martedí, 20 febbraio 2024

THE OCEAN RACE

The Ocean Race: Guyot environnement vince la In Port Race de L'Aia

the ocean race guyot environnement vince la in port race de aia
redazione

Martedì pomeriggio L'Aia ha offerto alcune delle migliori condizioni che la flotta IMOCA avesse mai visto in questa edizione di The Ocean Race. Un sole splendente e un vento teso che si è avvicinato ai 20 nodi hanno permesso un foiling "fast and furious" durante la In Port Race.

GUYOT environnement-Team Europe di Benjamin Dutreux ha raggiunto la linea di partenza alla massima velocità, sui foil, ed è stato in grado di navigare davanti a Team Holcim-PRB e di infilarsi di poco davanti a 11th Hour Racing Team.

Con le barche IMOCA che volavano fuori dall'acqua sui loro foil e i velisti al limite del controllo, l'avvicinamento alla prima boa è stato veloce. A un certo punto è sembrato che Dutreux non fosse in grado di prendere la boa, ma è riuscito a stringere e a prendere la rotta interna intorno alla boa 1, precedendo di pochi secondi 11th Hour Racing Team.

Team Malizia di Boris Herrmann è arrivato alle sue spalle e con una strambata anticipata ha preso la corsia interna per passare 11th Hour Racing Team.

Nel frattempo, Dutreux ha allungato il passo e ha costruito il suo vantaggio nel primo giro del percorso.

11th Hour Racing Team di Charlie Enright è riuscito a riconquistare il secondo posto su Malizia poco prima della fine del primo giro, mentre Biotherm e Team Holcim-PRB si sono dati il cambio più indietro.

Nel secondo giro del percorso - che è stato leggermente allungato per le condizioni di vento forte - Biotherm di Paul Meilhat ha iniziato a farsi sotto, incalzando Team Malizia e mettendo sotto pressione l'equipaggio tedesco, ma Boris Herrmann e il suo gruppo hanno mantenuto i nervi saldi e la posizione.

Durante il resto del secondo giro, Benjamin Dutreux e i suoi hanno navigato in modo impeccabile in condizioni difficili, tagliando il traguardo e conquistando la loro prima vittoria in The Ocean Race. Dopo l'emozionante rientro di Aarhus dopo il disalberamento, questo risultato sarà sicuramente molto gradito alla famiglia di The Ocean Race, una giusta ricompensa per un team che ha dimostrato una grande capacità di recupero, riuscendo ad arrivare più volte sulla linea di partenza dopo tante battute d'arresto.

"È bello, molto bello", ha detto Dutreux poco dopo aver tagliato il traguardo. "Grande spirito di squadra. Si è trattato di spingere al massimo e di rimanere concentrati. È fantastico, sono felice di aver portato una vittoria per tutta la squadra".

"Siamo felici. Abbiamo regatato con molta calma e pulizia", ha dichiarato Annie Lush dalla barca che ha vinto. "È davvero bello ottenere una vittoria. Sappiamo che gli altri stanno spingendo molto, perché questi risultati contano davvero per alcune delle altre barche, quindi è bello sapere che possiamo ancora essere più veloci di loro anche quando gli altri spingono così tanto".

Il secondo posto ottenuto da 11th Hour Racing Team di Charlie Enright lo pone in una posizione molto forte nella classifica delle In Port Race. Ciò darà al team americano ulteriore fiducia in vista dell'ultima tappa di The Ocean Race, dato che la classifica delle In Port Series funge da meccanismo di spareggio per la classifica generale della regata.

"È stato molto intenso, c'era molto vento e abbiamo lottato per una posizione in partenza con Holcim PRB", ha detto Enright. La partenza è avvenuta con 20 nodi, mentre alle boe 1 e 2 i nodi erano quasi 25". Tutto il team ha fatto un ottimo lavoro oggi. Ci siamo avvicinati molto alla linea di partenza, ma siamo riusciti a superare Holcim-PRB e a partire presto. Malizia ci ha superato, ma noi li abbiamo ripresi e abbiamo aggiunto un altro punto sul tabellone".

Team Malizia è riuscito a tenere testa a Biotherm per il terzo posto, lasciando Team Holcim-PRB in quinta posizione, un risultato deludente per Benjamin Schwartz e il suo equipaggio, dopo una buona partenza.

"Queste regate In Port sono molto divertenti", ha dichiarato Boris Herrmann. "Non abbiamo fatto una partenza ideale, ma abbiamo recuperato fino al secondo posto, poi abbiamo lasciato un piccolo spazio e 11th Hour Racing Team si è infilato all'interno e ha resistito (per il secondo posto)".

"Abbiamo fatto una buona partenza, ma siamo stati bloccati dagli altri", ha detto lo skipper di Holcim-PRB Schwartz. "Quando si scende dai foil in questo modo in una partenza al lasco, non si può fare molto. Naturalmente non è il risultato che volevamo, ma siamo riusciti a completare il percorso di regata con un nuovo equipaggio, quindi possiamo essere soddisfatti e ora ci concentriamo sulla prossima tappa".

Il prossimo appuntamento è la In-Port Race per la flotta VO65, che partirà mercoledì pomeriggio alle 17.40 ora locale all'Aia, con condizioni simili a quelle odierne.

IMOCA In Port Race - L'Aia
1. GUYOT environnement - Team Europe - 5 punti
2. 11th Hour Racing Team - 4 punti
3. Team Malizia - 3 punti
4. Biotherm - 2 punti
5. Team Holcim-PRB - 1 punto

 


13/06/2023 21:46:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Sospetto di frode per un routing nell'ultimo Vendée Globe

Secondo la stampa francese, dopo aver ricevuto degli screenshot anonimi, la Federazione Francese ha aperto un'indagine per sospetto di routing vietato e ha dato mandato ad una giuria di analizzare la veridicità dei fatti

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Invernale Bari: un vento variabile complica la giornata

Dopo tre prove in due giornate “Morgana” guida la classifica altura overall. “Folle Volo Racing” primo tra i minialtura dopo quattro prove in due giornate

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

The Ocean Race Europe 2025 partirà da Kiel, in Germania

Gli organizzatori di The Ocean Race hanno confermato che Kiel.Sailing.City ospiterà la partenza di The Ocean Race Europe durante una conferenza stampa tenutasi a Kiel mercoledì mattina. La partenza dell'evento è in programma per il 10 agosto 2025

Francesca Clapcich sarà la skipper di UpWind by MerConcept

L’UpWind by MerConcept, un team tutto al femminile parteciperà al circuito di multiscafi Ocean Fifty 2024, offrendo a un gruppo internazionale di atlete l'opportunità di competere ai più alti livelli della vela oceanica

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h recupera più di 1100 miglia

Charles Caudrelier, ancora in testa con un sostanzioso margine, è penalizzato dalla bonaccia al largo del Brasile, ma da questa sera dovrebbe ritrovare un po' di vento

Ocean Globe Race: Line Honours a Punta del Este per Pen Duick VI

Marie Tabarly: "E sì, ci sono momenti in cui ti senti piuttosto piccolo, specialmente sulla cima di un'onda alta da 7 a 10 metri, guardando l'immensità dell'oceano". Un pensiero anche per Translated9 costretto al ritiro

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci