primi otto mesi dell'emergenza sanitaria

America's Cup: si profila un rinvio causa Covid

La prima regata dell'America's Cup rischia di saltare. Auckland entrerà in lockdown con una allerta 3 per sette giorni dalle 6 di domani mattina, come ha dichiarato il primo ministro Jacinda Ardern

Grecia: il Canale di Corinto chiuso fino ad aprile

L'inverno del 20-21 è stato ancora più devastante dei precedenti per il Canale di Corinto. Ci sono state frane più frequenti e significative, che hanno comportato una chiusura più lunga di quelle già subite dalla struttura negli ultimi decenni

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci