giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: intervista al leader della flotta, Charles Caudrelier

arkea ultim challenge intervista al leader della flotta charles caudrelier
Roberto Imbastaro

L'intervista allo skipper dell'ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest di martedì è con Charles Caudrelier, che ha guidato la flotta di sei barche ULTIM fin dalla prima notte. Ha mantenuto costantemente questo piccolo margine, lavorando duramente per trarre vantaggio dai più piccoli cambiamenti di brezza e oggi pomeriggio ha iniziato a prepararsi mentalmente e fisicamente per il primo grande colpo di questa prima regata in solitario senza scalo intorno al mondo su ULTIM. E questo pomeriggio ci sono voluti tre tentativi per far sì che lo skipper vincitore della Route du Rhum prendesse in mano il telefono....

 

"Sto uscendo dal mio sonno", ammette Caudrelier, riportando rapidamente l'equilibrio al suo abituale livello di lucidità e alta motivazione.

Come riassume il suo inizio di regata?

È un giro del mondo, non siamo in modalità "Route du Rhum". Abbiamo avuto difficoltà nel Golfo di Biscaglia, ho dovuto governare bene la barca e la prima notte non ho dormito molto. Ma ieri sono riuscito a riposare e la notte scorsa ho dormito bene. È molto importante mantenersi in forma. Cerco di fare la mia rotta senza preoccuparmi troppo degli altri. Nelle prossime ore non avremo molto vento, ma ne avremo un bel po' subito dopo, come domani.

 

È impressionato dal ritmo che ha tenuto fin dall'inizio?

Sicuramente c'è un'intensità notevole tra di noi, anche un po' eccessiva a volte. Con la brezza ho calmato le cose per la barca, soprattutto dopo aver toccato i 45, 46 nodi. Mi è sembrato un po' troppo veloce per quella che, dopo tutto, è la partenza di una regata intorno al mondo. Siamo partiti veloci, ma credo che con il tempo tutti troveranno il loro ritmo e tutto si sistemerà a poco a poco, soprattutto perché domani le cose si faranno serie con la prima depressione. Ma è bello vedere che siamo tutti vicini.

 

Quindi, oggi che siete rallentati da una bolla anticiclonica in cui state cercando di evitare di rimanere bloccati. Quali sono le priorità in questo momento?

Dobbiamo riuscire a passarci sotto. Più ci si avvicina al centro e più si ottiene un angolo migliore, un buon spostamento in anticipo ma con meno vento. È un po' un equilibrio tra turno e pressione. Non vediamo subito il risultato. Io sono il primo a entrare e quindi tutti mi risponderanno. Fa parte del gioco!

 

Domani pomeriggio c'è la prima depressione. Qual è la vostra strategia, avete stabilito un percorso, un piano con la vostra cellula di rotta?

Si sta evolvendo un po', sta cambiando un po', ma in generale non abbiamo molta scelta. Dovremo trovare il giusto equilibrio tra "non troppo vento" e "non troppo mare". Certo, il percorso è migliore se lo si attraversa, ma il rischio è maggiore. E all'inizio del nostro giro del mondo non vogliamo giocare con il fuoco. Dobbiamo essere in grado di posizionare il cursore nel posto giusto.

 

E dove dovrebbe essere collocato?

Sappiamo che più ci spostiamo a sud e a est, più siamo al sicuro. Ovviamente si perde un po' di tempo sulla rotta ottimale, ma è ancora presto per il giro del mondo, bisogna essere prudenti, ammetto che non mi sono ancora concentrato troppo su questo aspetto. Il medio e lungo termine lo lascio ai router. Io mi concentro sulle ore successive, impostando bene la giornata e gestendola bene.

 

Questo può ancora creare grandi distanze tra di voi?

Sì, può aiutare a distribuire un po' la flotta. Nessuno passerà esattamente nello stesso punto, nessuno avrà le stesse prestazioni e poi ci sono molte manovre da fare, che possono creare dei distacchi. Nell'anticiclone, tutto è un po' casuale in questo momento e la posizione perfetta non è mai facile da trovare. Ma di fronte a noi c'è un muro di mattoni, quindi i distacchi possono anche ridursi a zero.

 

Essere in testa, anche in una flotta così ristretta, è un bonus?

Non penso affatto alla classifica. So che se comincio a pensarci, ne divento subito ossessionato. Vado avanti per la mia strada senza pensare troppo agli altri. Quando parlo degli altri, vengo messo alle strette dai miei router (ride). È positivo, siamo in testa, ma questo non significa nulla.

 

Si sente bene, però?

Sì, sono felice. Ho dormito bene, posso mangiare bene ed è davvero fantastico. Forse farò un altro pisolino, ma va bene così!

 

AGGIORNAMENTO GARA. Da domani pomeriggio, "sarà piuttosto dura".

"In questo anticiclone, tutto è casuale", valuta Charles Caudrelier. Il gruppo di testa, composto da cinque persone, lo sta superando da questa mattina. Lo skipper del Maxi Edmond de Rothschild è in testa alla classifica mentre si vira verso ovest.

 

In termini di condizioni, diventerà molto leggero", ha confidato Will Oxley del team di Thomas Coville (Sodebo Ultim 3), "ora stiamo cercando di posizionarci per andare sotto la debole alta pressione in avvicinamento. Sembra che ci sarà vento piuttosto leggero.

 

Nel frattempo, la strategia di Le Cléac'h, più a sud, punta a uno spostamento a est un po' prima.

 

Oggi pomeriggio, con un vento inferiore ai 7 nodi, lo skipper del Maxi Banque Populaire XI è stato l'unico a superare i 10 nodi. Ma tutti gli occhi sono puntati su questa depressione che si estende dall'Irlanda a Capo Verde. "È un muro da attraversare con venti intorno ai 40 nodi e onde di almeno 4-6 metri. Il vento da sud tornerà gradualmente e le cose cominceranno a farsi più difficili", sottolinea Guillaume Rotte, il direttore di gara. "Da domani pomeriggio si entrerà davvero nel vivo".


09/01/2024 21:04:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci