lunedí, 6 febbraio 2023


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nauticsud    dragoni    vele d'epoca    open skiff    regate    protagonist    the ocean race    campionati invernali    foiling    porti    vendée globe    america's cup    tiliaventum   

VELE D'EPOCA

Imperia, Vele d'Epoca: uno spettacolo senza confronti

imperia vele epoca uno spettacolo senza confronti
redazione

Sin dalle prime luci della mattina, la giornata si preannunciava di vento leggero e un residuo di onda, eredità della sventolata di ieri. La flotta ha iniziato a lasciare le banchine di Calata Anselmi per raggiungere il campo di regata, dove c’erano 6/7 nodi e, a complicare un po’ la vita ai tattici, onda lunga e, soprattutto, molta corrente. Partenze puntuali tra le 12:05 e le 12:15 per i due gruppi che hanno bordeggiato su un percorso di circa 7.5 miglia nautiche. Ad approfittare di queste condizioni meteorologiche particolari, gli scafi più piccoli e leggeri, che hanno così avuto la meglio sui grandi – e pesanti – yacht della categoria Big Boats, che nonostante lunghezza e una superficie velica impressionante, hanno bisogno di vento un po’ più sostenuto per esprimere il meglio delle loro capacità. A tagliare per primo la linea d’arrivo, che dopo il quarto posto di ieri è secondo nella sua Classe, l’epoca aurico Hendrik di Jean De Gaudenzi.
In ordine di grandezza, la giornata di oggi ha permesso così di andare a delineare una classifica dopo le due prove. Qui citiamo solo i primi di giornata al termine di due prove e poi per le classifiche complete rimandiamo alla sezione dedicata del sito Veledepoca.com.
Tra le Big Boat, il bellissimo 15 metri S.I. Tuiga, portacolori dello Yacht Club Monaco mentre tra i Classici 1, Crivizza di Ariella Cattai e con al timone il Vice Presidente dell’Aive Luigi Rolandi, nonché figlio del compianto storico Presidente della Federazione Italiana della Vela, Carlo.
Tra i Classici 2, con una bella doppietta di primi, rimane in testa Sagittarius di Thierry Laffitte. Vistona di Giovanni Battista Borea d’Olmo (che con quest’anno ha superato i 60 anni di possesso dell’imbarcazione e la quarta generazione di Borea d’Olmo a bordo). Tra gli aurici 2, il magnifico P-Class Olympian.
Tra gli Epoca Marconi, dominio di Anne Sophie di Hanns-Georg Klein mentre tra gli Epoca Marconi 2, successo di Emilia, l’antesignana dei 12 metri S.I. e che si vince il titolo di barca del giorno con un piccolo approfondimento qui:
Emilia, commissionata nel 1929 dal senatore Giovanni Agnelli, nacque come risposta all’amico-rivale il Marchese Spinola, che aveva da poco varato La Spina, il primo 12m S.I. italiano. Ma quando il destinatario della barca, il genero Carlo Nasi, dovette partire per l’America, Emilia venne acquistata dal genovese Attilio Bruzzone. Egli scelse di armare la barca a goletta Marconi, per usarla anche in crociera. Tra gli anni Settanta e Ottanta navigò in acque veneziane e nel 1988 fu restaurata presso il cantiere Beconcini di La Spezia, su progetto di Ugo Faggioni. Poi finì in Costa Azzurra e 10 anni più tardi subì un altro restauro. I nuovi proprietari hanno riportato Emilia all’armo originale dei 12m S.I., facendola diventare portabandiera dell’associazione The Yachting Heritage Society. Nel 2009 e 2010 ha vinto il Portofino Rolex Trophy.
Tornando in mare, primo sulla linea d’arrivo nella Classe Epoca Marconi 3, il bellissimo Comet. Barbara di Roberto Olivieri conduce la classifica tra i Marconi 4 mentre Midva di Davide Besana è primo tra gli IOR e Arcadia III di Bruno Ricciardi nei One Tonner.
Ora l’attenzione di tutti è per la grande e tradizionale festa di questa sera che avrà il suo apice con lo spettacolo dei fuochi d’artificio. L’appuntamento in mare è per domani alle 10:00 con la parata di tutti i partecipanti e alle 12:00 con il primo segnale di partenza del terzo e ultimo giorno delle ‘Vele’.

 


10/09/2022 19:30:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Parità di genere? Non al Vendée Globe che esclude Clarisse Crémer per maternità

Non è più valida la regola della qualifica automatica per i partecipanti all'edizione precedente e Clarisse Crémer, in maternità, non potrà mai conquistare i punti necessari per la qualificazione all'edizione 2024

C'è Wanax EXP Team in testa all'Invernale di Anzio/Nettuno

Ancora un bel fine settimana per Altura, J24 e Platu 25 al Campionato invernale di Anzio e Nettuno

A Fiumicino la tecnologia è di aiuto per migliorare la prestazione sportiva

A bordo delle barche presenti al Campionato Invernale di Roma un sistema GPS permette di analizzare la regata. Sabato la dimostrazione in aula, domenica torna la competizione

Benetti ha varato FB283, Full Custom yacht di 62 metri

Il 26 gennaio, all’interno del cantiere di Livorno, si è svolta la cerimonia di varo di FB283, Benetti Full Custom yacht di 62 metri con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, tagliato su misura del suo armatore come un vestito sartoriale

The Ocean Race, una guerra di nervi

È un momento di nervosismo per i velisti, e gli effetti della bonaccia si fanno sentire... (nell'articolo tutti i link ai video del giorno girati a bordo)

Partita la seconda manche del Campionato Invernale di Marina di Loano

Vento da Nord con 20 nodi alla partenza, progressivamente calato fino a 10 nodi all’arrivo, tanto sole e mare calmo per i 44 equipaggi iscritti al Campionato Invernale più frequentato della 1a Zona FIV

Tre Golfi 2023: dal 12 al 21 maggio dieci giorni di grande vela

Scatta il conto alla rovescia per la Tre Golfi Sailing Week e il Campionato Europeo Maxi con la penisola sorrentina ancora una volta protagonista dopo l'esaltante successo del 2022

America's Cup: sarà l'Orient Express team a rappresentare la Francia

Il Gruppo Accor e i suoi marchi Orient Express e ALL-ACCOR Live Limitless si impegnano per il team sportivo K-Challenge

47° Invernale del Tigullio verso la chiusura: lotta in tutte le classi per i titoli 2023

Si chiude nel fine settimana la 47a edizione del Campionato Invernale del Tigullio, rassegna velica d'altura a cura del Comitato Circoli Velici Tigullio

The Ocean Race: GUYOT environnement - Team Europe primo all'Equatore

GUYOT environnement - Team Europe è stato il primo a tagliare la linea degli 0 gradi nord poco dopo le 2 del mattino UTC mentre cinque ore e mezza dopo è stato Team Malizia ad entrare a sud

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci