giovedí, 25 aprile 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nacra 15    regate    mini 6.50    ran 630    ufo22    swan    class 40    niji 40    melges 24    america's cup    interviste    guardia costiera    turismo    trofeo princesa sofia    cnsm    la duecento    foiling   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: secondo posto per Thomas Coville

arkea ultim challenge secondo posto per thomas coville
Roberto Imbastaro

Charles Caudrelier, vincitore dell'ARKEA ULTIM CHALLENGE-Brest, ha goduto delle condizioni ideali per il suo trionfante arrivo martedì, ma migliaia di appassionati hanno sfidato ieri la pioggerella bretone per dare il benvenuto a casa al secondo classificato Thomas Coville e al suo Soldebo Ultim.

Caudrelier, che compie 50 anni lunedì, soprannominato "la macchina" dal suo team per la sua incredibile etica del lavoro, la sua determinazione e l'energia implacabile, ha ricevuto un'accoglienza calorosa e rispettosa per il lavoro svolto insieme al team Gitana, ma il pubblico di Brest ha riservato un'accoglienza speciale per "il recordman" che ha un rapporto particolare con la città che ha ospitato così tante partenze e arrivi di record di vela.

Il 55enne, che ha completato incredibilmente il suo nono giro del pianeta, è stato premiato per la sua passione e la sua condivisione, così come per la sua straordinaria abilità marinaresca, con un meraviglioso benvenuto a casa. Domenica 7 gennaio Coville ha lasciato il pontile con le lacrime agli occhi e ce n'erano alcune anche oggi, mentre riconosceva tanti volti tra i migliaia presenti.

Coville, il solitario francese skipper del Sodebo Ultim 3, ha tagliato il traguardo al largo di Brest per concludere l'ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest alle 13:42:40 UTC di questo giovedì pomeriggio, conquistando il secondo posto. Il suo tempo totale è di 53 giorni 1 ora 12 minuti e 40 secondi. In questa prima gara in solitario intorno al mondo mai disputata su giganti di classe ULTIM da 32 metri, Coville ha finito solo 2 giorni 6 ore 4 minuti e 48 secondi dietro il vincitore Caudrelier, arrivato a Brest martedì mattina.

Questo è il settimo giro del mondo di Coville su un multiscafo, il quinto in solitario. Il navigatore, indubbiamente il più esperto su un multiscafo in questa gara, ha affrontato alcune delle peggiori condizioni meteorologiche di tutti i sei skipper e ha superato anche un numero rilevante di problemi tecnici, uno dei quali lo ha costretto a fermarsi per 2 giorni e 2 ore a Hobart, in Tasmania. Lungo il percorso, Coville ha preso tempo per raccontare la sua storia con passione, emozione e chiarezza.

Come figura di spicco delle sfide in multiscafo intorno al mondo, Coville è stato uno dei primi a credere in questa gara e l'ha sempre promossa fin dalle sue prime fasi. Prima di partire per l'ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest, ha parlato di una gara che "segnerà la storia" e di come avesse la sensazione che lui e gli altri skipper fossero "pionieri". "Andremo a trovare la nostra parte di dolore, di auto-sacrificio, di scoperta. In un certo senso, questa è una spedizione".

Le sue prime parole sul molo,

Al pubblico: "Non pensavo che sareste stati in tanti qui. Quando parti come abbiamo fatto noi, non sai mai esattamente cosa ti può capitare. È stata una gara, una grande competizione. In questo tipo di progetto, dai tutto te stesso e ti impegni al massimo. Ecco, mi trovo qui davanti a voi, tipo un legno alla deriva, che è stato spazzato via dal mare e pensa che sia bello perché è semplice."

Il suo giro del mondo: "Ero in sintonia con questa macchina e con tutto il mio team. Volevamo che questo progetto fosse molto umano, e lo è stato. Quando sono partito dalla Tasmania, è stato molto difficile, c'erano dai 35 ai 40 nodi, ma per rimanere in gara e essere competitivo dovevo partire in quel momento. Ed è così che ho recuperato questo secondo posto. Non ci sono molte volte nella vita in cui sei in grado di impegnarti così tanto."

"Il percorso di Charles mi ha fatto sognare."

Il suo gusto per la competizione. "Competere mi ha aiutato molto a fare ciò che sembrava così doloroso quando lottavo per i record. Ho lottato a lungo contro il tempo di Francis Joyon, ma Francis stesso non c'era. Non avevo nessuno con cui confrontarmi. I miei pensieri vanno ad Armel, è così difficile per lui. Ero più in pace con me stesso in questa competizione che durante i tentativi di record. Aspettavo questo e Armel me l'ha dato, gliene sono grato."

Gli altri concorrenti. 

"Vorrei chiedere a Charles se sapeva che se fosse andato così veloce nei primi tre giorni, avrebbe avuto tutte queste bellissime sequenze meteorologiche a suo favore. Il suo percorso è ciò che mi ha fatto sognare di più durante tutto il giro del mondo! Mi piace essere secondo dietro di lui e mi piace essere davanti ad Armel! Vorrei anche parlare di Tom Laperche che è un grande campione emergente incredibilmente maturo."

La sua barca, il suo team.

 "Abbiamo costruito questa barca per questa gara intorno al mondo, per questa stessa gara che abbiamo immaginato dieci anni fa con Patricia Brochard. L'abbiamo fatto insieme! Questa storia ci appartiene, sarà ricordata per il resto delle nostre vite."


01/03/2024 10:13:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Caorle, La Duecento: già 90 barche a 15 giorni dalla partenza

A due settimane dal via de La Duecento, gli iscritti raggiungono quota 90 imbarcazioni, un record assoluto per la regata del Circolo Nautico Santa Margherita di Caorle che festeggia quest’anno la 30°edizione

America's Cup: anche Ineos Britannia è bellissima!!!

Rivelata la barca che tutti i fan britannici sperano abbia la migliore possibilità di vincere la 37ª America's Cup di Louis Vuitton in 173 anni di vani tentativi

Ufo 22: partita la Turbocup 2024

Imprevedibile Sebino, Pura Vida al comando prima tappa Turbocup '24.

Medaglia d’Oro al Valore Atletico per gli uomini del Moro di Venezia

Mercoledì 17 aprile alle ore 12.00, presso il Centro di Preparazione Olimpica Acquacetosa a Roma l’equipaggio de Il Moro di Venezia è stato insignito della Medaglia d’Oro al Valore Atletico alla presenza del Ministro dello Sport e i giovani Andrea Abodi

Gli Swan ripartono da Scarlino

ClubSwan Racing conferma le eccezionali sedi del 2024 per Swan One Design in giro per il Mediterraneo. La Rolex Swan Cup a Porto Cervo a settembre rappresenta il clou della stagione con l'atteso Swan One Design Worlds di ottobre

Mini 6.50, l'altura sono loro!

Parte la Roma-Barcellona ed è la Classe Mini a tenter alto il vessillo della vela "dura". Pochi i partecipante nelle regate lunghe come la RAN 630 e la Roma; boom di presenze alla 151 Miglia

Intervista al comandante di Nave Vespucci C.V. Giuseppe Lai

L’intervista “live” di Gianni Loperfido dal Circolo ufficiali della M.M.I. a Roma, al comandante di Nave Vespucci C.V. Giuseppe Lai durante il premio "Carlo Marincovich"

Melges 24, Trieste: il croato Razjaren si conferma leader

Nulla cambia in vetta alla classifica con il leader della prima giornata il croato Razjaren di Lukasz Podnieski che conferma e consolida il primato (2,2 i suoi parziali di oggi). Alle sua spalle si incendia la lotta per il podio

Niji40: primo Xavier Macaire, secondo Alberto Riva

Poco meno di un'ora ha separato all'arrivo Acrobatica da Group SNEF. Alberto Riva e il suo equipaggio sono stati gli unici a tener bene testa al francese Xavier Macaire

Scatta domani da Trieste la stagione europea 2024 della classe Melges 24

26 i team iscritti a questo appuntamento in rappresentanza di 9 Nazioni (Germania, Gran Bretagna, Slovenia, Croazia, Danimarca, Svizzera, Austria, Ungheria, Italia)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci