domenica, 28 febbraio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    america's cup    regate    libri    turismo    nautica    nomine    banque populaire    maxi-tri    ambiente    the ocean race    circoli velici    este 24    scuola vela    garda    dolphin   

PERSICO 69F

YC Italiano e e SV Barcola e Grignano insieme sul Persico 69F

yc italiano sv barcola grignano insieme sul persico 69f
redazione

Insieme, con l’obiettivo di partecipare a una delle regate più rivoluzionarie della stagione 2020. Yacht Club Italiano e Società Velica di Barcola e Grignano hanno annunciato oggi la partecipazione congiunta alla Persico 69F Revolution CUP, in programma dal 14 al 19 agosto a Gargnano. Si tratta di una regata foiling a squadre a bordo dei Persico 69F cui parteciperanno 20, titolatissimi equipaggi provenienti da tutta Europa e da Hong Kong. YCI e SVBG schiereranno un proprio team misto, composto da Giulio Desiderato(YCI), Michele Paoletti (SVBG) e, quale terzo uomo, Vittorio Bissaro, olimpionico in classe Nacra 17.

 
Il team YCI-SVBG va a sottolineare la collaborazione in atto tra i due yacht club, sulla quale si basa il gemellaggio che riguarda anche gli eventi BarcolanaMillevele, e la storica collaborazione in occasione del Salone Nautico di Genova. 
 
“La collaborazione è nel DNA di chi va per mare, in primis, e missione principale dello YCI – afferma il Presidente dello Yacht Club Italiano Gerolamo Bianchi – che ha rapporti di reciprocità con i principali club velici del mondo. Con il mare Adriatico e la SVBG esiste un rapporto ancora più speciale, che non si limita a una prassi formale, ma è una collaborazione attiva che parte proprio dal gemellaggio tra Millevele e Barcolana e proseguirà con la partecipazione di un team misto, in una Classe innovativa a cui guardiamo tutti con grande interesse”.
 
“Questa collaborazione - ha dichiarato il presidente della SVBG Mitja Gialuz- nasce dalla volontà di due rispettivi nostri atleti di punta, Michele Paoletti e Giulio Desiderato, sempre pronti a mettersi in gioco e a trovare sinergie per poter eccellere. Con lo Yacht Club Italiano abbiamo una solida partnership che si rinnova con questo progetto di regata sui 69F, una barca straordinaria che abbiamo conosciuto in occasione del lancio nella scorsa edizione della Barcolana e che sarà presente a ottobre a Trieste. In bocca al lupo al team, che suggella una amicizia sempre più forte e costruttiva”.

“Nelle scorse settimane - ha dichiarato il velista triestino Michele Paoletti - ho partecipato a una serie di allenamenti e test sui Persico 69F e ne sono rimasto entusiasta. La barca è molto divertente, il circuito è agile, e la qualità dei velisti presenti sarà molto alta: sono tutti elementi vincenti, e mi fa piacere poter partecipare con un equipaggio armato da due circoli, che mette in evidenza l’importanza della collaborazione. Dal canto nostro, l’obiettivo è competere al massimo, perché queste barche esaltano la bravura degli equipaggi, e il foil, quando lo provi, diventa un’esperienza che vuoi ripetere”.
“Con Michele durante la scorsa stagione – prosegue Giulio Desiderato, atleta che corre con i colori del Club genovese – abbiamo trascorso almeno 100 giorni in mare assieme, siamo molto amici e abbiamo un affiatamento speciale a bordo. Ci è sembrato naturale coinvolgere i nostri rispettivi circoli in questa nuova avventura. Con Vittorio Bissaro, che è il più esperto di barche volanti dei tre, completiamo il nostro inedito equipaggio e ci prepariamo per affrontare al meglio la prossima Revolution Cup”.
“Mi è sempre piaciuto andare forte – conclude l’olimpionico veronese Vittorio Bissaro – e ho colto subito l’occasione per prendermi una pausa dagli allenamenti con il Nacra per partecipare a una regata con una barca che mi incuriosisce molto”. Il trentatreenne velista veronese in forza alle Fiamme Azzurre, è un grandissimo atleta reduce dalla vittoria del titolo mondiale 2019 della Classe Olimpica Nacra 17 in coppia con Maelle Frascari e ha al suo attivo la partecipazione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016.

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: New Zealand ci aspetta

Peter Burling:" Alcuni dei ragazzi di Luna Rossa erano nostri compagni di squadra l'ultima volta, quindi li conosciamo bene e loro conoscono noi"

Il mattino ha "l'Oro in Coppa"

Nell'alba italiana garrisce il tricolore ad Auckland dove Luna Rossa conquista il diritto a sfidare Team New Zealand per l'America's Cup vincendo la Prada Cup con un perentorio 7 a 1 su Ineos Team UK

Garda: i Dolphin pronti ad una grande stagione

Si parte a metà marzo con “Winter & Bianchi”

Fiart Rent: 11 yacht per le tue vacanze

L’esclusivo servizio charter per scoprire il Mediterraneo a bordo di uno yacht Fiart

Luna Rossa premiata con la Prada Cup

Con la cerimonia conclusiva, avvenuta sul main stage dell’America’s Cup Village di Auckland, la PRADA Cup è stata consegnata all’equipaggio di Luna Rossa Prada Pirelli, divenuto Challenger del 36 esimo America’s Cup Match

Gitana 17: il bilancio di una stagione deludente

Per Charles Caudrelier c'è frustrazione per aver mancato l'obiettivo del Trofeo Jules Verne, ma la consapevolezza di aver imparato molto. Prossimi impegni il Fastnet e la Transat Jacques Vabre

Armel Le Cléac'h e Kevin Escoffier: che coppia per Banque Populaire XI!

Due grandi skipper per una sfida gigantesca. Il Maxi Banque Populaire XI, in acqua entro la fine di aprile, partirà il prossimo novembre sulla Transat Jacques Vabre con grandi ambizioni. A bordo, Armel Le Cléac'h sarà insieme a Kevin Escoffier

Libri: "Denecia approdi nella pandemia" di Roberto Soldatini

Il diario di bordo di Roberto Soldatini che racconta da una prospettiva unica la vita durante i primi otto mesi dell'emergenza sanitaria

America's Cup: si profila un rinvio causa Covid

La prima regata dell'America's Cup rischia di saltare. Auckland entrerà in lockdown con una allerta 3 per sette giorni dalle 6 di domani mattina, come ha dichiarato il primo ministro Jacinda Ardern

Grecia: il Canale di Corinto chiuso fino ad aprile

L'inverno del 20-21 è stato ancora più devastante dei precedenti per il Canale di Corinto. Ci sono state frane più frequenti e significative, che hanno comportato una chiusura più lunga di quelle già subite dalla struttura negli ultimi decenni

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci