mercoledí, 27 gennaio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendée globe    cultura    press    the ocean race europe    giancarlo pedote    cambusa    vendee globe    laser    america's cup    trofeo jules verne    porti    trasporto marittimo    fiv   

SUBACQUEA

Big Blu: Shark Academy insegna ad amare gli squali

big blu shark academy insegna ad amare gli squali
red

Iniziano oggi 4 giorni full immersion a Roma durante l'EUDI SHOW (la fiera della subacquea). La Shark Academy è presente nel Padiglione 3 area Park Life, con 150 metri quadri di esposizione museale con circa 5000 pezzi da collezione da tutto il mondo, (solo 1/5 della mostra che normalmente è in esposizione nel centro ricerca a Jesolo Lido (Venezia). Probabilmente dal prossimo anno ci sposteremo da Jesolo con tutto il centro ricerca comprensivo di oltre 60 squali vivi e 30 vasche, per questo motivo cerchiamo sin da ora un comune interessato a ospitarci.
Durante la fiera di Roma che finisce lunedi 2 marzo ci saranno una serie di conferenze tenute dal presidente Riccardo Sturla Avogadri che mostrerà dei video d'immersioni fatte con gli squali nelle vasche del centro ricerca insieme a semplici subacquei, ma non solo... farà vedere come è riuscito a far immergere senza gabbia e senza protezione e a mani nude persino un DISABILE! Questo evento recentissimo di una settimana fa è il primo caso al mondo di disabile portato tra gli squali toro e con il quale è stato incredibilmente possibile stabilire un contatto REALE DISABILE-SQUALO , infatti il sig. Sergio Pariali brevettato da due mesi con il brevetto ESA e HSA, preso presso la scuola CRAL di Ferrara, capeggiata dall'istruttore Beppe Gardenghi, ha potuto accarezzare 4 squali toro in tutta tranquillità riuscendo grazie al Cral di Ferrara e Riccardo Sturla A. che gli stava a fianco a rompere la barriera di paura che in questi anni ha colpito molte persone (Se persino un disabile che in acqua non ha le sue capacità motorie al 100% riesce ad avvicinare 4 squali toro e persino ad accarezzarli in totale sicurezza, c'è da domandarsi di cosa abbiamo avuto paura in questi ultimi 40 anni!?)
Un altro fatto eclatante è stata una ragazza, Irma Petrone che non avendo mai indossato una maschera in vita sua e senza brevetto, dopo una breve lezione di sub è stata portata in acqua sempre da Riccardo in mezzo ai 4 squali toro. Nel mese di gennaio sono state fatte immergere ben 25 persone da tutta Italia e dall'estero.  Febbraio già 13. La shark dive mania sta piano piano prendendo in tutta Italia, specialmente l'immersione senza gabbia ma con la maglia in acciaio con i due squali dello Zambesi di 3 metri. Tutti questi filmati con commento sonoro e musiche di sottofondo, saranno proiettati in anteprima mondiale durante le 6 conferenze previste a Roma:

27 FEBBRAIO> PALCO PAD.3 ORE 13:00-14:00 / PALCO PAD.1 ORE 16:00-17:00

28 FEBBRAIO> PALCO PAD.1 ORE 14:00-15:00 / PALCO PAD.3 ORE 18:00-18:30

01 MARZO> PALCO PAD.1 ORE 14:00-14:30 / PALCO PAD.3 ORE 17:30-18:30

Durante queste conferenze verrà presentata la punta di diamante della Shark Academy, il libro Conoscere gli squali Pubblicato dalla Narvalo edizioni (rivista Aqva e Subaqva) che in nemmeno 20 giorni ha venduto già 800 copie del libro. Il libro è stato pure riconosciuto come unico libro di testo dalle più importanti didattiche subacque per il rilascio della specialità squali Shark Awareness. 140 pagine, 218 foto e 38 disegni, diviso in 6 capitoli, (3 legati alla biologia e 3 legati alla pratica) è il primo libro che unisce due campi normalmente distanti tra loro, da una parte i biologi che il più delle volte non hanno mai visto uno squalo sott'acqua e dall'altra i subacquei che sanno poco di biologia. L'unione delle due cose, dopo 25 anni di viaggi intorno al mondo e dopo aver creato un museo con più di 25 mila pezzi da collezione, l'esperienza vissuta in questi ultimi 3 anni stando a contatto con i 60 squali di 27 specie diverse a Jesolo Lido, e l'aver raccolto più di 700 libri monotematici sugli squali, ha permesso a Riccardo Sturla Avogadri di creare un manuale unico e completamente diverso da quelli tradizionali che si sono sempre visti in commercio.

Alla fiera di Roma è presente anche lo squalo bianco che Riccardo e Carlo Rambaldi (vincitore di 3 oscar con King Kong, Alien ed E.T.) hanno costruito nel 2005.

Diremo che di 4 squali toro presenti nel centro ricerca (3 maschi e una femmina) uno ha probabilmente iniziato ad accoppiarsi con la femmina, come mostrano alcuni segni di morso sul dorso e dall'organo riproduttivo maschile piegato in punta. Speriamo di riuscire a far accoppiare i nostri squali toro per poter liberare i piccoli in mare aperto in aree marine protette, con l'aiuto e i fondi di qualche ente italiano.

Come ultima notizia, non meno importante delle precedenti è il rapporto tra Sturla Avogadri e la Mares, in quanto riconosciuto testimonial subacqueo per il 2009 è presente in tutti i cataloghi prodotti mondiali Mares. La Mares da anni finanzia le ricerche scientifiche della Shark Academy e durante le conferenze, Riccardo presenterà ufficialmente in anteprima mondiale gli studi fatti su alcuni comportamenti dei pesci in presenza di squali. Questo ha fatto si che grazie al team Mares su progetto di Sturla, è stata costruita una SPECIALE MUTA SQUALO con relativi accessori-pinne, maschera, guanti, calzari, snorkel, che riprendendo le tecniche "fantasma" degli squali permette ai BAGNANTI di riuscire ad avvicinarsi ai pesci di nascosto senza essere visti (come uno squalo). Questo permette ai bagnanti di poter fare snorkeling e riuscire a vedere sul fondo più pesci rispetto al normale, e quindi riuscire a fotografarli, verificare la presenza di determinate specie in determinate aree, e giustificare il motivo per cui la maggior parte delle persone va a farsi una nuotata... per vedere i pesci!


27/02/2009 08:01:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

L'Europeo Laser Masters 2021 entra nel calendario del Circolo Vela Gargnano

In gara ci saranno gli Over 35 di tutto il Vecchio continente con un bel gruppo di ex velisti olimpici, con ancora tanta voglia di gareggiare con questo singolo, nella versione Radial anche categoria Femminile

Vendée Globe: un vincitore c'è già ed è Jean le Cam

Jean Le Cam e Damien Seguin sono i primi tra i no-foil ed entrambi autori di una corsa eccezionele - Video dei piccoli fan di Jean le Cam

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Come vincere il Vendée Globe nelle ultime 100 miglia

Secondo i calcoli al computer e le previsioni meteo, i primi skipper dovrebbero tagliare la linea mercoledì 27, in un arco temporale di poche ore. Allungata la linea di arrivo.... non si sa mai arrivassero insieme!

Volando sull'acqua da Ventimiglia a Montecarlo

Varato Monaco One, il catamarano di Monaco Ports per lo shuttle service con Cala del Forte – Ventimiglia.

Vendée Globe: una poltrona per tre

Mancano solo cinque giorni, o meno di 2000 miglia, al termine della nona edizione del Vendée Globe e per i primi skipper il finale è ancora aperto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci