giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: alla partenza da Brest una folla ..."oceanica"

arkea ultim challenge alla partenza da brest una folla quot oceanica quot
Roberto Imbastaro

All'apertura di un nuovo capitolo della storia delle regate oceaniche con la partenza dell'ARKÉA ULTIM CHALLENGE-Brest inaugurale, il sole splendeva sulla Rade de Brest, nell'ovest della Francia, e il modesto vento da NE era appena sufficiente a sollevare i giganteschi multiscafi ULTIM sui loro foil per sfrecciare verso il Golfo di Biscaglia. Con un vento modesto di 10kts da NE, davanti a una flotta di spettatori numerosa che ha sfidato il freddo invernale sull'acqua, Tom Laperche (SVR Lazartigue) ha fatto una partenza da sogno. Attraccato per ultimo a Brest ieri pomeriggio, dopo che il suo ULTIM aveva avuto bisogno di sei settimane di riparazioni, Laperche ha preso la linea di partenza in velocità entusiasmando i  presenti.  Considerando le previsioni meteo per i sei skipper che oggi hanno iniziato il primo giro del mondo in solitario su trimarani ULTIM giganti di 32mx23m, il record di François Gabart del 2017 di 42 giorni e 16 ore non è in pericolo.

Gran parte del passaggio verso l'Equatore sarà di bolina, rallentata prima da una depressione al largo del Portogallo e poi da una grande depressione atlantica che verrà affrontata nel corso della settimana. Per ora non c'è traccia di alisei veloci prima del passaggio nell'emisfero meridionale.

"Ho fatto un calcolo approssimativo questa mattina e potrebbero essere in ritardo di oltre due giorni rispetto al tempo record quando entreranno nel grande sud". Sam Goodchild, skipper britannico campione della serie IMOCA Globe e aspirante regatante del Vendée Globe, ha così commentato per il pubblico che guardava la partenza della regata in streaming nel primo pomeriggio.

Tuttavia, nessuno dei trimarani foiling giganti di ultima generazione ha mai navigato alla massima velocità attraverso l'Oceano Indiano e l'Oceano Pacifico, per cui qualsiasi gap  iniziale potrebbe essere ribaltato prima di Capo Horn.

 

Brest e migliaia di bretoni appassionati di vela hanno dato il giusto tributo a una regata che è stata un sogno condiviso da molti per oltre un decennio. Fin da prima dell'alba la folla ha costeggiato i pontili del villaggio di regata per salutare gli intrepidi sei, condividendo numerosi momenti di grande emozione.

 

Le interviste finali hanno offerto un'istantanea del carattere e della diversa mentalità di ciascuno degli skipper.  Il primo a raggiungere il suo Adagio Ultim è stato Eric Péron, 42 anni, di Brest su “Adagio” la barca più vecchia della flotta, l'ex Sodebo non alato varato nel 2014, che ha noleggiato per esplorare i suoi limiti personali e sfidare il suo senso dell'avventura.

 

Quando è salito a bordo, lasciando la moglie e la figlia piccola, Péron ha trattenuto le lacrime prima di salutare e ringraziare il suo team. In passato ha partecipato alla The Ocean Race in equipaggio, ed è un regatante impegnato che sa che se arriva alla fine e non si ferma ai box ha buone possibilità di salire sul podio. A bordo di Actual Ultim - su cui Gabart ha stabilito il record nel 2017 quando era MACIF 100, Anthony Marchand, 38 anni, ha un'esperienza completa in molte classi, tra cui l'ottava La Solitaire du Figaro e, più recentemente, le tappe della Southern Ocean Race su Biotherm.

 

Le sue parole non hanno mostrato alcun segno di nervosismo: "Ho dormito bene la scorsa notte. Non ho avuto bisogno di guardare un film ieri sera, ho avuto il tempo di stare fuori, con un bel piatto di pasta alla bolognese con la mia dolce metà. In questo momento ho un piccolo nodo allo stomaco perché sarà una giornata lunga, piena di emozioni. Questi "addii" non sono mai molto piacevoli, tutti li temono, ma questo è un momento speciale da godere. I minuti più belli, però, saranno quelli della partenza".

Tom Laperche, lo skipper più giovane in gara, ha portato il suo marchio di affabile e imperturbabile freddezza giovanile, a fronte di una concentrazione di ferro. Il suo SVR Lazartigue è arrivato a Brest solo sabato dopo sei settimane di riparazioni per i danni subiti durante la Transat Jacques Vabre di novembre, problemi strutturali che avevano chiaramente minacciato la sua partecipazione. Nato in una famiglia di regatanti oceanici, il giro del mondo potrebbe essere considerato il suo destino, ma avendo già co-skippato un ULTIM con il mentore François Gabart, vincitore del Vendée Globe, all'età di 24 anni Laperche ha molta esperienza in materia di ULTIM e farà il ritmo sulla barca più radicale e leggera della flotta.

 

Laperche ha dichiarato: "Non ci sono molti momenti come questo nella vita. Ho fiducia in tutto il mio team, hanno preparato la barca in modo eccellente e saremo al massimo livello sulla linea di partenza. C'è così tanta gente qui questa domenica mattina, che è davvero qualcosa di intenso. Spero che ci sia altrettanta gente quando arriveremo al traguardo. Nelle ultime settimane il mio team ha riesaminato ogni aspetto della barca e ha lavorato molto. Mi fido di loro. È incredibile sentire che sto partendo su questa barca da solo, ma con tutto il team che mi sostiene e su questa barca straordinaria. Me ne vado da qui con molti scenari, molte domande nella mia mente e allo stesso tempo sono molto felice di avere il privilegio di navigare intorno al mondo sul trimarano SVR-Lazartigue. Credetemi, lo sfrutterò al massimo!".

Il vincitore del doppio giro del mondo in equipaggio Charles Caudrelier conosce il suo Maxi Edmond de Rothschild varato nel 2017 meglio di quanto molti conoscano le loro barche e ha ottenuto più successi in regata di chiunque altro nella flotta ULTIM. Il progetto di Verdier è il più potente tuttofare della flotta e Caudrelier è un vincitore seriale. Alla folla ha parlato con fermezza della nuova avventura, del passaggio verso l'ignoto di una regata ad alta velocità in solitario di oltre 40 giorni, qualcosa di completamente nuovo per lui. Caudrelier ha detto: "Correre in solitario mi piace, non è una novità dopo La Solitaire e la Route du Rhum, ma l'incognita è la lunghezza di questa regata e come la affronterò; è lunga per essere soli. È un po' strano, siamo così abituati a partire in regata, solo che quello che sta per arrivare è più lungo del solito. Abbiamo il privilegio di essere al via di questa gara e dobbiamo ricordarcelo ogni volta che abbiamo paura o apprensione e ci diciamo che sarà dura. Non possiamo lamentarci".

Thomas Coville è stato uno dei due favoriti del pubblico, anche perché ha una lunga storia di record iniziati e finiti nella città francese di Ocean City e nella città dei record. Al suo nono giro del mondo, il 55enne sa cosa lo aspetta e può sicuramente salire sul podio con il suo Sodebo Ultim 3, ma ha ammesso che la notte scorsa è stata dura perché questa è la sua prima gara da quando entrambi i genitori sono venuti a mancare in rapida successione: "Durante il grande briefing operativo con il team tecnico di ieri sera abbiamo parlato di come questa domenica mattina ci sarebbero state molte emozioni e che dovevamo attenerci a ciò che sapevamo già fare molto bene. Poi ho sganciato la bomba atomica e ci siamo messi tutti a piangere. Questo è il mio primo giro del mondo senza i miei genitori. Loro sono altrove e io vado a correre. Ora lo faccio per me stesso, ma sempre con loro. La notte scorsa è stata terribile, ma forse metterla in parole ha liberato qualcosa. Ma sono qui e ora, mi sento molto felice e in sintonia con un periodo molto bello della mia vita.

Caudrelier condivide il titolo di favorito prima della regata con il 46enne Armel Le Cléac'h, che detiene il maggior numero di record di giro del mondo in solitario. Lo skipper di Banque Populaire XI ha compiuto tre volte il giro del mondo in solitario dal 2008 in regate Vendée Globe successive, arrivando due volte secondo e vincendo nel 2016. Insieme a Seb Josse ha appena vinto la Transat Jacques Vabre. Le Cléac'h si è piegato alla sua superstizione e ha evitato il trofeo come se fosse protetto da un campo di forza.

 

Le Cléac'h ha detto: "Non mi piace avvicinarmi troppo al trofeo, porta sfortuna. Il trofeo è per il traguardo! È da molto tempo che sogno una grande gara che parta dal Finistère. Ora tutto si è riunito per una grande storia. Sono cresciuto in questa bellissima regione, ho imparato a navigare non lontano da qui, non potevamo sperare in un addio migliore prima di un giro del mondo in solitario con queste barche. Ora sta a me riuscire nella mia missione".

 

Meteo complesso

I leader dovrebbero passare Capo Finisterre, al largo dell'angolo nord-occidentale della Spagna, lunedì mattina dopo un passaggio relativamente semplice della Biscaglia. Ma il primo grande ostacolo meteorologico è una depressione di bassa pressione, un thalweg al largo della costa portoghese che è il precursore della grande depressione atlantica.

 

L'asso del meteo spagnolo Pep Costa, che lavora con il gruppo meteo SVR Lazartigue, spiega: "È piuttosto complicato per gli skipper perché hanno un thalweg (una depressione) che devono attraversare dall'altra parte, il che significa una zona di transizione tra il vento da nord e il vento da est".

 

Will Oxley, australiano, che fa parte della cellula meteo di Sodebo di Coville, spiega: "C’è un elefante nella stanza ed è il grande fronte e la bassa pressione che la flotta incontrerà mercoledì 10. Tutto il set up ruota intorno a quando la flotta si troverà di fronte. Tutto la tattica ruota intorno a quando e dove interagiremo con il sistema? Come sappiamo, i programmi di routing meteo non conoscono paura e, lasciati a loro stessi, sono felici di mandare gli Ultim in mareggiate di 6 metri e raffiche di 45 nodi, quindi dobbiamo gestirli con attenzione".


07/01/2024 19:26:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci