mercoledí, 13 dicembre 2017


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

ambiente    riva    volvo ocean race    nautica    ucina    invernale    il portodimare    cala de medici    press    regate    vela    campionati invernali    laser   

MINI TRANSAT

Mini Transat: Lipinski il migliore. Buona la prova di Beccaria ed "intrigante" la velocità di Fornaro

mini transat lipinski il migliore buona la prova di beccaria ed quot intrigante quot la velocit 224 di fornaro
Roberto Imbastaro

Praticamente terminata la prima tappa della Mini Transat 2017 con gli arrivi a Las Palmas che si susseguono da ieri e continueranno ancora per 48 ore salvo qualche inguaribile ritardatario. Una prima frazione amara per l’Italia, con il ritiro quasi immediato di Matteo Rusticali e quello molto più doloroso e drammatico di Luca Sabiu. E la Transat non è ancora cominciata! Capiamo la necessità di vendere il proprio “prodotto”, ma è bene che si resti con i piedi per terra. Soprattutto con i titoli. La Transat è lunga e questo è solo l’antipasto. Tra i Proto ha vinto Jan  Lipinski, velista solido che è partito per vincere avendone i mezzi tecnici e le capacità. Nella sua scia Arthur Leopold Léger che è arrivato ad un pelino dal vincitore, staccato di soli due minuti scarsi. Il resto, al momento segna il passo, con Erwan Le Mené che ha conquistato il terzo posto regolando almeno 5 o 6 barche con tempi simili. Tutta da decifrare la corsa di Andrea Fornaro, che è rimasto altissimo per una sua scelta tattica che alla fine non ha pagato. Però il suo sedicesimo posto lo ha ottenuto macinando 1624, 9 miglia, alla media di 6.3 nodi.  Ben 83,4 miglia in più del vincitore, Ian Lipinski, che di miglia ne ha coperte 1541,5 alla media di 6.4 nodi, media tenuta solo dal tedesco Jorg Riechers (7°) che di miglia ne ha coperte 1586,3. In pratica il Sideral di Andrea Fornaro, a parte le due barche citate, è stato il Mini 6.50 più veloce della flotta. La barca c'è. Lui è convinto e sta bene e vedrete che non farà una gara conservativa.

Veniamo ai Serie, dove Valentin Gautier si è imposto davanti a un Rémi Aubrun che solo per poco ha confinato al terzo posto  una brillantissima Clarisse Crémer.  Per il nostro Ambrogio Beccaria un bel 6° posto con una media altissima di 6.2 nodi. Anche lui si è messo d’impegno per percorrere più miglia degli avversari, coprendone 1526,6, contro le 1511,4 di Gautier e, addirittura, le 1485 di Aubrun, cui è bastato tenere una media di 6 nodi per conquistare il secondo posto. Andrea Pendibene è arrivato 23° e non ha dato l’impressione di poter competere per la parte alta della classifica, nonostante la solita regata generosissima.

Il vincitore, Ian  Lipinski:”Negli ultimi due giorni di bonaccia vedevo che i miei concorrenti mi avevano ripreso decine di miglia. Mi sentivo come se questa corsa non dovesse finire mai e ad un certo punto ero convinto che già in molti erano arrivati al traguardo prima di me. Mi sentivo un po’ bruciare le chiappe quando Arthur Leopold Leger mi ha preso 40 miglia in un giorno. Mi sono detto che era normale, perché ero stato io il primo ad entrare nella bonaccia.  Se non che il giorno dopo me ne ha prese 20. Poi altre 10. E a quel punto ho pensato di aver fatto un casino, di non essere passato nel posto giusto. Il Proto, poi, non è proprio una barca che va bene con la bonaccia. Meglio un Serie. Comunque quando sono partito ho pensato che il mio obiettivo in questa prima tappa non era vincere, ma evitare di prendere una mazzata. I venti leggeri hanno trasformato questa prima tappa in una lotteria. Una nota positiva è che così non si rompe niente. Ho solo due o tre cose da rivedere prima di ripartire”. 


12/10/2017 21:20:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Commissione Nautica della Confindustria Toscana a Marina Cala de’ Medici

Un confronto su “Nautica e Portualità”a cui hanno partecipato i più rilevanti gruppi industriali della cantieristica regionale

La Talisker Whisky Atlantic Challenge

L’oceano Atlantico attraversato a bordo di una canoa che per tutto il corso dell’impresa rappresenta l’unico riparo dalle intemperie e dai pericoli e Solbian realizza un’installazione senza precedenti

Volvo Ocean Race: domani la In-port race di Città del Capo

L'8 dicembrei torna in mare per la In-port race di Città del Capo, dopo che le barche sono state sottoposte a un'attenta manutenzione e i velisti hanno ricaricato le batterie in vista delle prossime, intense, settimane nell'Oceano meridionale

Invernale Argentario: freddo e maltempo, ma il campionato va avanti

Sabato si è regatato, domenica no. In tutte le divisioni le classifiche sono molto corte e la battaglia in campo è aperta

Pershing presenta il nuovo Owner Set by Poltrona Frau

E celebra i primi 10 anni di sodalizio fra due icone del Made in Italy

Volvo Ocean Race: Dongfeng Race Team vince la In-port di Città del Capo red-line

Secondi dopo una grande rimonta gli spagnoli di MAPFRE, che mantengono la testa della classifica e terzo AkzoNobel

Dolphin e Meteor animano il 27° Cimento del Garda

La classifica provvisoria è guidata da "Fantastica" di Anna e Giulia Navoni, alla barra Davide Bianchini, team Campione Italiano in carica

Fincantieri: varata a Marghera “Nieuw Statendam”

Madrina della cerimonia è stata Anne Marie Bartels, socia élite del programma fedeltà President’s Club di Holland America Line e che da giovane fu tra le prime ad attraversare l’Atlantico da Rotterdam a New York

Kingii premiato con la Menzione d’Onore all'ADI Compasso d’Oro International Award 2017

“Un riconoscimento che premia l’impegno di Kingii Corporation nella ricerca e nell’innovazione che caratterizzano gli sforzi progettuali alla base della nuova versione di Kingii Wearable"

Meteorsharing, il punto al termine della stagione

Cominciata nel modo migliore grazie alla vittoria di Lucia Mauro a bordo di "Gatto Nero" al Cimento Invernale di Desenzano, è proseguita con gli oramai classici Match Race organizzati a Venezia e Jesolo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci