mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

PERSICO 69F

YC Italiano e e SV Barcola e Grignano insieme sul Persico 69F

yc italiano sv barcola grignano insieme sul persico 69f
redazione

Insieme, con l’obiettivo di partecipare a una delle regate più rivoluzionarie della stagione 2020. Yacht Club Italiano e Società Velica di Barcola e Grignano hanno annunciato oggi la partecipazione congiunta alla Persico 69F Revolution CUP, in programma dal 14 al 19 agosto a Gargnano. Si tratta di una regata foiling a squadre a bordo dei Persico 69F cui parteciperanno 20, titolatissimi equipaggi provenienti da tutta Europa e da Hong Kong. YCI e SVBG schiereranno un proprio team misto, composto da Giulio Desiderato(YCI), Michele Paoletti (SVBG) e, quale terzo uomo, Vittorio Bissaro, olimpionico in classe Nacra 17.

 
Il team YCI-SVBG va a sottolineare la collaborazione in atto tra i due yacht club, sulla quale si basa il gemellaggio che riguarda anche gli eventi BarcolanaMillevele, e la storica collaborazione in occasione del Salone Nautico di Genova. 
 
“La collaborazione è nel DNA di chi va per mare, in primis, e missione principale dello YCI – afferma il Presidente dello Yacht Club Italiano Gerolamo Bianchi – che ha rapporti di reciprocità con i principali club velici del mondo. Con il mare Adriatico e la SVBG esiste un rapporto ancora più speciale, che non si limita a una prassi formale, ma è una collaborazione attiva che parte proprio dal gemellaggio tra Millevele e Barcolana e proseguirà con la partecipazione di un team misto, in una Classe innovativa a cui guardiamo tutti con grande interesse”.
 
“Questa collaborazione - ha dichiarato il presidente della SVBG Mitja Gialuz- nasce dalla volontà di due rispettivi nostri atleti di punta, Michele Paoletti e Giulio Desiderato, sempre pronti a mettersi in gioco e a trovare sinergie per poter eccellere. Con lo Yacht Club Italiano abbiamo una solida partnership che si rinnova con questo progetto di regata sui 69F, una barca straordinaria che abbiamo conosciuto in occasione del lancio nella scorsa edizione della Barcolana e che sarà presente a ottobre a Trieste. In bocca al lupo al team, che suggella una amicizia sempre più forte e costruttiva”.

“Nelle scorse settimane - ha dichiarato il velista triestino Michele Paoletti - ho partecipato a una serie di allenamenti e test sui Persico 69F e ne sono rimasto entusiasta. La barca è molto divertente, il circuito è agile, e la qualità dei velisti presenti sarà molto alta: sono tutti elementi vincenti, e mi fa piacere poter partecipare con un equipaggio armato da due circoli, che mette in evidenza l’importanza della collaborazione. Dal canto nostro, l’obiettivo è competere al massimo, perché queste barche esaltano la bravura degli equipaggi, e il foil, quando lo provi, diventa un’esperienza che vuoi ripetere”.
“Con Michele durante la scorsa stagione – prosegue Giulio Desiderato, atleta che corre con i colori del Club genovese – abbiamo trascorso almeno 100 giorni in mare assieme, siamo molto amici e abbiamo un affiatamento speciale a bordo. Ci è sembrato naturale coinvolgere i nostri rispettivi circoli in questa nuova avventura. Con Vittorio Bissaro, che è il più esperto di barche volanti dei tre, completiamo il nostro inedito equipaggio e ci prepariamo per affrontare al meglio la prossima Revolution Cup”.
“Mi è sempre piaciuto andare forte – conclude l’olimpionico veronese Vittorio Bissaro – e ho colto subito l’occasione per prendermi una pausa dagli allenamenti con il Nacra per partecipare a una regata con una barca che mi incuriosisce molto”. Il trentatreenne velista veronese in forza alle Fiamme Azzurre, è un grandissimo atleta reduce dalla vittoria del titolo mondiale 2019 della Classe Olimpica Nacra 17 in coppia con Maelle Frascari e ha al suo attivo la partecipazione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016.

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci