mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

COPPA ITALIA

Bis del Tevere Remo nella Coppa Italia a squadre

bis del tevere remo nella coppa italia squadre
redazione

Quella che si è chiusa ieri a Porto Ercole è stata un’edizione della Coppa Italia veramente emozionante. La manifestazione organizzata dall’Unione Vela d'Altura Italiana, dal Circolo Nautico e della Vela Argentario (circolo ospitante), dal Reale Circolo Canottieri Tevere Remo (detentore del Titolo a squadre), in collaborazione con Vele al Vento Asd e con il patrocinio del Comune di Monte Argentario, ha coinvolto In acqua 36 imbarcazioni di altissimo livello equamente divise tra gruppo A e gruppo B in rappresentanza di 8 squadre: Centro Velico Siciliano, Circolo Canottieri Aniene, Circolo Nautico Caposele, Circolo Nautico Riva Traiano, Circolo Velico Fiumicino, Circolo Nautico e della Vela Argentario, Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, Yacht Club Punta Ala. Sono stati tutti protagonisti.

Abbiamo anticipato “tanti protagonisti” e su tutti abbiamo il vincitore Scugnizza IY 11.98 di Enzo de Blasio che aggiudicandosi la vetta delle due classifiche ORC e IRC ha conquistato la 35ma Coppa Italia. Questo risultato non lascia dubbi sulla forza del team e del suo armatore/timoniere e sulla qualità di questo innovativo progetto di Italia Yacht.

Abbiamo poi lo squadrone del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo che con i migliori risultati di Ulika Swan 45 di Stefano Masi (gruppo A) e Vulcano 2 First 34.7 di Giuseppe Morani (gruppo B) si è aggiudicato la seconda Coppa Italia - Trofeo Enway relativa alla classifica a squadre, bissando il successo della scorsa stagione.

Anche la giuria è stata protagonista, il presidente di Comitato Alessandro Testa coadiuvato dalla sua squadra della II zona Fiv, con la collaborazione del PRO Alfredo Ricci, hanno sapientemente sfruttato la meteo a loro disposizione portando a casa 4 regolarissime prove. Nella prima giornata hanno tenuto in acqua le imbarcazioni fino alle sette di sera e miracolosamente nessuno si è lamentato. I concorrenti hanno lodato l’operato dei giudici e... non è cosa di tutti i giorni.

L’organizzazione ha vinto la sua sfida, sarebbe stato fin troppo facile fare tutto a Cala Galera, ma la indisponibilità dei posti barca non lo ha reso possibile e quindi tutti in campo a Porto Ercole. Grazie alla collaborazione degli operatori dei pontili che hanno messo a disposizione i posti barca e alla loro assistenza messa a disposizione dei partecipanti, tutti sono stati accontentati. Il mini villaggio, aiutato dalla bontà del meteo ha permesso lo svolgimento di tutte le attività a terra al cento di Porto Ercole, praticamente in banchina, rendendo protagonista la Cala Vele del CNVA e il Molo della Guardia Costiera. Per questo un grande ringraziamento alla amministrazione comunale di Monte Argentario.

Lo sponsor Enway è stato con noi, a terra e in mare. Una presenza che ci ha onorato perchè testimonia la passione con cui segue la vela sportiva, tanto da farne un mezzo di promozione per la sua innovativa attività. Lo spirito e la cordialità con cui questa importante azienda ci supporta sono uno stimolo a fare sempre meglio.

Protagonisti anche quelli che prematuramente ci hanno salutato. Augusto ed Emanuela. Loro erano comunque con noi e tutti indistintamente lo hanno testimoniato con sentito affetto. Due momenti veramente toccanti sono stati vissuti con grande partecipazione, il lancio della corona in mare per Augusto e la consegna del trofeo intitolato ad Emanuela. Lacrime e sorrisi per quelli chi gli volevano bene.

La consegna dei trofei Coppa Italia e Coppa Italia – Trofeo Enway per Club avrà luogo venerdì 11 ottobre 2019 alle ore 18:00 presso la sede del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, in occasione della Premiazione dell’Armatore dell’anno 2019.

 


07/10/2019 14:49:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci